Bonus Mamma 2017: come ottenere gli 800 euro?

Tasse e Fisco
spese mensa scolastica detraibili

Da oggi, 4 maggio 2017, è possibile richiedere il Bonus Mamma 2017, che ammonta a €800. Sul portale dell’INPS è disponibile la procedura telematica per ottenere il denaro per la nascita o l’adozione di un minore, previsto dalla legge 11 dicembre 2016, n. 232 (legge di bilancio 2017).

Il Bonus Mamma sarà versato in base alla richiesta della futura madre:

  • non appena avrà compiuto il settimo mese di gravidanza, quindi all’inizio dell’8° mese;
  • alla nascita, adozione o affido.

In ambo i casi gli eventi devono avvenire o essersi verificati a partire dal 1° gennaio 2017.

Bonus Mamma 2017: i destinatari

Possono richiedere il bonus di €800:

  • le donne italiane;
  • le rifugiate politiche;
  • le donne con permesso di soggiorno UE di lungo periodo.

Come effettuare la domanda?

Da oggi, 4 maggio 2017, le mamme possono effettuare la domanda sul portale dell’INPS. Si ricorda che possono ricevere gli 800 euro tutte le donne dal settimo mese di gravidanza fino al primo anno dalla nascita del bambino per quelli nati dopo il 4 maggio.

Nel caso in cui il neonato fosse nato prima del 4 maggio, quindi nel lasso di tempo che va dal 1°gennaio ai 4 maggio 2017, l’anno di tempo parte da quest’ultima data.

La domanda va presentata:

  • via web sul portale dell’INPS – www.inps.it – accedendo tramite il PIN forte;
  • chiamando il Contact Center Integrato al numero 803164, gratuito da telefono fisso;
  • contattando il numero 06164164 per le chiamate da cellulare con tariffazione a carico dell’utente;
  • tramite i Patronati, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Come viene erogato il Bonus Mamma

Il Bonus Mamma 2017 viene versato in un’unica soluzione e varia in base al numero di figli nati o adottati. Quindi nel caso in cui i bambini siano due alla madre spetteranno € 1.600.

Infografica Bonus Mamma

Ecco un’utile infografica con tutte le informazioni chiave del Bonus Mamma 2017:

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Come evitare controlli bancari e accertamenti fiscali per pr... Come evitare gli accertamenti fiscali da parte dell' Agenzia delle Entrate quando si effettuano prelievi e versamenti sul conto corrente? Si precisa fin da subito che, in quest'articolo non si sta incentivando o favorendo l'evasione fiscale, ma si vuol far riferimento a tutti quei casi in cui, in p...
Equientrate: addio Equitalia. Arriva il nuovo ente per la ri... Equitalia è stata abolita, arriva Equientrate: ecco come funzionerà Entro la fine dell’anno Equitalia verrà chiusa. Al suo posto dovrebbe nascere Equientrate, un dipartimento interno all’Agenzia delle Entrate attraverso il quale verranno riscossi non solo i crediti della Agenzia, ma anche quelli de...
F24 editabile online: come compilarlo ed effettuare il pagam... F24 editabile Agenzia Entrate 2017: quando utilizzarlo L’ F24 editabile 2016 è il modello online che l’Agenzia delle Entrate mette gratuitamente a disposizione per tutti i cittadini. Si tratta di una risorsa molto utile per i contribuenti che devono pagare all’AdE sostituti d’imposte, tributi, cont...
La Dichiarazione d’Intento per l’anno 2017 Cos'è la Dichiarazione d'Intento? La dichiarazione di intento è il documento con il quale l'esportatore abituale attesta, sotto la propria responsabilità, di avere i requisiti di legge per essere definito tale e manifesta al proprio fornitore la volontà di acquistare beni e servizi senza il pagamen...
Web Tax 2019: cos’è, come funziona e novità imposta 3% La Web tax, in arrivo con la Legge di Bilancio 2018, è la tassa che complisce i grandi colossi del web (dall’e-commerce alla pubblicità online) come Google o Facebook. L’aliquota della web tax sarà del 3% (in precedenza si pensava fosse il 6%) e si applicherà completamente alle attività demateria...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.