Ecobonus: Guida ENEA alla detrazione fiscale 65% 2017

Casa e Ambiente
ecobonus 2014 e detrazioni

Cos’è l’ENEA?

L’Enea, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, è l’Ente di riferimento per l’ambiente e l’energia in Italia. Nata nel 2009, ereditando le competenze degli Enti che l’hanno preceduta, l’Agenzia Enea è finalizzata “alla ricerca e all’innovazione tecnologica nonché alla prestazione di servizi avanzati nei settori dell’energia, con particolare riguardo al settore nucleare, e dello sviluppo economico sostenibile”.

Per le sue competenze l’Enea è preposto a spiegare e chiarire, anche da un punto di vista tecnico, tutti gli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica per i quali la legge di Stabilità ha previsto una detrazione del 65%.

Ecobonus 2017: Cos’è e come funziona

L’ecobonus è la possibilità prevista, per chi ristruttura la propria abitazione apportando interventi di riqualificazione energetica, di ottenere una detrazione fiscale del 65%. Negli ultimi anni l’ecobonus ha favorito miliardi di nuovi investimenti, creando ottime opportunità per i cittadini ma anche stimolando il miglioramento della qualità degli edifici e del risparmio energetico: pertanto è quasi sicura la proroga valida per il triennio 2016-2019 da parte dell’esecutivo dell’ecobonus, inserito nella Legge di stabilità 2017.

La detrazione fiscale al 65% è prevista per la domotica, cioè tutti quei meccanismi informatici ed elettronici che permettono di gestire “da remoto” gli impianti di climatizzazione e riscaldamento.

Enea Ecobonus 2017 per Domotica: Guida alla detrazione fiscale

L’Enea, sul suo sito internet, ha pubblicato un breve vademecum nel quale illustra caratteristiche degli immobili ed interventi richiesti per poter usufruire della detrazione al 65%.

L’edificio, affinché possa avvalersi dell’ecobonus, deve essere:

  • Accatastato o con una richiesta in corso;
  • Perfettamente in regola con il versamento delle tasse;
  • Provvisto di impianto di riscaldamento.

I dispositivi invece devono:

  • Indicare i consumi energetici, mostrando periodicamente i dati aggiornati;
  • Rappresentare le caratteristiche di funzionamento e la temperatura di regolazione degli impianti;
  • Consentire l’accensione, lo spegnimento e la programmazione settimanale degli impianti da remoto.

A chi spetta l’Ecobonus del 65%?

La detrazione ecobonus al 65% spetta a:

  • Persone fisiche
  • Imprese
  • Associazioni tra professionisti
  • Commercianti
  • Enti non commerciali

Detrazione 65 Enea: Quali spese e a quanto ammonta?

Le spese che si possono detrarre sono:

  • I materiali che hanno permesso il risparmio energetico;
  • La manodopera professionale per l’installazione degli impianti in modo da ottenere la certificazione energetica adatta;
  • I costi relativi a messa in opera e fornitura per coibentazione e climatizzazione e quindi un generale miglioramento termico dell’edificio (pavimenti, finestre ed infissi);
  • L’installazione di pannelli solari.

La spesa massima dipende dal tipo di lavori svolto, in particolare:

  • Migliorare l’efficienza energetica tramite una riqualificazione totale di un edificio permette di detrarre lavori fino ad un massimo di 100.000 Euro;
  • Sostituire infissi, coibentare pareti e soffitti consentono di detrarre al massimo 60.000 euro;
  • L’installazione di un impianto solare termico consente detrazioni fino a 60.000 euro;
  • La sostituzione della caldaia con un nuovo impianto a biomassa oppure a condensazione dà la possibilità di detrarre fino a 30.000 euro.

I documenti necessari per presentare la domanda

L’Agenzia delle Entrate, in una sua circolare, ha elencato tutti i certificati necessari per avere la detrazione al 65%. I documenti richiesti sono:

  • Il certificato di un tecnico esperto oppure l’attestato di partecipazione ad un corso di formazione riconosciuto, nel caso di autocostruzione di pannelli solari
  • La certificazione energetica dell’immobile se c’è stato il miglioramento energetico di un edificio già esistente, preparata da Regione o ente locale in caso di immobile pubblico, altrimenti da un professionista abilitato
  • Elenco informativo dei cambiamenti apportati e copia della certificazione energetica da inviare entro 90 giorni dalla fine degli interventi previsti e tramite procedure telematiche.
  • Rendicontazione delle spese effettuate se e solo se i lavori necessari per la riqualificazione energetica sono da imputare a più periodi d’imposta. Va quindi a tal proposito inviata una comunicazione online all’Agenzia delle Entrate entro 90 giorni dalla fine del periodo d’imposta.

Come effettuare il pagamento

I costi sostenuti vanno pagati secondo il regolamento dell’Agenzia delle Entrate e si differenzia fra i contribuenti che non risultano titolari di reddito d’impresa che devono pagare esclusivamente tramite bonifico postale o bancario, mentre chi possiede redditi d’impresa può anche presentare la prova delle spese con ulteriore e differente documentazione.

Nel bonifico bancario o postale vanno indicati:

  • Codice fiscale del professionista o partita IVA della società incaricata dei lavori;
  • Codice fiscale del soggetto beneficiario dell’ecobonus;
  • Causale del pagamento.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Bonus terremoto: detrazione 65 spese lavori adeguamento sism... Dopo i tragici eventi di Amatrici e dei comuni limitrofi rasi completamente al suolo del potente sisma di magnitudo superiore a 6, il Governo Renzi ha stabilito di venire incontro a tutti coloro che non vogliono ripetere il dramma di Amatrice e vogliono adeguare le proprie abitazioni al rischio sism...
Detrazioni Fiscali per Condizionatori 2017: quali sono le ag... La Legge di Bilancio 2017 ha ufficialmente prorogato il bonus sulle ristrutturazioni edilizie per il risparmio energetico. Vediamo nello specifico quali spese sono detraibili per quanto riguarda i condizionatori. Prorogato il bonus condizionatori nel 2017 Grazie alla legge numero 232 dell’11 di...
Bonus mobili 2017: chi può usufruire della detrazione 50%. G... Bonus mobili e arredi: cos’è e come funziona La nuova legge di Bilancio 2017 ha prorogato per un altro anno il bonus mobili 2017, misura che però rimarrà attiva con alcune modifiche rispetto a quanto previsto per gli anni passati. Fino allo scorso anno le spese ammesse per la detrazione Irpef, prev...
Detrazione 36 o 50? La scelta dell’opzione più conveniente... Detrazione 36 o 50? Il contribuente può scegliere l’opzione più conveniente. Per quanto riguarda gli interventi di ristrutturazione il cittadino ha la facoltà di sceglie quale bonifici portare in detrazione, fatta eccezione quelli detraibili al 36 per cento (antecedenti il 26 giugno 2012). Dopo tale...
Detrazione del 50% per ristrutturazioni e risparmio energeti...   Il settore dell’edilizia sembra essere ancora la parte trainante dell’economia italiana, costruire case ed immobili rappresenta per il nostro paese una fonte di guadagno e accresce la ricchezza del nostro PIL, con conseguente arricchimento dell’economia italiana, anche se negli ultimi tempi ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *