Bonus Bebè 2017: quando arriva il denaro?

Tasse e Fisco
bonus figli a carico

Il bonus bebè 2017, al contrario di quanto ci si potesse immaginare, è in ritardo per quanto riguarda l’erogazione della stessa sovvenzione.
Ecco i motivi e un piccolo promemoria su tutto quello che riguarda questo bonus.

Bonus Bebè 2017: perché non è stato ancora versato a chi spetta di diritto?

Il ritardo del bonus mamma 2017 ha deluso non poco le famiglie, specialmente se in difficoltà, che si aspettavano questo aiuto.
Le motivazioni che hanno portato a tale situazione sono:

  • numero eccessivo di domande ricevute per via telematica;
  • esubero di domande consegnate presso gli uffici INPS;
  • diversi errori nelle domande che hanno rallentato il processo di erogazione del bonus.

Il bonus bebè 2017 verrà erogato non prima del mese di ottobre 2017.

Chi può accedere a questo contributo

Le diverse domande, per evitare di rallentare ulteriormente l’erogazione del bonus, devono essere inviate solo ed esclusivamente da:

  • donne incinta che hanno partorito dal gennaio 2015 fino a dicembre 2017;
  • famiglie che hanno adottato un figlio minorenne durante il medesimo lasso di tempo;
  • nuclei familiari che hanno ottenuto in affidamento un figlio minorenne tra gennaio 2015 e dicembre 2017.

Il bonus sarà erogato alle famiglie con cittadinanza italiana o con permesso di soggiorno in corso di valenza e residenti sul territorio nazionale.

Bonus Bebè 2017: a quanto ammontano gli importi?

Il bonus bebè verrà erogato alle famiglie che necessitato di un sostegno economico in quanto il loro reddito ISEE non raggiunge determinate soglie.Nello specifico si parla di bonus il cui importo è pari a:

  • 960 euro all’anno, per un totale di 80 euro al mese, se il reddito ISEE non supera i 25.000 euro;
  • 1920 euro l’anno nel momento in cui il reddito ISEE non supera i 7.000 euro durante il corso dell’anno.

Con un reddito superiore sarà quindi impossibile poter avere questo particolare bonus.

Come inoltrare la domanda

Per ricevere questa sovvenzione occorre:

  • inviare all’INPS i documenti di identità della famiglia;
  • documento di nascita, adozione o affidamento del minorenne;
  • documento del reddito ISEE.

Questa documentazione dovrà essere inviata per via telematica, scaricando la domanda dal sito ufficiale INPS nella sezione dei servizi dedicati interamente ai cittadini.

Per fare tale operazione sarà opportuno:

  • essere in possesso del codice PIN unico del richiedente;
  • effettuare il download della domanda;
  • compilarla e inviarla per via telematica.

Se non si posseggono gli strumenti per effettuare questa operazione ci si potrà recare presso un patronato oppure inviare la domanda in modo classico, consegnandola a mano presso uno degli uffici dell’INPS presenti nella propria città allo sportello dedicato ai cittadini.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Esonero Tasse Scolastiche per Superiori 2017 Detrazione Tasse Scolastiche Scuole Superiori 2017: Di cosa si tratta? Come ben si sa in Italia si pagano le tasse scolastiche, anche se il pagamento di queste viene vincolato dal reddito che si possiede. Non tutti possono infatti permettersi il pagamento delle rette e per questa motivazione lo Sta...
Quando si paga la Tasi 2017? Tasi 2017: la scadenza è al 16 giugno Ogni anno gli italiani devono pagare allo Stato le tasse sulla casa: TASI, IMU e TARI per chi possiede un immobile a qualsiasi titolo, fatta eccezione della prima casa non di lusso a fini Tasi e Imu. Il decreto legge legato alla Legge di Bilancio 2017 ha int...
Quando va pagata l’ IMU 2017 prima casa? IMU 2017 prima casa? Secondo la normativa vigente, l' IMU 2017 sulla prima casa si paga solo se l'abitazione principale è considerata di lusso, cioè se è iscritta al catasto con una delle seguenti categorie catastali: A/1: case signorili; A/8: ville; A/9: castelli. Si paga un'imposta ...
Detrazioni Assicurazione 2017: novità aprile 2017 Detrazioni Assicurazione 2017 nel 730 La denuncia dei redditi è alle porte, di conseguenza la maggior parte degli italiani comincia a recuperare scontrini fiscali, fatture e spese mediche. L'obiettivo è diminuire il più possibile l'importo delle tasse. Tuttavia ultimamente vi sono diverse novità in...
Categorie catastali C7, C6 e C2: quando è prevista l’esenzio... Esenzione IMU: quando è prevista per le categorie catastali C7, C6 e C2 A differenza dello scorso anno, nel 2016 i contribuenti non dovranno più pagare i tributi comunali sulla prima casa, ovvero l’unità immobiliare dove il contribuente ha stabilito la propria residenza anagrafica. Condividono l’es...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.