Black list 2016 aggiornata: i paesi indicati dall’Agenzia delle Entrate

Impresa e Lavoro
black list

Black list: cos’è

Nel nostro Paese è stata definita una lista delle nazioni che presentano forme di fiscalità privilegiata. Si tratta della cosiddetta black list. Perché è così importante? Perché è stabilito l’obbligo di rendere note le operazioni che si sono verificate tra le imprese italiane e quelle che risultano domiciliate, dal punto di vista fiscale, nei paesi in black list.

È un intervento pensato per aggredire le forme di frodi fiscali internazionali e nazionali. La black list corrisponde a un elenco aggiornato con cadenza annuale da parte del dicastero dell’economia e dall’Agenzia delle Entrate.

La Svizzera risulta ancora a fiscalità privilegiata, verrà depennata dalla lista nera a partire dal prossimo anno (2017). Aruba, invece, non è più presente in questo elenco.

Comunicazione black list 2016 e 2017: gli obblighi

Nel nostro Paese chi è in possesso di partita Iva (dalle imprese alle ditte individuali) e definisce rapporti commerciali con nazioni che presentano fiscalità agevolata, è chiamato a rendere note all’Agenzia delle Entrate le varie operazioni.

Per quanto riguarda la repubblica di San Marino, si è verificata l’uscita dalla lista nera. Un risultato raggiunto inseguito agli accordi trovati con il nostro Paese.

Altro capitolo di rilievo è rappresentato dal Lussemburgo. Questo Paese non è più presente nella lista delle nazioni che offrono forme di

fiscalità privilegiata.

Anche la Svizzera sarà depennata dalla black list, inseguito alla modifica della convenzione relativa alla doppia imposizione Italia-Svizzera. È un risultato che prevede la fine del segreto bancario. L’uscita di scena è in programma dal 2017. La Svizzera sarà così coerente con gli standard Ocse, ma dal prossimo anno.

Elenco dei paesi black list aggiornato: chi è coinvolto e chi esce

Secondo l’articolo 1 della legge numero 190 del 2014 (nota come legge di stabilità 2015), il principale elemento che determina la permanenza nella black list è l’assenza di trasparenza e adeguate informazioni rese note al nostro Paese. Non è una tassazione più conveniente o un regime fiscale agevolato a determinate l’introduzione della nazione in lista.

I Paese che prevedono invece un trattamento fiscale privilegiato, ovvero che una tassazione molto bassa o persino nulla, sono riportatati invece nella black list italiana. In realtà non abbiamo una sola black list, ma tre: persone fisiche, Cfc (controlled foreign companies) e indeducibilità componenti negativi di reddito.

In ogni caso per appurare se una nazione fa parte o meno della lista sera è possibile appurare le disposizioni dall’Agenzia delle Entrate. Per completezza vi riportiamo le nazioni coinvolte (incluse quelle che hanno stabilito gli accordi per uscire dalla lista):

  • Alderney (Isole del Canale) sottoscritto accordo D.M. 27.04.2015
  • Andorra, stipulato accordo con il nostro Paese;
  • Anguilla, stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Antille Olandesi, stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Aruba, sottoscritto accordo con il nostro Paese.
  • Bahamas
  • Barbados (stipulata Convenzione)
  • Barbuda
  • Belize, stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Bermuda, stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Brunei
  • Filippine, stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Gibilterra, stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Gibuti (ex Afar e Issas) Grenada
  • Guatemala
  • Guernsey (Isole del Canale), stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Herm (Isole del Canale), stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Hong Kong, convenzione avviata, probabile uscita nel 2016;
  • Isola di Man, stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Isole Cayman, stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Isole Cook
  • Isole Marshall
  • Isole Turks e Caicos, (stipulato accordo con il nostro Paese).
  • Isole Vergini britanniche, (stipulato accordo con l’Italia).
  • Isole Vergini statunitensi
  • Jersey (Isole del Canale), stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Kiribati (ex Isole Gilbert)
  • Libano
  • Liberia
  • Liechtenstein (stipulato accordo con il nostro Paese)
  • Lussemburgo (fuori dalla lista)
  • Macao
  • Maldive
  • Malesia firmato accordo con l’Italia.
  • Montserrat firmato accordo con l’Italia.
  • Nauru
  • Niue
  • Nuova Caledonia
  • Oman
  • Polinesia francese
  • Saint Kitts
  • Nevis
  • Salomone
  • Samoa
  • Saint Lucia
  • Saint Vincent e Grenadine
  • Sant’Elena
  • Sark (Isole del Canale)
  • Seychelles
  • Tonga
  • Tuvalu (ex Isole Ellice)
  • Vanuatu

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Partite IVA regime semplificato 2017: ecco il principio di c... Novità importanti sono state introdotte dalla Legge di Stabilità 2016, il nuovo Regime semplificato per l'imprenditoria giovanile è una di queste. Le nuove norme che sono state introdotte hanno come obiettivo quello della semplificazione e accelerazione di tutte quelle pratiche burocratiche che per ...
Rimborso Spese Professionisti 2017 Quali sono i rimborsi spese dei professionisti? La corretta gestione dei rimborsi spesa per i professionisti è materia rilevante sopratutto per una corretta gestione delle somme corrisposte ai fini previdenziali e fiscali. Dovendo fare una distinzione iniziale, possiamo ricondurre la totalità dei r...
Ritenuta d’acconto per prestazione occasionale: guida La ritenuta d'acconto per prestazione occasionale rappresenta una pratica risorsa per pagare attività di natura lavorativa. È un elemento associato, nella maggior parte dei casi, ai giovani che si trovano a ricoprire un piccolo ruolo lavorativo. Quali sono le sue caratteristiche e come funziona? Ecc...
Il Sistema Vies Guida per l’Uso Che cos'è Vies? In questa breve guida si daranno delle informazioni utili per comprendere il sistema vies, ovvero l'acronimo più comune di " VAT Information Exchange System " ovvero quel sistema istituito sin dal 1993, in ambito Comunità Europea al fine di monitorare, controllare e ottenere informa...
Detrazione fiscale per omaggi aziendali: quali sono le possi... Le detrazioni fiscali per gli omaggi aziendali rappresentano un'opzione di cui è fondamentale conoscere le caratteristiche se si ha un'attività come libero professionista. Ecco tutto quello che c'è da sapere in merito. Detrazione fiscale per omaggi aziendali: ecco la disciplina Gli acquisti lega...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *