IVA agevolata al 10%

Casa e Ambiente

Per usufruire dell’IVA agevolata per la detrazione 55, non occorrono degli obblighi burocratici o degli adempimenti particolari, non va inviata nemmeno alcuna comunicazione ad enti istituzionali preposti e non è reso obbligatorio il pagamento tramite bonifico.

Gli interventi previsti per usufruire dell’IVA agevolata per la detrazione 55 riguardano lavori di restauro edilizio, risanamento conservativo e ristrutturazione degli edifici; l’aliquota pari al 10% dell’IVA per la detrazione 55 si applica per la prestazione di servizi da parte di aziende appaltatrici dei lavori che realizzeranno opere di restauro, risanamento e ristrutturazione.

L’IVA agevolata per la detrazione 55 riguarderà anche l’acquisto di beni materiali che saranno necessari per realizzare tali opere e si escludono da quest’agevolazione l’acquisto di materie prime e dei semilavorati; un capitolo a parte va dedicato ai così detti “beni finiti” che sarebbero quei beni che, facenti parte della costruzione di un edificio, mantengono la loro individualità.

Si pensi ad esempio a quei beni che, dopo un certo periodo di usura, non possono più essere riutilizzati e che quindi andranno sostituiti e non più usufruibili, come ad esempio un pavimento fatto di parquet; questi beni non faranno parte dell’agevolazione fiscale e non potranno godere dell’IVA agevolata per la detrazione 55.

Se invece si prendono in considerazione i beni come le caldaie, le porte, le finestre, i sanitari, ecc. questi sono appunto “beni finiti” riutilizzabili  che potranno godere dell’IVA per la detrazione 55; l’agevolazione fiscale verrà applicata sia se l’acquisto di tali beni verrà fatto dal committente e sia se, ad acquistare i materiali, sarà la ditta o il prestatore d’opera che compie tali lavori.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Detrazioni fiscali mobili Quando si parla di agevolazioni fiscali legate alla casa si chiamano in causa anche le detrazioni fiscali mobili. Sì, anche le spese per gli arredi possono essere scaricate. Vediamo come. Detrazioni fiscali arredi: le proroghe delle agevolazioni La legge di stabilità 2015 ha prorogato anche tutte ...
Detrazioni lavoro dipendente 2014 Detrazioni lavoro dipendente 2014. In seguito alla legge di stabilità 2014 sono aumentate le detrazioni fiscali per il lavoro dipendente. Osserviamo le modifiche all’art 13 del TUIR e alcuni esempi del calcolo della detrazione fiscale spettante, che diminuisce l’imposta irpef da pagare, sia in busta...
Detrazioni fiscali per ristrutturazione: le novità 2015 Le detrazioni fiscali per ristrutturazione sono un nodo molto importante quando si parla di agevolazioni sull'Irpef. Ecco cosa c'è da sapere per il 2015 e le indicazioni utili a orientarsi nel 2016. Detrazioni ristrutturazioni 2015: le proroghe La legge di stabilità 2015 ha prorogato fino alla fin...
Tasi 2014 Milano: la Questione del Bonus Figli Tasi 2014 Milano: i problemi per il calcolo Non risultano ancora chiari alcuni particolari sul calcolo Tasi 2014 Milano. Una confusione indotta delle migliaia di delibere comunicali spesso in conflitto tra di loro. Il principale argomento di dibattito e ambiguità è costituito dalle detrazioni per i...
Detrazioni Fiscali per lavoro dipendente: novità 2017 Le detrazioni per il lavoro dipendente riducono l'imposta IRPEF da pagare in base al reddito complessivo. Vediamo la disciplina prevista nel 2017. Detrazioni fiscali IRPEF Le detrazioni fiscali consistono sostanzialmente in scontistiche che vengono applicate sulle imposte da pagare. Esse si distin...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *