Black list 2016 aggiornata: i paesi indicati dall’Agenzia delle Entrate

Impresa e Lavoro
black list

Black list: cos’è

Nel nostro Paese è stata definita una lista delle nazioni che presentano forme di fiscalità privilegiata. Si tratta della cosiddetta black list. Perché è così importante? Perché è stabilito l’obbligo di rendere note le operazioni che si sono verificate tra le imprese italiane e quelle che risultano domiciliate, dal punto di vista fiscale, nei paesi in black list.

È un intervento pensato per aggredire le forme di frodi fiscali internazionali e nazionali. La black list corrisponde a un elenco aggiornato con cadenza annuale da parte del dicastero dell’economia e dall’Agenzia delle Entrate.

La Svizzera risulta ancora a fiscalità privilegiata, verrà depennata dalla lista nera a partire dal prossimo anno (2017). Aruba, invece, non è più presente in questo elenco.

Comunicazione black list 2016 e 2017: gli obblighi

Nel nostro Paese chi è in possesso di partita Iva (dalle imprese alle ditte individuali) e definisce rapporti commerciali con nazioni che presentano fiscalità agevolata, è chiamato a rendere note all’Agenzia delle Entrate le varie operazioni.

Per quanto riguarda la repubblica di San Marino, si è verificata l’uscita dalla lista nera. Un risultato raggiunto inseguito agli accordi trovati con il nostro Paese.

Altro capitolo di rilievo è rappresentato dal Lussemburgo. Questo Paese non è più presente nella lista delle nazioni che offrono forme di

fiscalità privilegiata.

Anche la Svizzera sarà depennata dalla black list, inseguito alla modifica della convenzione relativa alla doppia imposizione Italia-Svizzera. È un risultato che prevede la fine del segreto bancario. L’uscita di scena è in programma dal 2017. La Svizzera sarà così coerente con gli standard Ocse, ma dal prossimo anno.

Elenco dei paesi black list aggiornato: chi è coinvolto e chi esce

Secondo l’articolo 1 della legge numero 190 del 2014 (nota come legge di stabilità 2015), il principale elemento che determina la permanenza nella black list è l’assenza di trasparenza e adeguate informazioni rese note al nostro Paese. Non è una tassazione più conveniente o un regime fiscale agevolato a determinate l’introduzione della nazione in lista.

I Paese che prevedono invece un trattamento fiscale privilegiato, ovvero che una tassazione molto bassa o persino nulla, sono riportatati invece nella black list italiana. In realtà non abbiamo una sola black list, ma tre: persone fisiche, Cfc (controlled foreign companies) e indeducibilità componenti negativi di reddito.

In ogni caso per appurare se una nazione fa parte o meno della lista sera è possibile appurare le disposizioni dall’Agenzia delle Entrate. Per completezza vi riportiamo le nazioni coinvolte (incluse quelle che hanno stabilito gli accordi per uscire dalla lista):

  • Alderney (Isole del Canale) sottoscritto accordo D.M. 27.04.2015
  • Andorra, stipulato accordo con il nostro Paese;
  • Anguilla, stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Antille Olandesi, stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Aruba, sottoscritto accordo con il nostro Paese.
  • Bahamas
  • Barbados (stipulata Convenzione)
  • Barbuda
  • Belize, stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Bermuda, stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Brunei
  • Filippine, stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Gibilterra, stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Gibuti (ex Afar e Issas) Grenada
  • Guatemala
  • Guernsey (Isole del Canale), stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Herm (Isole del Canale), stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Hong Kong, convenzione avviata, probabile uscita nel 2016;
  • Isola di Man, stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Isole Cayman, stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Isole Cook
  • Isole Marshall
  • Isole Turks e Caicos, (stipulato accordo con il nostro Paese).
  • Isole Vergini britanniche, (stipulato accordo con l’Italia).
  • Isole Vergini statunitensi
  • Jersey (Isole del Canale), stipulato accordo con il nostro Paese.
  • Kiribati (ex Isole Gilbert)
  • Libano
  • Liberia
  • Liechtenstein (stipulato accordo con il nostro Paese)
  • Lussemburgo (fuori dalla lista)
  • Macao
  • Maldive
  • Malesia firmato accordo con l’Italia.
  • Montserrat firmato accordo con l’Italia.
  • Nauru
  • Niue
  • Nuova Caledonia
  • Oman
  • Polinesia francese
  • Saint Kitts
  • Nevis
  • Salomone
  • Samoa
  • Saint Lucia
  • Saint Vincent e Grenadine
  • Sant’Elena
  • Sark (Isole del Canale)
  • Seychelles
  • Tonga
  • Tuvalu (ex Isole Ellice)
  • Vanuatu

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Deducibilità Costi Partita IVA 2017 Costi Partita IVA 2017: Quali sono? Bisogna considerare che i costi per l'apertura della partita Iva si dividono in costi fissi e costi variabili. I Costi Fissi sono: Costo per il commercialista che cura la tenuta della contabilità (generalmente sono calcolate in base alle fatture emesse, a...
Fattura Elettronica: Novità per il 2017 Ogni persona si chiede come si fa a chiedere una fattura elettronica e come fare per compilarla. Qui di seguito vi spiegherò passo per passo come funziona e tutte le novità in arrivo per il 2017. Cos'è e come funziona la fattura elettronica La fattura elettronica non è altro che una semplice fattu...
Partita IVA 2017 novità per professionisti, imprese e giovan... Negli ultimi anni, il mercato del lavoro ha subito profonde trasformazioni, dovute non solo alla crisi economica, ma anche alla necessità di un riammodernamento del mercato del lavoro interno in un'ottica di globalizzazione. La Partita IVA è uno strumento che permette di cogliere tutte le opportu...
Partite IVA comunitarie: i servizi del sito dell’Agenzia del... I titolari di Partite IVA comunitarie hanno la possibilità di usufruire di diversi servizi web messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. Controllo Partita IVA comunitaria: ecco come effettuarlo Gli operatori commerciali titolari di partite IVA comunitarie hanno modo, nei casi in cui operano...
Super Ammortamento 2018: che cos’è e come funziona? Dal 1° gennaio 2018 la misura del super ammortamento 2018, riconfermato con la nuova Legge di Bilancio 2018, sarà al 130% e non più al 140%. L'altra novità che non farà piacere ai contribuenti è il mancato rinnovo del super ammortamento auto 2018 al 120%. Alla luce di ciò i cittadine nel nuovo an...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *