Bonus videosorveglianza 2017: cos’è, come funziona e chi può ottenerlo

Diritto
bonus videosorveglianza 2017

Bonus videosorveglianza: cos’è e come funziona il credito d’imposta per i sistemi di sicurezza

La Legge di Bilancio ha prorogato il bonus videosorveglianza per un altro anno. Il decreto MEF, pubblicato lo scorso 6 dicembre in Gazzetta Ufficiale spiega le modalità per la fruizione del bonus videosorveglianza 2017.

Il credito d’imposta che viene concesso a quanti hanno installato sistemi di allarme o videosorveglianza, nonché alle persone che hanno stipulato un contratto con un istituto di vigilanza perché sorvegli i propri immobili. Tuttavia in quest’ultimo caso, il credito d’imposta spetta solo se gli immobili in questione non sono utilizzati nell’esercizio di attività d’impresa o lavoro autonomo.

Il bonus infatti prevede il riconoscimento di un credito d’imposta in favore delle sole persone fisiche, perciò non vi hanno accesso società, imprese, commercianti o artigiani. Per l’agevolazione è previsto un limite massimo pari a 15 milioni di euro.

Bonus credito videosorveglianza 2017: come funziona l’agevolazione

Ma come funziona il bonus videosorveglianza? Quali benefici spettano? Ai cittadini che nel 2016 hanno istallato un impianto di videosorveglianza o hanno stipulato un contratto con un agenzia di vigilanza spetta non solo una detrazione fiscale del 50% grazie al bonus ristrutturazioni edili ma anche il bonus videosorveglianza. Un credito di imposta concesso a chi sostiene spese per la sorveglianza video.

La Legge di Bilancio 2017, poi, ha provveduto a confermare il bonus videosorveglianza, ovvero il credito d’imposta erogato in favore delle famiglie che istallano telecamere in casa o sottoscrivono un contratto con un’agenzia di sorveglianza.

Ricordiamo che il credito d’imposta è una specie di buono che il contribuente può utilizzare in sede di dichiarazione dei redditi. I lavoratori quindi possono scalare il credito nel momento in cui si trovano a dover pagare le tasse.

Requisiti bonus videosorveglianza 2017: chi può ottenere il beneficio

Chi può ottenere il bonus videosorveglianza 2017? L’agevolazione spetta esclusivamente ai cittadini privati che non sono titolari di Partita IVA, ossia solo alle famiglie. La normativa vigente stabilisce infatti che il credito d’imposta derivante dal bonus vale solo per le persone fisiche “non nell’esercizio di attività di lavoro autonomo o di impresa”.

Come già accennato, risultano esclusi dal beneficio sia i commercianti che gli artigiani, nonché le società e le imprese, incluse quelle individuali. Al momento tuttavia non sono disponibili i dettagli relativi ai limiti di spesa, l’importo massimo previsto per il credito d’imposta e le modalità previste per la fruizione del bonus.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Bonus Cultura 2017: Requisiti per accedervi Bonus Cultura Giovani: Cos'è? I diciottenni, sia maschi che femmine, potranno contare su un cospicuo bonus di ben 500,00 euro, chiamato bonus cultura, che il Governo mette a disposizione per acquisto di libri, visite e musei, film al cinema, spettacoli teatrali (cosa che i giovani non guardano più ...
Social card disoccupati 2017: condizioni, requisiti e import... Social card 2017: cos’è e come funziona il beneficio La social card disoccupati 2017 è un'agevolazione prevista dalla Legge Stabilità 2016 e dal Ddl povertà. Un sostegno economico il cui importo varia a seconda del numero dei membri del nucleo familiare del richiedente. L’obiettivo della social ...
Detrazioni fiscali figli a carico 26 anni: le regole da segu... Per le detrazioni fiscali figli a carico 26 anni esistono regole specifiche da seguire, che variano a seconda dell’imposta presa in esame e del reddito percepito annualmente. Detrazioni figli a carico 26 anni: le specifiche generali Per quanto riguarda le detrazioni fiscali figli a carico 26 anni ...
Bonus figli a carico 2017: requisiti e importi dei nuovi ass... Assegno figli a carico 2017: tutte le novità sul nuovo bonus per le famiglie Il bonus figli a carico 2017 è una nuova misura su cui sta lavorando la Commissione Finanze al Senato con il disegno di legge delega presentato da Stefano Lepri. La discussione in aula è prevista a breve, ma dato il consen...
Registrazione marchio: tempistiche e modalità La registrazione marchio è una fase cruciale per chi vuole proteggere la proprietà di un prodotto o di un servizio. Per le aziende è un ulteriore vantaggio, in quanto consente di avere maggiori chance di fiducia da parte dei consumatori. Cosa devi sapere prima di registrare un marchio Prima di pro...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *