Incentivi per Disoccupati 2017

Impresa e Lavoro
social card disoccupati

Bonus per Disoccupati: Anticipazioni 2017

Anche per il 2017 il Governo Italiano ha stabilito dei fondi per aiutare le famiglie in difficoltà e i disoccupati, uno degli incentivi per disoccupati che è stato rinnovato per il 2017 e ha avuto un grande successo in questi ultimi anni è la social card, stabilita dalle leggi di stabilità del 2016 e con lo scopo di sostenere le famiglie con un figlio minore a carico che hanno un reddito inferiore a una certa soglia.

L’incentivo concesso può arrivare a un massimo di 404 euro a seconda di quanti figli minori si abbiano a carico, in modo da garantire la minima sussistenza ai nuclei familiari che vivono veramente in situazioni economiche disastrose. Il requisito principale per ottenerla, oltre ad avere un figlio minore a carico, è infatti avere un reddito Isee inferiore ai 3000 euro annui, ovvero guadagni veramente ai limiti della decenza se non sotto, a cui il Governo deve necessariamente mettere mano per garantire a tutti pari opportunità.

Social Card per Disoccupati 2017: Cos’è e requisiti

La social card è una normale carta prepagata in cui ogni mese viene accreditato un dato importo a seconda del numero del nucleo familiare fino a un massimo di 404 euro. Per ottenere la carta occorre recarsi all’ufficio postale di zona e compilare il modulo adibito alla richiesta.

La posta chiederà lo stato di famiglia, per certificare i requisiti, e l’Isee, nonché un documento di identità. I requisiti per la sociale card sono infatti:

  • Isee inferiore ai 3000 euro annui;
  • Almeno un figlio minore a carico;
  • Patrimonio immobiliare non al di sopra degli 8000 euro;
  • Non avere una autovettura.

Se si hanno questi due requisiti ci si può recare alla posta per richiedere la card portando con se:

  • Documento di Identità;
  • Stato di Famiglia;
  • Isee.

Una volta trasmesso il modulo il comune verificherà la veridicità dei dati, che possono anche essere autocertificati, dopo di che provvederà a inviare a casa la card, o in alternativa l’avviso per poterla ritirare. Una volta attivata questa speciale carta inizierà a essere ricaricata mensilmente dell’importo dovuto.

Altri requisiti per la domanda della Social Card per disoccupati

Gli altri requisiti da soddisfare sono il non avere un patrimonio immobiliare superiore agli 8000 euro e non possedere un’autovettura o un ciclomotore superiore ai 125 di cilindrata.

Queste ultimi due misure sono state create per garantire gli aiuti economici a coloro che ne hanno veramente bisogno, non che chi ha una vettura non ne abbia bisogno, ma sicuramente a chi non la ha deve essere concessa un’ulteriore possibilità, in quanto si trova ancor di più in posizione disagiate.

Il denaro viene infatti concesso dall’Inps che lo preleva da un determinato fondo economico che non è infinito, e che quindi non potrebbe garantire i redditi a tutti, per questa ragione il denaro messo a disposizione dal settore pubblico deve essere usato con parsimonia e non deve assolutamente essere sperperato ne essere usato da chi ne ha meno bisogno.

Agevolazioni per Disoccupati 2017: Importi della Social Card

Gli importi che verranno ricaricati sulla social card variano a seconda della composizione dei nuclei familiari, rispettando questo schema:

  • 2 membri 160 euro;
  • 3 membri 240 euro;
  • 4 membri 320 euro;
  • 5 membri 404 euro.

 

Voucher Lavoro 2017: Altri incentivi al reddito

Assieme alla social card 2017 per i disoccupati il governo ha creato anche un sistema di sostegno alla formazione, tramite i voucher lavoro, dei buoni che servono per specializzare il lavoratore momentaneamente disoccupato. Grazie ai voucher si potranno così frequentare gratuitamente dei corsi professionalizzanti, che serviranno per l’appunto a garantire un ritorno all’occupazione. In questa maniera si potranno avere più possibilità lavorative divenendo più appetibili nel mondo del lavoro, che come ben si sa diventa sempre più esigente.

Se si specializza in qualcosa di cui il mercato ha bisogno si diventa richiesti sul mercato del lavoro e di conseguenza si avranno serie possibilità di poter essere presi in considerazione in fase di colloquio, senza rischiare che il proprio curriculum rimanga nel dimenticatoio di centinaia di aziende perché generico e quindi privo di quel valore in più che può segnare la differenza tra l’essere un disoccupato qualunque e l’essere una risorsa potenziale per le aziende.

I Voucher lavoro servono appunto a questo e sono uno degli incentivi per i disoccupati più utili in senso propositivo, e non solo difensivo, che il Governo ha deciso di elargire a coloro che vivono questo disagio.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Contratto a Tutele Crescenti: Cos’è e a chi si applica? La nuova riforma del lavoro, da tutti conosciuta come Jobs Act, ha portato con sé anche la novità del contratto a tutele crescenti che tante critiche ha ricevuto dai sindacati e dagli stessi lavoratori. Da un lato, infatti, c'è il Governo che sostiene di aver creato uno strumento snello, capace di i...
Visite Fiscali Inps 2017: novità in arrivo da settembre 2017... Con la nuova riforma Madia, le visite fiscali Inps prendono una nuova piega. Sono infatti tante sono le novità che interesseranno sia i dipendenti pubblici sia i privati. Si tratta di una delle riforme più attese sia per la differenza esistente (fino ad oggi) del mondo pubblico rispetto a quello ...
Detrazione lavoro dipendente: cos’è, a chi spetta e come cal... Detrazioni per lavoro dipendente: cosa sono e a chi spettano Quando si parla di detrazione lavoro dipendente si intende un importo fiscale riconosciuto dal TUIR che permette al lavoratore dipendente, assunto con regolare contratto di lavoro subordinato, di abbassare l’imposta annuale lorda che deve...
Infortunio sul Lavoro: Procedura 2017 e retribuzione L’infortunio è una delle casistiche di interruzione del rapporto di lavoro più comune: ne consegue una appropriata procedura per la corretta gestione delle comunicazioni agli enti preposti quali INAIL e datore di lavoro da parte del lavoratore infortunato. Propedeutico alla gestione è però utile cap...
Riforma Bilancio 2016 – 2017: cosa cambia per le impre... Riforma legge di bilancio 2017: cosa cambia per imprese di grandi e piccole dimensioni Con la redazione dei Bilanci 2016, entrerà in vigore la nuova riforma bilancio 2016, con la quale sono introdotte diverse novità in materia di principi di redazione, semplificazione ed esclusione dal conto econom...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *