Assegno di mantenimento coniuge 2017: detrazioni fiscali possibili

Tasse e Fisco

Assegno di mantenimento coniuge: quali sono le detrazioni fiscali possibili?

Quando può essere applicata la deduzione fiscale?

Per quanto riguarda la deduzione fiscale sul mantenimento del coniuge, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che questo può essere detratto dalla tasse di chi paga. Quindi alla prossima dichiarazione dei redditi sarà possibile provvedere alla detrazione.

La legge consente la sottrazione dei versamenti regolari al coniuge dopo la separazione, il divorzio o l’annullamento e tra questi sono compresi anche le somme coincise in sostituzione dell’assegno di mantenimento per il pagamento della rata di mutuo intestato all’ex.

La deduzione fiscale spetta per tutte quelle somme che devono essere corrisposte all’ex coniuge e sono deducibili dal reddito complessivo lordo di chi versa. Rientrano nella deduzione fiscale:

  • l’assegno per il mantenimento del coniuge;
  • l’assegno per gli alimenti necessari al coniuge se si trova in gravi difficoltà economiche.

Nel primo caso è possibile assicurarsi la deduzione fiscale solo per gli assegni periodici, nel secondo caso la deduzione è stabilita dal giudice. Per quanto riguarda il mantenimento dei figli, la parte di assegno a loro interessato non è deducibile.

Assegno di mantenimento coniuge 2017

L’assegno periodico versato al coniuge è deducibile dal 730 2017 e dal modello Unico. Quindi il denaro corrisposto all’ex possono essere portate in deduzione dalla dichiarazione dei redditi.

Tuttavia tali somme sono deducibili sono se sono presenti determinati requisiti, ossia:

  • separazione dei coniugi;
  • scioglimento o annullamento del matrimonio;
  • altro provvedimento di cessazione degli effetti civili del matrimonio, come il divorzio;
  • l’obbligo di corrispondere l’assegno periodico al coniuge deve essere emesso da un Giudice;
  • la deduzione deve riguardare solo la quota dell‘assegno corrisposto all’ex coniuge, poiché l’assegno di mantenimento dei figli non è deducibile dal reddito.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Dichiarazione IVA 2017: scadenze e modalità di presentazione... Dichiarazione IVA: le novità del 2017 Manca poco alla scadenza per la dichiarazione IVA 2017, adempimento fiscale che dovrà essere assolto entro il 28 febbraio 2017. Ma come fare? Cosa cambia a partire a dal 2017? Sono queste le domande a cui cercheremo di rispondere nel nostro articolo. Ma andiamo...
Spese Noleggio Auto 2017 per agenti e rappresentanti Dal 1°gennaio 2017, grazie alle nuove disposizione della Legge di Bilancio, sono stati introdotti nuovi limiti rispetto alla deduzione e alla detrazione sulle spese noleggio auto 2017 effettuate da rappresentanti o agenti. Il DPR 633/1972 stabilisce che se prima l'importo massimo da detrarre era ...
Sisma Bonus 2017: per quali interventi sono previste le detr... Sisma Bonus 2017: le novità introdotte dalla Agenzia delle Entrate La Legge di Bilancio 2017 ha introdotto delle regole specifiche da applicare a chi effettua interventi volti alla riduzione del rischio sismico. Nel cosiddetto Sisma Bonus ha fatto rientrare tra le spese detraibili anche quelle effe...
Dichiarazione dei Redditi 2017: chi è esonerato? Dichiarazione dei Redditi 2017: una panoramica su tutti i cittadini che possono evitare di compilarla Come ogni anno, la dichiarazione dei redditi 2017 crea confusione: vediamo chi sono i soggetti che sono esonerati dal dover presentare la dichiarazione ed ovviamente le motivazioni che riguardano q...
Esenzione canone Rai 2017: come inviare la disdetta. Procedu... Canone Rai 2017: come richiedere l’esenzione in bolletta Gli intestatari di un’utenza elettrica ma che non sono in possesso di nessun televisore non sono tenuti a pagare il canone Rai. Per richiedere l’esenzione canone Rai 2017 è necessario inviare all’Agenzia delle Entrate l’apposito modulo così d...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *