Banche Più Sicure: Confronto tra BNL e Unicredit

Casa e Ambiente

In questa fase molto delicata per il sistema bancario italiano, messo a dura prova dai casi saliti agli altari della cronaca, diventa sempre più importante, scegliere l’Istituto di credito a cui affidare i propri risparmi e il proprio denaro. Le vicende che hanno coinvolto importanti banche del nostro Paese, l’ultima in ordine di tempo ma non certo per importanza, Mps, hanno incrinato, e non poco, la fiducia degli italiani nei confronti delle banche del nostro Paese.

Per determinare quali siano le banche più sicure, la solidità patrimoniale è stata “messa alla prova”, così come quella delle principali banche europee, con lo svolgimento di “stress test” che ne hanno saggiato la tenuta patrimoniale in presenza di condizioni di mercato avverse: calo del pil e aumento dei tassi di interesse a lungo termine tra i fattori utlizzati per la simulazione.

Su scala nazionale, a parte Mps che ha fatto registrare performance “non esaltanti”, la tenuta complessiva può essere definita positiva, ma con un certo grado di differenziazione fra una banca e l’altra. Nell’articolo che segue, sono stati presi in esame due casi riguardanti due importanti istituti bancari che operano in Italia: Bnl Bnp Paribas e Unicredit.

Per Bnl occorre fare una premessa: dal 2006 é passata a far parte del Gruppo francese Bnp Paribas, diventandone quindi dal 2008 parte integrante. I risultati degli stress test in realtà, che interessano maggiormente sono quindi quelli riferibili alla “capogruppo” francese. Bnl che ha alle spalle una storia secolare in Italia, rappresenta da sempre uno dei principali attori del mercato del credito, con circa 2,5 milioni di clienti.

Gli stress test che hanno avuto ad oggetto non Bnl direttamente ma la sua controllante, hanno registrato dati inferiori alla media europa in termini di cet1: il parametro che misura la patrimonializzazione di una banca successivamente all’ipotetico verificarsi di avverse condizioni. Vanno sottolineate due valutazioni però: la prima è, che i valori sotto la media europea non condizionano la solidità della banca che rimangono ben ampiamente al di sopra di valori che possano destare preoccupazione.

Va infatti evidenziato che i casi che possono suscitare problemi per la tenuta dei bilanci riguardano quelle banche, la cui patrimonializzazione assuma valori negativi o poco superiori allo 0. Nel caso di Bnp Paribas, che controlla Bnl, parliamo di un Cet 1 dell’8,54%, a fronte di una media europea di 9,4%.
Per i correntisti e i risparmiatori italiani dunque, nessun timore: quando si parla di Bnl Bnp Paribas, si parla di una banca attualmente forte e che rimarrebbe tale anche in presenza di ipotetiche avverse condizioni di mercato.

Su Unicredit invece la situazione é differente. Parliamo come noto di una Banca a tutti gli effetti italiana a capo di uno dei principali gruppi bancari europei, secondo in Italia per quota di mercato detenuta. La sua solidità è stata messa in evidenza direttamente, in occasione degli stress test effettuti dall’autorità bancaria europa che ne ha analizzato la performance, assieme a quella dei principali gruppi bancari nazionali. I risultati anche in questo caso, come in quello di Bnl Bnp Paribas, sono di tutto rispetto, con una valore cet1 del 7.10%. Massima sicurezza anche in questo caso, per coloro che sono titolari di un conto corrente o vogliano affidare i loro risparmi a Unicredit.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Detrazione affitto figlio erasmus Detrazione affitto figlio erasmus: cosa prevede la normativa? Molti di noi stanno compilando il modello 730 del 2013 relativo, e in tanti si chiedo se sia possibile compiere la detrazione spese per un figlio che sta studiando all’estero. Scopriamo insieme quali sono le concrete opportunità fornite d...
Bonus terremoto 2017: come funzionerà il nuovo incentivo fis... Sisma bonus 2016 2017: proposta una nuova agevolazione Anche nel 2016 i bonus fiscali dedicati all’edilizia tornano a far parlare di sé. Stavolta però non si tratta solo di annunciare la proroga di questa o quella agevolazione con la prossima legge di Stabilità, bensì di utilizzare questi bonus per...
Detrazioni fiscali dal 55 al 65% su edifici privati e condom... L'ultima novità varata dal governo Letta che rientra nella Legge di Stabilità riguarda l'innalzamento della detrazioni fiscali dal 55 al 65%. Anche lo stesso termine è stato prorogato a fine anno per quanto riguarda i singoli immobili e a Giugno 2014 per interventi su appartamenti condominiali. A...
Certificazione energetica: come detrarla? La certificazione energetica costituisce un costo detraibile dalla tasse a fine anno. Ecco tutto quello che c'è da sapere per procedere con sicurezza al proposito, senza paura di commettere errori. Attestato certificazione energetica: quanto si può detrarre? La certificazione energetica - tecnicam...
Vademecum detrazioni fiscali 2014 Vademecum detrazioni fiscali 2014. Il Fisco e l’Agenzia delle Entrate hanno pubblicato un vademecum detrazioni fiscali 2014, ovvero una sorta di manuale d’uso per le detrazioni fiscali, nel quale hanno finalmente chiarito quali sono i tipi di interventi che possono fruire dei bonus per mobili e arre...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *