Costo revisione auto: cosa devi sapere per essere a norma

Casa e Ambiente
Costo revisione auto

Per essere a norma quando si possiede una macchina è fondamentale informarsi su costo revisione auto e su altri aspetti tecnici connessi a questa pratica obbligatoria, che riguarda anche chi possiede una moto.

Revisione dell’auto: le ultime novità

Parlare di costo revisione auto non è sufficiente per avere le idee completamente chiare sulle caratteristiche tecniche della pratica.

Fondamentale è infatti ricordare che, a partire dal 2016, si sono inaspriti i controlli, che sono ormai diventati diretti e che possono avvenire anche tramite apparecchiature di video sorveglianza installati nelle singole officine a spese dei titolari delle attività.

L’obiettivo è quello di evitare che i proprietari considerino valido un documento che non è il frutto di un effettivo controllo dello stato del veicolo da parte del meccanico.

Quanto costa la revisione dell’auto?

Nonostante i cambiamenti appena ricordati, il costo revisione auto non cambia e neppure le tempistiche da rispettare per l’adempimento della pratica vengono modificate.

La revisione dell’auto, obbligatoria per ogni proprietario, ha un costo stabilito dal Ministero dei Trasporti e corrispondente alla somma di 65,68€.

Quali voci di spesa concorrono alla formazione di questo importo? La principale da considerare è la tariffa obbligatoria per la revisione, corrispondente a 45€.

L’IVA sulla suddetta somma è pari al 22% e quindi a 9€. Da aggiungere vi sono poi ulteriori 9€ per i diritti sulle pratiche automobilistiche e 1,46€ a titolo di servizio di versamento.

Con l’aggiunta dell’IVA sull’ultima voce di spesa e del totale per diritti e commissioni si arriva alla somma finale di 65,68€.

Revisione veicoli: quali problemi comportano le novità normative

Come già accennato, limitarsi a parlare di costo revisione auto è riduttivo e non permette di capire fino in fondo cosa è cambiato con l’introduzione delle ultime norme, che hanno portato in evidenza anche delle difficoltà tecniche.

Quali di preciso? Tra le più importanti è senza dubbio possibile includere i controlli sul freno di stanziamento, che non possono essere effettuati su tutte quelle vetture dotate di freno a mano elettrico.

Targhe estere: cosa succede con la nuova revisione?

Un altro aspetto da approfondire oltre alla questione del costo revisione auto è il trattamento delle targhe estere.

I veicoli in questione non possono essere sottoposti a revisione in territorio italiano e questo desta molte preoccupazioni tra gli operatori tecnici, in primo luogo per via dell’aumento delle pratiche burocratiche da espletare

Da non dimenticare è anche il fatto che l’introduzione delle normative citate nei paragrafi precedenti ha comportato un costo considerevole per gli operatori del settore, che si sono visti costretti a spendere una media di 10.000€ a centro per adeguare le attrezzature alle nuove indicazioni normative sul controllo con video sorveglianza.

Concludiamo ricordando che la prima revisione va fatta entro 4 anni dall’immatricolazione del veicolo.

 

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Requisiti per certificazione energetica, elenco dei soggetti... Requisiti per certificazione energetica, pubblicato l'elenco dei soggetti abilitati. Il DPR n. 75 è entrato in vigore Il 12 luglio 2013. Il decreto fa luce su quali siano gli effettivi requisiti professionali richiesti e i criteri di accreditamento necessari per l'indipendenza di professionisti ed o...
Certificazione energetica: come detrarla? La certificazione energetica costituisce un costo detraibile dalla tasse a fine anno. Ecco tutto quello che c'è da sapere per procedere con sicurezza al proposito, senza paura di commettere errori. Attestato certificazione energetica: quanto si può detrarre? La certificazione energetica - tecnicam...
Detrazioni fiscali vantaggiose per immobili privati e condom... Una novità sostanziale quella dell'aumento delle detrazioni fiscali che dal 55% sale fino al 65%. Grazie al consiglio dei ministri che ha discusso sulla necessità di innalzare il tasso detraibile per opere di ammodernamento di immobili singoli e condominiali e opere di rivalutazione ambientale, la d...
Fotovoltaico, quanto si risparmia nel 2015? L’installazione di un impianto fotovoltaico sul tetto di un appartamento o di un’azienda rappresenta sicuramente una mossa importante a favore della tutela dell’ambiente. Due gli effetti principali che ne derivano: la produzione di energia pulita e la riduzione delle spese della bolletta elettrica. ...
Detrazioni Fiscali Risparmio Energetico 2017: La guida e le ... Ecobonus 2017: Finalità dell'incentivo fiscale Negli ultimi anni l’Ecobonus, cioè la facoltà di poter detrarre il 65% dei costi sostenuti per il risparmio energetico, ha riscosso notevole successo e molti consensi fra gli addetti al settore, generando effetti positivi per la riqualificazione energe...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *