Modello F24 compilabile/editabile on line e stampa pdf

Tasse e Fisco
f24 elide

Per molti rappresenta un vero e proprio spauracchio, eppure il modello F24 è il metodo più semplice e diretto per pagare tributi di varia natura, che possono andare dall’Irpef all’Imu, e dalle casse previdenziali alla Tasi. In questa breve guida spiegheremo al lettore come compilare ed editare il Modello F24 direttamente online, senza quindi doversi recare a un caf o a un patronato, e senza doverlo andare a pagare alla posta.

I passi da seguire sono semplicissimi, e quindi accessibili a tutti coloro che sappiano le basi essenziali di un computer e hanno un minimo di dimestichezza per navigare su Internet.

Compilazione Modello F24 Online: Come fare

Compilare online il Modello F24 è semplicissimo, basta avere una carta di credito o di debito, oppure semplicemente un conto corrente abilitato per effettuare operazioni online, ovvero la home banking:

  • Carta di credito o debito
  • Home banking
  • Connessione a internet

Se si hanno almeno due di questi tre requisiti, con la connessione a internet indispensabile, si potranno effettuare pagamenti tramite F24 online, in maniera semplice, veloce e soprattutto sicura, vediamo come. Per prima cosa dobbiamo collegarci al sito delle poste italiane ed entrare nell’apposita sezione dei servizi offerti cliccando su F24.

Si aprirà una schermata dove è possibile compilare il modulo in tutte le sue parti. La parte iniziale prevede l’inserimento del nome, cognome, data e luogo di nascita e codice fiscale dell’intestatario, dopo di che ci sono delle righe da compilare con i codici tributo, l’ente, il mese e la data del pagamento. Questa parte che può sembrare la più ostica è in realtà la più semplice, in quanto l’ente stesso che chiede il pagamento indica questi parametri da seguire e inserire nel modulo online.

L’ente in questione indicherà anche il modello di F24 da usare (ve ne sono diversi) e la sezione, o le sezioni da compilare. Una volta compilato il tutto si può decidere o di stampare il PDF da portare in seguito alla posta o in banca per il pagamento, o pagare direttamente online con la carta di credito.

Pagamento F24 online con home banking

Se si ha un conto corrente abilitato alle operazioni online, home banking, il modello F24 può essere redatto direttamente sul sito della propria banca nella sezione riservata ai pagamenti e ai tributi. In questo caso la compilazione è identica a quella descritta prima, ma per il pagamento basterà cliccare e dare l’ok nella propria pagina di home banking per farlo prelevare direttamente dal proprio conto corrente, in maniera facile e sicura, e cosa da non sottovalutare, direttamente dalla propria abitazione.

In questa maniera viene agevolato il cittadino che potrà risparmiare moltissimo tempo non dovendosi recare né in banca né alla posta, dove spesso le code sono interminabili, alleggerendo notevolmente anche il lavoro degli sportellisti che in determinati periodi dell’anno sono letteralmente sommersi da pratiche.

Modello F24 editabile: Dove trovarli?

I modelli F24 editabili si possono trovare facilmente sul sito di poste italiane, www.poste.it, o in alternativa sul sito dell’agenzia delle entrate. Anche sul sito dell’istituto di credito dove si ha il conto corrente si può trovare il modello F24 editabile, e in alternativa si può cercare direttamente su google e scaricare da vari siti, il più famoso di questi è moduli.it.

I diversi tipi di modelli F24

Come spiegato prima sarà l’ente stesso a indicare il modello F24 da utilizzare e la speciale sezione da compilare. I modelli 24 si dividono in:

  • F24
  • F24 Semplificato
  • F24 Accise
  • F24 Cumulativo intermediari

Ognuno serve per pagare determinati tributi, per esempio per l’Imu e la Tasi si usa solitamente il modello F24 semplificato, mentre per le casse previdenziali il modello F24 Accise.

Anche le sezioni sono diverse, vi sono quelle riservate allo stato, alle regioni, ai comuni e agli enti e monopoli di stato. Per sapere quale riga del modello compilare occorre necessariamente contattare l’ente che richiede il tributo qualora non l’abbia specificato, oppure, in alternativa, fare una rapida ricerca su Internet, ormai si trovano ottime guide su ogni cosa che riguarda l’amministrazione.

Come compilare le sezioni

Come spiegato le sezioni sono diverse e occorre compilare solo la parte indicata. La prima sezione riguarda le imposte dirette, e sono quelle più comuni all’utente. Scendendo si trova la sezione Inps, per pagare i debiti che si hanno con la previdenza sociale nazionale.

Sempre più giù troviamo la sezione Regione, la sezione Imu e tributi locali, e la sezione altri enti previdenziali e assicurativi, che riguardano per lo più le assicurazioni e i fondi pensionistici professionistici di categoria, come la cassa architetti, la cassa geometri, la cassa commercialisti, ecc.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Iscrizione VIES: come effettuarla e che vantaggi offre L’iscrizione VIES è un’operazione che può essere effettuata dai soggetti titolari di Partita IVA e intenzionati a effettuare operazioni intracomunitarie. Un’ulteriore alternativa per agire in merito prevede la specificazione, in sede di apertura dell’attività, dell’intenzione di effettuare le sud...
La Dichiarazione d’Intento per l’anno 2017 Cos'è la Dichiarazione d'Intento? La dichiarazione di intento è il documento con il quale l'esportatore abituale attesta, sotto la propria responsabilità, di avere i requisiti di legge per essere definito tale e manifesta al proprio fornitore la volontà di acquistare beni e servizi senza il pagamen...
Decreto Fiscale 2017: Iva, studi di settore e voluntary, le ... Decreto Fiscale 2017 con la nuova manovra Renzi Riapertura della voluntary disclosure, lotta all'evasione con controlli anche sulle residenze all'estero, addio invece agli studi di settore e ad equitalia. Queste alcune delle novità presenti all'interno del decreto fiscale. Studi di Settore Addio ...
Marche da Bollo: A cosa servono e dove comprarle Marca da Bollo: A che cosa serve? La marca da bollo, materialmente parlando, permette di pagare le imposte di bollo su fatture e determinati documenti di spesa identificati dalla legge. Si tratta di un metodo di convalida di pubblici documenti e di pagamento di imposta che è in vigore sin dal lonta...
Corrispettivi telematici 2017: tutto quello che c’è da saper... Corrispettivi comunicazione telematica: cos’è e come funziona? L’Agenzia delle Entrate ha rilasciato, in via transitoria, la nuova procedura per i corrispettivi telematici. Procedura che a partire da gennaio 2017 consentirà a ristoranti, alberghi, commercianti al minuto e artigiani di inviare onlin...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *