Naspi 2017: Domanda di Disoccupazione NASpl – INPS

Impresa e Lavoro

Domanda di disoccupazione INPS: Cos’è la Naspi 2017?

Dal 2017 l’indennità di mobilità vigente fino a tutto il 2016 verrà sostituita dal nuovo sussidio di disoccupazione della Naspi, con attuazione della nuova regola a partire dai disoccupati che avranno perso il lavoro dal 31 dicembre 2016 in poi. I lavoratori non avranno quindi assolutamente più diritto alla vecchia mobilità, ma potranno solamente usufruire della Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego che viene erogata dall’INPS e che è in vigore dal 1° maggio 2015.

Tuttavia per chi era già in mobilità prima della data del 31 dicembre 2016 la situazione rimarrà la stessa, senza cambiamenti improvvisi e senza differenze di alcun tipo; l’indennità di mobilità verrà quindi percepita da questi soggetti fino alla scadenza naturale del sussidio di assistenza.

Questo avvicendamento tra forme di sostentamento ai disoccupati era già stato previsto nel 2012 all’interno della famigerata legge Fornero; non a caso già dal 1° gennaio 2016 il periodo di durata previsto originariamente dall’erogazione di mobilità era stato diminuito di sei mesi con una manovra denominata Decalage.

Nuova Naspi 2017: I requisiti per ottenerla

I soggetti che possono usufruire della nuova Naspi 2017 devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • Requisito di contribuzione;
  • Requisito di lavoro;
  • Situazione di disoccupazione involontaria (sono quindi escluse le dimissioni volontarie).

Disoccupazione Naspi: Caratteristiche e differenze rispetto alla mobilità

Il passaggio dalla indennità di mobilità alla Naspi non è certamente solo un atto formale, ma una vero e proprio cambiamento da una forma di assistenza collettiva a un trattamento di tipo individuale e soggettivo.

Economicamente questo evento comporterà una penalizzazione negli importi percepiti dai disoccupati idonei a ricevere il trattamento assistenziale, con un assegno che in alcuni casi potrà essere più alto di quelli che venivano recepiti con la mobilità ma con una riduzione progressiva nel tempo più rapida e più incisiva.

Questo porterà coloro che si troveranno a non avere lavoro per lunghi periodi a vedersi diminuire costantemente e consistentemente il proprio importo riscosso mensilmente.

Confronto con la mobilità: Esempi pratici

Giusto per fare un esempio pratico e veloce, facciamo un confronto tra i due tipi di trattamento che si succederanno:

  • La mobilità ha consentito e consentirà fino al 31 dicembre 2016 ai disoccupati che si ritroveranno senza lavoro entro tale data di ricevere un’indennità per un periodo massimo di 48 mesi a seconda dell’età del soggetto e della zona geografica di residenza dello stesso. L’importo massimo di indennità può essere di 960 euro lordi corrisposti a chi aveva uno stipendio fino a 2000 euro e di 1150 euro (sempre lordi) per chi guadagnava più di 2000 euro mensili;
  • La Naspi invece prevede un tetto massimo di indennità di 1300 euro, e questa sarebbe una buona notizia se non ci fosse di mezzo il fatto che la durata dell’indennità di sussidio può arrivare a un massimo della metà delle settimane di contribuzione effettuate nei quattro anni prima della richiesta di sussidio.

Svantaggi della nuova indennità di disoccupazione

Quindi, dal 1° gennaio 2017 in poi, i nuovi disoccupati potranno ricevere un corrispettivo per sussidio di disoccupazione Naspi per una durata massima totale di 24 mesi. A partire dal quarto mese di usufrutto economico del sussidio, inoltre, l’importo dello stesso scenderà gradualmente di una percentuale del 3% mensile: in questo modo lo svantaggio per il lavoratore sarà chiaramente quello di vedersi rapidamente annullato nel tempo l’iniziale vantaggio che prevedeva l’importo più alto dell’indennità.

Chi è escluso dal sussidio?

Il sussidio di disoccupazione Naspi che sarà in vigore nel 2017 continuerà a non poter essere percepito dalle seguenti categorie:

  • Dipendenti con contratto a tempo indeterminato occupati nella Pubblica Amministrazione;
  • Operai agricoli (sia con contratto a tempo determinato che a tempo indeterminato);
  • Lavoratori extracomunitari possessori di permesso di soggiorno apposito per lavori stagionali, per cui resterà valida la normativa già esistente;
  • Lavoratori che percepiscono il trattamento di pensione diretto.

Naspi Inps 2017: Novità ed Anticipazioni

Se il mercato dei lavoratori avrà un ricambio rapido tra disoccupati e neo-assunti, come prevede il governo e come in linea di massima avviene in stati esteri come Regno Unito e Stati Uniti, la nuova Naspi 2017 porterà certamente vantaggi sia nei confronti delle tasche dei disoccupati temporanei sia nei confronti delle casse dello Stato che usufruiranno di un buon risparmio rispetto alla mobilità precedente.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Detrazioni fiscali 2016 risparmio energetico Detrazioni fiscali 2016: la questione della proroga Nonostante alcuni indicatori suggeriscano una (lenta) uscita dalla crisi dell’Italia, il settore edilizio, che più di ogni altro è sensibile al mutamento del ciclo economico, stenta a decollare. Questo nonostante gli stimoli che, nei limiti di una...
Bonus Giovani Disoccupati 2018: in arrivo nuove misure per r... Ennesimo intervento da parte del Governo per rilanciare l'occupazione giovanile in Italia: la Legge di Bilancio 2018 lancia il Bonus Giovani 2018. A partire dal 1°gennaio 2018 è previsto infatti un nuovo incentivo occupazionale, destinato ai datori di lavoro che provvederanno a effettuare nuove a...
Rendita Integrativa Pensione Anticipata 2017: RITA Dalla tanto criticata Legge Fornero, che nel corso del Governo Monti ha fatto infuriare non poche persone, la questione pensionistica italiana torna ciclicamente sotto le luci della ribalta. Giustamente, perché ha praticamente tolto le speranza di andare in pensione ad un numero, mai precisamente de...
Visite Fiscali 2017: novità in arrivo dall’INPS Il permesso retribuito per malattia è un diritto dei lavoratori. Dietro presentazione di un certificato medico, redatto dal proprio dottore di famiglia, il lavoratore può evitare di recarsi al lavoro mantenendo la propria retribuzione, in caso di malessere accertato. D'altro canto, il datore di l...
Patto di servizio personalizzato: obblighi e opportunità Patto di servizio personalizzato: cos’è Cos’è il Patto di servizio personalizzato? Noto anche come PSP, si tratta di una sorta di contratto stabilito tra un soggetto disoccupato e il Centro per l’Impiego. Un impegno che va assunto entro 15 giorni dal momento in cui è presentata la domanda di disocc...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *