Detrazione 50% fino al 2013

Detrazione 50

Fino al 30 giugno 2013 potrete usufruire della detrazione fiscale  al 50% per le ristrutturazioni e per opere riguardanti il risparmio energetico del 55%.

Il 22  giugno 2012 è  entrato in vigore il Dl 22 giugno 2012 n.83 grazie al quale si potrà beneficiare di una più ampia incentivazione per quanto riguarda le ristrutturazioni degli edifici e le opere riguardanti il risparmi energetico.

Le detrazioni Irpef per le ristrutturazioni edilizie sono allo stato attuale del 50%, mentre  l’importo massimo detraibile per ogni unità abitativa arriva ora a 96.000 euro, fino al 30 giugno 2013, dopodiché si tornerà alla detrazione del  36%,.

Per quanto concerne invece il risparmio energetico la  detrazione attuale è  del 55% fino al 30 giugno 2013 , dopo, si riduce al 36%.

Per l’efficienza ed il risparmio energetico e gli interventi volti a questo scopo, soprattutto per quel che concerne impianti con fonti rinnovabili si prevede una proroga  di sei mesi della detrazione Irpef del 55%, fino al 30 giugno 2013.

E’ necessario però inviare in forma telematica entro 90 giorni dalla fine dei lavori, all’Enea, la  scheda informativa degli interventi realizzati e la  qualificazione energetica.

L’importo nella dichiarazione dei redditi deve essere indicato dall’anno seguente ed è detraibile in 10 rate per tutti i contribuenti.

I beneficiari del primo incentivo sono persone fisiche che possiedono un immobile, acquistato entro il 31 dicembre 2012.

Ricordiamo che sui  lavori e sui materiali  l’aliquota Iva è agevolata al 10%.

Per usufruire di tali benefici è necessario che nel Modello Unico e nel 730 siano indicati i dati catastali identificativi dell’immobile.

Ovviamente è anche necessario possedere gli altri documenti validi per l’attività edilizia, come la concessione edilizia DIA/SCIA ed altri documenti fondamentali come la dichiarazione dei redditi che deve dichiarare l’importo dall’anno seguente e va suddivisa in dieci anni, per chi ha un’età inferiore ai 75 anni, per chi supera la spoglia dei 75 anni 5 anni, e per chi ha ha più di 80 anni 3 anni.

Se volete trarre beneficio  della detrazione Irpef al 50%, le vostre spese di ristrutturazione dovranno  essere pagate all’impresa edilizia con bonifico bancario tracciabile in cui è necessario indicare:  il numero della partita IVA o il codice fiscale del beneficiario; il codice fiscale del destinatario della detrazione;  la causale del versamento.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Aspetti centrali del bonus mobili 2013 Aspetti centrali del bonus mobili 2013: ecco i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate. Novità sul fronte del bonus mobili 2013. Avete tempo fino al 31 dicembre per eseguire delle opere di ristrutturazione edilizia usufruendo una detrazione irpef pari al 50% in merito alle spese affrontate. Abbiamo u...
Ecco tutti gli interventi agevolabili detrazione 50 Ecco tutti gli interventi agevolabili detrazione 50. Ormai è un fatto noto a grande pubblico, la detrazione 50 in merito alle ristrutturazioni edilizie è stata prorogata sino al 31 dicembre 2013. Insieme a tale misura è stata portata la soglia dal 55% al 65%. Cerchiamo di comprendere quali sono, ...
Come ottenere la detrazione irpef mobili ed elettrodomestici... Come ottenere la detrazione irpef mobili ed elettrodomestici? Il mese di agosto appena concluso ha visto l’entrata vigore della detrazione irpef del 50% sulle opere di recupero del patrimonio edilizio. L’importo massimo detraibile non può superare complessivamente i 96.000 euro. La legge ha condo...
Quali sono le novità detrazioni Legge Stabilità 2015? Detrazioni Legge Stabilità 2015: quali sono le novità? Gli oneri sostenuti per le opere di recupero edilizio e di riqualificazione energetica potranno essere detratti del 50 e 65 per cento per l’intero 2015. È uno dei punti fermi della Legge di Stabilità 2015. Vediamo insieme tutte le ultime novità...
Detrazione 2015: cosa cambia rispetto al passato? Detrazione casa 2015: le differenze con l'anno in corso Non sarà un buon 2015 per chi vuole ristrutturare casa. Come minimo, sarà peggiore rispetto al 2014. Ovviamente, è una questione di pressione fiscale. Le detrazioni 2015 saranno inferiori alle detrazioni 2014. Il rischio è intuitivo: disincent...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *