INPS CUD 2017: Come e dove richiedere online il modello

Impresa e LavoroPubblica Amministrazione

Cosa è la certificazione unica dei redditi (CUD)

Ogni anno il lavoratore dipendente o il pensionato ricevono il modello CUD, ossia il documento che attesta l’ammontare dei redditi percepiti svolgendo la loro attività da lavoro dipendente o, nel caso dei pensionati, ciò che ricevono dall’ente previdenziale come pensione.

Anche per i lavoratori a tempo determinato e per coloro che svolgono attività equiparate a quelle di lavoro dipendente viene emesso lo stesso documento.

Sia i datori di lavoro che l’ente previdenziale hanno l’obbligo di consegnare o rendere disponibile al lavoratore o al pensionato il modello CUD entro il 28 febbraio dell’anno successivo a quello in cui sono corrisposti i redditi.

In esso dovranno essere indicati l’ammontare dei redditi corrisposti, le detrazioni, deduzioni e le ritenute fiscali, l’ammontare dei contributi previdenziali ed assistenziali a carico del lavoratore dipendente.

Il modello CUD può essere utilizzato, qualora non si presenti una diversa dichiarazione dei redditi, per esprimere la propria scelta in merito alla destinazione del 5 e dell’8 per mille.

Come ottenere il modello CUD

Per il lavoratore dipendente, ottenere il modello CUD non presenta particolari difficoltà. Fino a qualche anno fa, il datore di lavoro insieme alla busta paga provvedeva a consegnare anche il documento che attestava i redditi conseguiti dal lavoratore nell’anno precedente.

Da qualche anno, con l’avvento dell’informatizzazione, la maggior parte delle aziende non consegna più materialmente al lavoratore il modello CUD, ma lo rende disponibile sul portale aziendale dove il lavoratore, previa autenticazione con le proprie credenziali, provvederà ad eseguire il download e salvarlo in formato elettronico o stamparlo in formato cartaceo.

Rendere disponibile il modello CUD ai lavoratori assume particolare importanza in quanto attraverso questo documento, il lavoratore potrà utilizzarlo per la redazione della dichiarazione dei redditi.

Attraverso il modello 730 o la certificazione Unica, il lavoratore potrà poi recuperare parte degli oneri deducibili, come ad esempio le spese sanitarie o le spese di istruzione per i figli carico, e così via.

Cosa fare se non si riceve il modello CUD

Nell’ipotesi in cui il modello non sia reso disponibile dal datore di lavoro, il lavoratore, e ovviamente anche il pensionato, ha la possibilità di ottenere una copia consultando direttamente il sito dell’INPS. Questa possibilità è riservata a tutti i cittadini che siano registrati al portale dell’Istituto Nazione per la Previdenza Sociale e che siano in possesso del relativo PIN per accedere alla sezione dei Servizi per il Cittadino. In questa sezione del portale, infatti, è disponibile un apposito link denominato Certificazione Unica.

A questo punto, sono disponibili due diverse soluzioni. Se il cittadino dispone di un indirizzo di posta elettronica certificata, la cosiddetta PEC, il modello relativo alla certificazione unica sarà reso direttamente disponibile in mail. Viceversa se il cittadino non ha comunicato un indirizzo PEC ma un semplice indirizzo di posta elettronica non certificata, riceveranno nella propria casella le indicazioni su come scaricare il proprio modello CUD.

Resta sottinteso che è conveniente avere a disposizione un indirizzo certificato in modo da rendere più semplice e fruibile il servizio.

Modalità alternative per ottenere il modello CUD

E se il cittadino non dispone di un indirizzo di posta elettronica? E per i pensionati che dipendono direttamente dall’INPS? Niente paura sono state previste modalità alternative per ottenere il modello CUD a partire dalla possibilità di richiedere una copia del proprio CUD direttamente presso le sedi territoriali dell’INPS, nelle quali è reso disponibile uno sportello dedicato.

Sempre presso le sedi INPS sono presenti delle postazioni informatiche self service dove, sempre autenticandosi con il PIN, è possibile scaricare il proprio modello CUD. Altro modo per ottenere la documentazione è quello di avvalersi dell’assistenza di patronati, professionisti e centri abilitati all’esercizio dell’assistenza fiscale in possesso del certificato Entrate per richiedere documenti direttamente all’ente di previdenza.

Anche i comuni e gli uffici pubblici che abbiano sottoscritto un protocollo di intesa con l’INPS sono una ulteriore modalità per ottenere i documenti necessari. Esistono quindi diversi modi per richiedere online il proprio modello cud.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Partita IVA regime dei minimi: guida essenziale alle novità ... La partita IVA regime dei minimi è stata per anni la principale alternativa per chi voleva iniziare un’attività professionale autonoma usufruendo di specifici vantaggi fiscali. Dal 1° gennaio 2016 le cose sono cambiate, in quanto l’unica alternativa per aprire la Partita IVA in maniera agevolata ...
Rendita Integrativa Pensione Anticipata 2017: RITA Dalla tanto criticata Legge Fornero, che nel corso del Governo Monti ha fatto infuriare non poche persone, la questione pensionistica italiana torna ciclicamente sotto le luci della ribalta. Giustamente, perché ha praticamente tolto le speranza di andare in pensione ad un numero, mai precisamente de...
Agenzia delle Entrate Spesometro 2017: le nuove scadenze e i... Spesometro 2017: cos’è e quali sono le nuove scadenze Agenzia delle Entrate Spesometro 2017. La Legge di Bilancio del 2017 ha introdotto l’obbligo della comunicazione trimestrale per le liquidazioni IVA e le fatture. Comunicazioni che però seguiranno scadenze diverse per il 2017, primo anno di appl...
Tessera professionale europea: a cosa serve e cosa fare per ... Con la dicitura tessera professionale europea si inquadra una procedura che permette a determinate categorie professionali di vedere riconosciute le proprie competenze in un Paese della Comunità Europea. I vantaggi riguardano prima di tutto la rapidità. Grazie alla suddetta procedura – l’utilizzo...
Detrazioni d’imposta: come completare il 730 precompilato Detrazioni d’imposta e 730: qualche chiarimento Una delle più grandi novità del 2015, dal punto di vista economico, consiste nel 730 precompilato. Per alcune categorie di lavoratori (dipendenti pubblici) la dichiarazione dei redditi sarà una passeggiata, o quasi, dal momento che si vedranno recapit...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *