Parto prematuro: sospensione e conservazione del congedo di maternità

Diritto

Il congedo di maternità delle lavoratrici dipendenti e iscritte alla Gestione separata, in caso di parti prematuri (prima dei due mesi antecedenti alla data presunta del parto) si calcola aggiungendo ai tre mesi post partum tutti i giorni compresi tra la data del parto e quella presunta. Si superano perciò i cinque mesi previsti in precedenza influendo anche sulla durata del congedo di paternità.

Inoltre, il decreto legislativo 80/2015 ha ampliato l’ambito di applicazione del rinvio e della sospensione del congedo di maternità in caso di ricovero del neonato. La lavoratrice può esercitare questa facoltà a prescindere dal motivo del ricovero del neonato o del minore adottato o affidato, purché le sue condizioni di salute siano compatibili con la ripresa del lavoro.

Infine, si conferma che la lavoratrice licenziata per colpa grave ha diritto a conservare il congedo di maternità oltre la data del licenziamento.

Altre informazioni si trovano nella circolare INPS 28 aprile 2016 n. 69, che presenta anche indicazioni operative per l’accreditamento della contribuzione figurativa ai fini pensionistici (dipendenti privati e pubblici), per il monitoraggio della spesa e per il regime fiscale della prestazione.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Verifica contributi INPS versati 2017: la guida Oggi per verificare i propri contribuiti Inps non occorre più perdere intere giornate alla sede distaccate dell'Ente di Previdenza Sociale, oppure, cosa anch'essa non idilliaca, farsi fare i conteggi presso un caf, un patronato o uno studio tributario, in quanto grazie ai nuovi servizi per il cittad...
Detrazione Affitto Studenti Senza Residenza 2017 Detrazione Affitto Studenti Fuori Sede 2017: Cos'è? Chi tra voi ha più volte valutato la possibilità di conseguire lontano da casa, magari all'estero, una laurea triennale, magistrale oppure un master, con l'obiettivo di approfondire i propri studi e garantirsi un futuro professionale adeguato alle...
Assegni familiari: di cosa si tratta e chi può richiederli Gli assegni familiari sono prestazioni economiche erogati a favore di alcuni lavoratori – italiani e non – e delle loro famiglie. L’erogazione degli assegni familiari è legata a situazioni particolarmente difficoltose dal punto di vista economico e tali da rendere impossibile la conduzione di una...
Congedo parentale: cos’è, a chi spetta e come funziona Il congedo parentale è un periodo di lontananza dall’attività professionale che spetta ai lavoratori e alle lavoratrici che diventano genitori. Nella platea dei beneficiari sono inclusi anche i contribuenti assicurati ex IPSEMA. Maternità facoltativa: fino a quanto spetta Il congedo parentale, not...
Reddito di Inclusione 2017:come tutelare le persone in diffi... Reddito di Inclusione 2017: chi può richiederlo? Il REI, il Reddito di Inclusione 2017 è ormai diventato legge e dovrebbe entrare a pieno rigore a settembre 2017. Quali sono i requisiti? Chi può beneficiarne? Nel corso di questo articolo cercheremo di rispondere a queste domande. Il REI vuole so...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *