Bonus Mamma 2017: come ottenere gli 800 euro?

Tasse e Fisco
spese mensa scolastica detraibili

Da oggi, 4 maggio 2017, è possibile richiedere il Bonus Mamma 2017, che ammonta a €800. Sul portale dell’INPS è disponibile la procedura telematica per ottenere il denaro per la nascita o l’adozione di un minore, previsto dalla legge 11 dicembre 2016, n. 232 (legge di bilancio 2017).

Il Bonus Mamma sarà versato in base alla richiesta della futura madre:

  • non appena avrà compiuto il settimo mese di gravidanza, quindi all’inizio dell’8° mese;
  • alla nascita, adozione o affido.

In ambo i casi gli eventi devono avvenire o essersi verificati a partire dal 1° gennaio 2017.

Bonus Mamma 2017: i destinatari

Possono richiedere il bonus di €800:

  • le donne italiane;
  • le rifugiate politiche;
  • le donne con permesso di soggiorno UE di lungo periodo.

Come effettuare la domanda?

Da oggi, 4 maggio 2017, le mamme possono effettuare la domanda sul portale dell’INPS. Si ricorda che possono ricevere gli 800 euro tutte le donne dal settimo mese di gravidanza fino al primo anno dalla nascita del bambino per quelli nati dopo il 4 maggio.

Nel caso in cui il neonato fosse nato prima del 4 maggio, quindi nel lasso di tempo che va dal 1°gennaio ai 4 maggio 2017, l’anno di tempo parte da quest’ultima data.

La domanda va presentata:

  • via web sul portale dell’INPS – www.inps.it – accedendo tramite il PIN forte;
  • chiamando il Contact Center Integrato al numero 803164, gratuito da telefono fisso;
  • contattando il numero 06164164 per le chiamate da cellulare con tariffazione a carico dell’utente;
  • tramite i Patronati, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Come viene erogato il Bonus Mamma

Il Bonus Mamma 2017 viene versato in un’unica soluzione e varia in base al numero di figli nati o adottati. Quindi nel caso in cui i bambini siano due alla madre spetteranno € 1.600.

Infografica Bonus Mamma

Ecco un’utile infografica con tutte le informazioni chiave del Bonus Mamma 2017:

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Esenzione canone Rai 2017: come inviare la disdetta. Procedu... Canone Rai 2017: come richiedere l’esenzione in bolletta Gli intestatari di un’utenza elettrica ma che non sono in possesso di nessun televisore non sono tenuti a pagare il canone Rai. Per richiedere l’esenzione canone Rai 2017 è necessario inviare all’Agenzia delle Entrate l’apposito modulo così d...
Esonero Tasse Scolastiche per Superiori 2017 Detrazione Tasse Scolastiche Scuole Superiori 2017: Di cosa si tratta? Come ben si sa in Italia si pagano le tasse scolastiche, anche se il pagamento di queste viene vincolato dal reddito che si possiede. Non tutti possono infatti permettersi il pagamento delle rette e per questa motivazione lo Sta...
Scadenze fiscali aprile 2017: le date importanti Scadenze fiscali aprile 2017: contribuenti e imprenditori Aprile è un mese denso di scadenze fiscali importanti sia per i contribuenti privati che per le piccole-medie imprese e per gli imprenditori. Al tempo stesso bisogna ricordare che la maggior parte degli appuntamenti riguarda le aziende e i l...
Dichiarazione dei redditi 2017: chi deve presentarla, scaden... Dichiarazione redditi persone fisiche: cos’è e chi deve presentarla La dichiarazione dei redditi 2017 è il documento contabile attraverso il quale i contribuenti comunicano al Fisco l’entità dei redditi percepiti nel corso del precedente anno d’imposta. Ovviamente sulla base dei redditi comunicati ...
Spese scolastiche 2017: quali costi detrarre? Spese Scolastiche 2017: guida utile Nella dichiarazione dei redditi 2017 le famiglie potranno detrarre anche i costi sostenuti per tutte le spese scolastiche relative all'anno precedente, ossia il 2016. L’Agenzia delle Entrate conferma la detrazione del 19% per viaggi scolastici, mensa, assicurazio...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *