730 precompilato Inps: guida alla compilazione online

Tasse e Fisco

730 precompilato Inps 2017: cos’è e chi può usufruirne

Il 730 precompilato Inps è un modulo messo a disposizione dei cittadini dall’Agenzia delle Entrate. Si tratta di un modulo per la presentazione della dichiarazione dei rediti, in cui l’ente ha già inserito diversi dati, grazie alla collaborazione dell’Anagrafe tributaria e di diversi soggetti terzi come assicurazioni, banche ed entri previdenziali.

Ma chi può utilizzare il modello 730 precompilato Inps? Il servizio si rivolge ai lavoratori dipendenti (inclusi gli assimilati) e ai pensionati. Non possono invece usufruire del 730 precompilato:

  • i titolari di partita IVA;
  • i minorenni
  • i soggetti riconosciuti legalmente incapaci che alla data dell’elaborazione del modello 730 precompilato non avevano compiuto la maggiore età.

Ma quali sono i dati indicati nel 730 precompilato Inps? Come già accennato, l’Agenzia delle Entrate riesce ad inserire nel modello precompilato tantissimi dati relativi ai redditi percepiti e alle eventuali assicurazioni sottoscritte.

A questi dal 2016 si aggiungono anche le spese mediche, poiché di recente è stato integrato un sistema che consente di comunicare all’Agenzia tutte le spese sostenute per le prestazioni sanitarie e quelle effettuate per i medicinali. In entrambi i casi, affinché i dati siano trasmessi all’AdE, è necessario che il contribuente fornisca all’Azienda ospedaliera o alla farmacia la Tessera Sanitaria.

Quali dati deve contenere il 730 precompilato

Nel caso specifico nel 730 precompilato devono essere inseriti i dati relativi a:

  • redditi derivanti da lavoro dipendente o assimilato (inclusi i redditi inerenti alle prestazioni occasionali);
  • assicurazioni sulla vita e polizze infortuni;
  • contributi previdenziali ed assistenziali versati ad enti o istituti previdenziali;
  • interessi passivi sostenuti per eventuali mutui;
  • le spese e gli oneri sostenti nell’anno di imposta che danno diritto a una detrazione o a una deduzione dal reddito (ad esempio spese mediche e spese per ristrutturazione).

Ma come utilizzare il modello 730 precompilato Inps? Accedendo al sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate i cittadini possono visualizzare il proprio 730 precompilato e scegliere se inviarlo direttamente all’Agenzia delle Entrate, oppure aggiungere o modificare alcuni dati.

Sempre tramite il sito dell’AdE, a partire dal 15 aprile è possibile scaricare il 730 precompilato e inoltrarlo all’ente. L’invio può avvenire esclusivamente per via telematica a partire dal 2 maggio.

730 precompilato 2016: come scaricarlo

Ma come scaricare il modulo? Per accedere alla dichiarazione dei redditi precompilata, il contribuente può scegliere tra due canali:

  • collegarsi al sito dell’AdE e visualizzare il modello online;
  • accedere all’Area Riservata del portale dell’Inps.

In alternativa il contribuente può decidere di farsi assistere da un intermediario professionale, un sostituto d’imposta che presta assistenza di tipo fiscale, oppure rivolgendosi a un centro di assistenza fiscale.

Un altro modo per scaricare il modello 730 precompilato è ricorrere a Fisconline, il servizio online dell’Agenzia delle Entrate attraverso il quale i contribuenti possono effettuare una serie di adempimenti fiscali. Ma come fare?

Per scaricare il modulo tramite Fisconline è necessario effettuare l’accesso con l’apposito codice Pin oppure utilizzando la Carta Nazionale dei servizi. Quanti non sono ancora registrati possono iscriversi accedendo al sito dell’Agenzia delle Entrate (selezionando la voce Area Riservata) oppure chiamando il numero verde 848.800.444 a lo 06.96668907 (da cellulare).

Come si come si accede al 730 precompilato

Una volta cha ha effettuato l’accesso alla propria area riservata, il contribuente potrà visionare tutte le informazioni relative al modello 730 precompilato Inps. Il programma di consultazione è molto semplice veloce e consente di vedere il 730 precompilato con tutti i dati che l’Agenzia delle Entrate vi ha inserito, raccogliendoli grazie alle amministrazioni Finanziarie e alla collaborazione di alcuni enti privati.

Ma questo non è tutto. Consultando il 730 precompilato è possibile anche:

  • visionare il modello 730-3, che consentirà al cittadino di avere un’idea piuttosto chiara e completa del risultato finale della dichiarazione senza dover leggere l’intero modello 730;
  • conoscere l’eventuale importo erogato o trattenuto nella busta paga dal datore di lavoro;
  • conoscere le fonti utilizzate dall’Agenzia per l’elaborazione della dichiarazione;
  • visionare il prospetto di sintesi relativo ai redditi e alle spese riportate nel modello 730.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Canone Rai : come pagare con l’F24 e ottenere il rimborso Pagamento abbonamenti Rai con modello F24 Con la sua risoluzione del 7 luglio 2016, l’Agenzia delle entrate ha fornito alcuni importanti chiarimenti in merio al canone Rai in bolletta, pubblicando le modalità con cui i soggetti che non sono titolari di una bolletta della luce possono pagare l’abbon...
Detrazione Fiscale 2017: tutte le detrazioni per la ristrutt... Detrazione Fiscale 2017: guida sulle detrazioni per la ristrutturazione edilizia Con la Legge di Bilancio 2017 è stata approvata la proroga della detrazione del 50% per le ristrutturazioni edilizie. La nuova data è fissata al 31 dicembre 2017. Anche il bonus fiscale per le ristrutturazioni edilizie...
Corrispettivi telematici 2017: tutto quello che c’è da saper... Corrispettivi comunicazione telematica: cos’è e come funziona? L’Agenzia delle Entrate ha rilasciato, in via transitoria, la nuova procedura per i corrispettivi telematici. Procedura che a partire da gennaio 2017 consentirà a ristoranti, alberghi, commercianti al minuto e artigiani di inviare onlin...
Iscrizione VIES: come effettuarla e che vantaggi offre L’iscrizione VIES è un’operazione che può essere effettuata dai soggetti titolari di Partita IVA e intenzionati a effettuare operazioni intracomunitarie. Un’ulteriore alternativa per agire in merito prevede la specificazione, in sede di apertura dell’attività, dell’intenzione di effettuare le sud...
Quando si paga la Tasi 2017? Tasi 2017: la scadenza è al 16 giugno Ogni anno gli italiani devono pagare allo Stato le tasse sulla casa: TASI, IMU e TARI per chi possiede un immobile a qualsiasi titolo, fatta eccezione della prima casa non di lusso a fini Tasi e Imu. Il decreto legge legato alla Legge di Bilancio 2017 ha int...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *