Partita IVA 2017: i cambiamenti previsti per il prossimo anno

Impresa e Lavoro
partita iva 2017

Il quadro partita IVA 2017 sarà caratterizzato da numerosi cambiamenti per i professionisti e le imprese. Gli ultimi del 2016 saranno infatti mesi cruciali per la semplificazione fiscale, che dovrebbe comunque mettere in primo piano una miglior lotta all’evasione.

Novità per le partite IVA: ecco cosa è già successo

Prima di entrare nel vivo della situazione Partita IVA 2017 è bene fare un breve excursus sulle novità di questi ultimi mesi. Nel corso del mese di maggio 2016, infatti, è stato presentato un correttivo del Decreto Semplificazioni del 2014, conosciuto anche come il decreto legislativo numero 175 del suddetto anno.

Si tratta di un impulso allo snellimento degli adempimenti che, secondo alcuni, potrebbe rappresentare il preambolo per il varo di un decreto legislativo ad hoc dedicato alla finanza per la crescita 2.0.

Partite IVA e professionisti: cosa potrebbe succedere da qui alla fine dell’anno?

La situazione per le Partite IVA e i professionisti potrebbe cambiare profondamente da qui alla fine del 2016. Per quanto riguarda la Partita IVA 2017 si parla infatti di nuove misure da tempo al centro delle richieste delle varie associazioni di categoria.

In questo novero è possibile includere l’introduzione della flat tax, un tributo che ha come obiettivo finale quello di premiare attraverso un’imposizione fiscale e non proporzionale quelle imprese che scelgono di lasciare gli utili in azienda.

In questo modo si consentirebbe alle imprese una cosa che già possono fare i professionisti, ossia pagare le tasse su quello che realmente viene guadagnato.

Professionisti: nel 2017 addio agli studi di settore

Le novità relative a Partita IVA 2017 potrebbero riguardare non solo le imprese, ma anche i professionisti. Con il prossimo anno si prevede infatti l’addio a uno strumento che non ha mai funzionato più di tanto nella determinazione dei compensi.

Stiamo parlando degli studi di settore, una novità molto attesa da professionisti e micro imprese al pari dell’abolizione dell’IRAP.

Partite IVA dormienti: ecco cosa succederà nel 2017

Un altro cambiamento importante per quanto riguarda il quadro Partita IVA 2017 riguarderà le Partite IVA dormienti. Sempre nel testo correttivo al decreto sugli adempimenti tributari, si parla di coloro i quali sono titolari di una Partita IVA pur non esercitando l’attività.

In questo caso, per la precisione nella situazione di attività d’impresa non esercitata da almeno 3 anni, il titolare della Partita IVA riceverà un avviso di notifica di cessazione dell’attività, tutto questo senza dover pagare alcuna sanzione pecuniaria.

L’operazione in questione sarà priva di costi amministrativi. Il cliente che si vedrà arrivare la notifica di chiusura dell’attività avrà ovviamente la possibilità di opporsi nel caso in cui dovesse considerare non motivata la soppressione d’ufficio della Partita IVA.

Concludiamo ricordando che, dall’anno prossimo, i titolari di Partita IVA – e non solo loro – che riceveranno comunicazioni amministrative dal fisco nel mese di agosto avranno 30 giorni di tempo per rispondere.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

INPS CUD 2017: Come e dove richiedere online il modello Cosa è la certificazione unica dei redditi (CUD) Ogni anno il lavoratore dipendente o il pensionato ricevono il modello CUD, ossia il documento che attesta l'ammontare dei redditi percepiti svolgendo la loro attività da lavoro dipendente o, nel caso dei pensionati, ciò che ricevono dall'ente previd...
Agevolazioni Startup previste per il 2017 Per il 2017 è prevista una grande agevolazione finanziaria di natura fiscale per tutte le startup, ovvero per coloro che intendono aprire una nuova attività, cosa rara di questi tempi nel nostro Paese perché purtroppo la crisi economica dilagante non permette ai più di poter pensare liberamente a un...
Certificato INAIL 2017: Le nuove regole Certificato INAIL Infortunio: Nuove reogole 2017 Sono state introdotte nuove regole sul certificato medico INAIL per malattia ed infortunio. Dalla data del 22 marzo 2016 si attesta che ogni tipo di evento morboso non dovrà più essere dichiarato dal datore di lavoro ma dalla struttura sanitaria che ...
Bonus ricerca e sviluppo 2017 imprese: cos’è, chi può richie... Bonus ricerca e sviluppo 2017 imprese: cos’è e chi può richiederlo Il bonus ricerca e sviluppo 2017 imprese è un’agevolazione fiscale che spetta alle imprese e alle società (di ogni forma giuridica), che investono in attività di ricerca e di sviluppo. L’agevolazione è stata introdotta con il decret...
Rimborso Spese Professionisti 2017 Quali sono i rimborsi spese dei professionisti? La corretta gestione dei rimborsi spesa per i professionisti è materia rilevante sopratutto per una corretta gestione delle somme corrisposte ai fini previdenziali e fiscali. Dovendo fare una distinzione iniziale, possiamo ricondurre la totalità dei r...
1

Comments

Add Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *