INPS CUD 2017: Come e dove richiedere online il modello

Impresa e LavoroPubblica Amministrazione

Cosa è la certificazione unica dei redditi (CUD)

Ogni anno il lavoratore dipendente o il pensionato ricevono il modello CUD, ossia il documento che attesta l’ammontare dei redditi percepiti svolgendo la loro attività da lavoro dipendente o, nel caso dei pensionati, ciò che ricevono dall’ente previdenziale come pensione.

Anche per i lavoratori a tempo determinato e per coloro che svolgono attività equiparate a quelle di lavoro dipendente viene emesso lo stesso documento.

Sia i datori di lavoro che l’ente previdenziale hanno l’obbligo di consegnare o rendere disponibile al lavoratore o al pensionato il modello CUD entro il 28 febbraio dell’anno successivo a quello in cui sono corrisposti i redditi.

In esso dovranno essere indicati l’ammontare dei redditi corrisposti, le detrazioni, deduzioni e le ritenute fiscali, l’ammontare dei contributi previdenziali ed assistenziali a carico del lavoratore dipendente.

Il modello CUD può essere utilizzato, qualora non si presenti una diversa dichiarazione dei redditi, per esprimere la propria scelta in merito alla destinazione del 5 e dell’8 per mille.

Come ottenere il modello CUD

Per il lavoratore dipendente, ottenere il modello CUD non presenta particolari difficoltà. Fino a qualche anno fa, il datore di lavoro insieme alla busta paga provvedeva a consegnare anche il documento che attestava i redditi conseguiti dal lavoratore nell’anno precedente.

Da qualche anno, con l’avvento dell’informatizzazione, la maggior parte delle aziende non consegna più materialmente al lavoratore il modello CUD, ma lo rende disponibile sul portale aziendale dove il lavoratore, previa autenticazione con le proprie credenziali, provvederà ad eseguire il download e salvarlo in formato elettronico o stamparlo in formato cartaceo.

Rendere disponibile il modello CUD ai lavoratori assume particolare importanza in quanto attraverso questo documento, il lavoratore potrà utilizzarlo per la redazione della dichiarazione dei redditi.

Attraverso il modello 730 o la certificazione Unica, il lavoratore potrà poi recuperare parte degli oneri deducibili, come ad esempio le spese sanitarie o le spese di istruzione per i figli carico, e così via.

Cosa fare se non si riceve il modello CUD

Nell’ipotesi in cui il modello non sia reso disponibile dal datore di lavoro, il lavoratore, e ovviamente anche il pensionato, ha la possibilità di ottenere una copia consultando direttamente il sito dell’INPS. Questa possibilità è riservata a tutti i cittadini che siano registrati al portale dell’Istituto Nazione per la Previdenza Sociale e che siano in possesso del relativo PIN per accedere alla sezione dei Servizi per il Cittadino. In questa sezione del portale, infatti, è disponibile un apposito link denominato Certificazione Unica.

A questo punto, sono disponibili due diverse soluzioni. Se il cittadino dispone di un indirizzo di posta elettronica certificata, la cosiddetta PEC, il modello relativo alla certificazione unica sarà reso direttamente disponibile in mail. Viceversa se il cittadino non ha comunicato un indirizzo PEC ma un semplice indirizzo di posta elettronica non certificata, riceveranno nella propria casella le indicazioni su come scaricare il proprio modello CUD.

Resta sottinteso che è conveniente avere a disposizione un indirizzo certificato in modo da rendere più semplice e fruibile il servizio.

Modalità alternative per ottenere il modello CUD

E se il cittadino non dispone di un indirizzo di posta elettronica? E per i pensionati che dipendono direttamente dall’INPS? Niente paura sono state previste modalità alternative per ottenere il modello CUD a partire dalla possibilità di richiedere una copia del proprio CUD direttamente presso le sedi territoriali dell’INPS, nelle quali è reso disponibile uno sportello dedicato.

Sempre presso le sedi INPS sono presenti delle postazioni informatiche self service dove, sempre autenticandosi con il PIN, è possibile scaricare il proprio modello CUD. Altro modo per ottenere la documentazione è quello di avvalersi dell’assistenza di patronati, professionisti e centri abilitati all’esercizio dell’assistenza fiscale in possesso del certificato Entrate per richiedere documenti direttamente all’ente di previdenza.

Anche i comuni e gli uffici pubblici che abbiano sottoscritto un protocollo di intesa con l’INPS sono una ulteriore modalità per ottenere i documenti necessari. Esistono quindi diversi modi per richiedere online il proprio modello cud.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Detrazioni per spese mediche 2016: cosa cambia rispetto allo... Detrazioni cure mediche Innumerevoli sono le novità introdotte con la nuova Legge di Stabilità approvata dal consiglio dei Ministri solamente qualche mese fa. Novità che riguarderanno anche le detrazioni per spese mediche 2016 che verranno inserite e documentate automaticamente nel nuovo modello di...
Ritenuta d’acconto per prestazione occasionale: guida La ritenuta d'acconto per prestazione occasionale rappresenta una pratica risorsa per pagare attività di natura lavorativa. È un elemento associato, nella maggior parte dei casi, ai giovani che si trovano a ricoprire un piccolo ruolo lavorativo. Quali sono le sue caratteristiche e come funziona? Ecc...
Detrazioni fiscali partita Iva: come scaricare i costi dell’... Detrazioni fiscali partiva Iva: cosa c’è da sapere? Per i professionisti titolari di Partita IVA l’acquisto di un’auto può rappresentare un’alternativa per usufruire di alcuni vantaggi fiscali. La normativa al proposito è a dir poco complessa, e negli ultimi anni è stata soggetta a cambiamenti impo...
Indennità di disoccupazione NASpI Cos'è l'Indennità di disoccupazione NASpI La nuova assicurazione sociale per l’impiego (NASpI) è una indennità mensile di disoccupazione, istituita dall'art.1 del decreto legislativo 4 marzo 2015, n.22, che sostituisce le precedenti prestazioni di disoccupazione ASpI e MiniASpI in relazione agl...
Disoccupazione Inps – Naspi: Requisiti 2017 per la domanda Indennità di Disoccupazione Inps - Naspi: Che cos'è? Con il termine Naspi si intende la nuova assicurazione sociale per l'impiego che è entrata in vigore il 1 maggio 2015 e ha sostituito l'indennità di disoccupazione. E' una sorta di sussidio, quindi, che viene data su richiesta a tutti quei lavora...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *