Autocertificazione di disoccupazione: come presentarla? Guida

Impresa e Lavoro
naspi 2017 inps

Come autocertificare lo stato di disoccupazione

Con la crisi economica che il nostro Paese sta attraversando, trovare un posto di lavoro stabile è un’impresa quasi impossibile. Per agevolare quanti hanno perso il lavoro, lo Stato garantisce a questi soggetti alcuni privilegi e li esonera dal pagamento di alcuni servizi, ad esempio dei ticket per le prestazioni sanitarie. Agevolazioni che sono accessibili solo a quanti presentano un’ autocertificazione di disoccupazione.

Ma cos’è l’ autocertificazione di disoccupazione? Si tratta di un documento, noto anche come dichiarazione sostitutiva di autocertificazione, attraverso il quale il contribuente dichiara la propria situazione lavorativa, ossia di essere disoccupato.

Questo tipo documento è accettato in qualità di dichiarazione sostitutiva dei certificati rilasciati dagli enti pubblici. La principale differenza tra un’autocertificazione e un documento rilasciato da un ufficio pubblico è che nel primo caso la responsabilità personale del cittadino è del 100%. In altre parole se questi dichiara il falso ne risponderà personalmente.

Allo stesso tempo però per presentare un’autocertificazione sono previste procedure molto più snelle e veloci di quelle che sarebbero necessarie per richiedere un certificato presso un ufficio pubblico.

Autocertificazione attestato di disoccupazione: quando è possibile

Quando un cittadino presenta un’ autocertificazione di disoccupazione questi dichiara, sotto la propria esclusiva responsabilità, di aver perso il posto di lavoro o di non aver mai lavorato in tutta la sua vita. Lo stato di disoccupazione lavorativa può essere sempre autocertificato anche se a richiederlo è un nuovo datore di lavoro.

È possibile infatti che un’impresa prima di stipulare un contratto di lavoro il nuovo datore di lavoro richieda una certificazione da parte del lavoratore del fatto che non è assunto presso un’altra ditta.

Autocertificazione stato di disoccupazione compilazione, dati e riferimenti legislativi

Per redigere un’ autocertificazione di disoccupazione sono sufficienti un foglio bianco e una penna. Il documento può essere redatto interamente a mano, oppure battuto a macchina. In alternativa, navigando sulla Rete è possibile reperire dei modelli già pronti in cui sono indicati tutti i dati necessari per l’autocertificazione.

Nell’autocertificazione deve essere indicato il riferimento legislativo che giustifica questa modalità di certificazione della disoccupazione lavorativa. Si dovrà quindi fare riferimento agli articoli 45-46 del D. P. R. 445 del 28/12/2000. Dopo aver fatto questa premessa è necessario indicare i dati del dichiarante: nome, data e luogo di nascita, residenza e recapiti telefonici.

In seguito, si dovrà proseguire con la dichiarazione di disoccupazione vera e propria. Qui andranno indicati la qualifica professionale del soggetto certificatore e da quando questi si trova senza lavoro.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Contratto a Progetto 2017: Cosa cambia? Contratto a Progetto: Requisiti delle Collaborazioni Relativamente alle collaborazioni coordinate e continuative non si può non citare quanto disposto dall'art. 409 del c.p.c. in materia di "controversie individuali di lavoro"; dal disposto di detto articolo si evince che dette collaborazioni si co...
Incentivi per Disoccupati 2017 Bonus per Disoccupati: Anticipazioni 2017 Anche per il 2017 il Governo Italiano ha stabilito dei fondi per aiutare le famiglie in difficoltà e i disoccupati, uno degli incentivi per disoccupati che è stato rinnovato per il 2017 e ha avuto un grande successo in questi ultimi anni è la social card, s...
Rimborso Chilometrico 2017: Calcolo costi ACI online Rimborso Chilometrico ACI: Cos'è e come funziona Per rimborso chilometrico si intende l'indennità che l'azienda versa al dipendente, o anche al professionista, per l'attività lavorativa svolta con un'auto nella sua personale disponibilità e non con quella aziendale. Non è indispensabile che il lavo...
Orari visita fiscale insegnanti 2017: gli orari in vigore da... Visite fiscali insegnanti: le regole per il 2017 Il D.L. n. 98/2011 ha modificato gli orari visita fiscale insegnanti e del resto dei lavoratori dipendenti sia del settore pubblico che privato. E in base alle disposizioni introdotte con la legge n. 111/2011, il datore di lavoro ha la possibilità di...
Voucher 2017: informazioni sugli assegni di ricollocamento p... Il 2 settembre si apre la possibilità di richiesta dei voucher 2017, ossia una delle misure previste dal Jobs Act per quanto riguarda la tutela dei soggetti in stato di disoccupazione. Voucher disoccupazione: ecco cosa ha detto Poletti L’annuncio in merito alla possibilità di presentare la domanda...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *