Bonus Mamma 2017: come ottenere gli 800 euro?

Tasse e Fisco
spese mensa scolastica detraibili

Da oggi, 4 maggio 2017, è possibile richiedere il Bonus Mamma 2017, che ammonta a €800. Sul portale dell’INPS è disponibile la procedura telematica per ottenere il denaro per la nascita o l’adozione di un minore, previsto dalla legge 11 dicembre 2016, n. 232 (legge di bilancio 2017).

Il Bonus Mamma sarà versato in base alla richiesta della futura madre:

  • non appena avrà compiuto il settimo mese di gravidanza, quindi all’inizio dell’8° mese;
  • alla nascita, adozione o affido.

In ambo i casi gli eventi devono avvenire o essersi verificati a partire dal 1° gennaio 2017.

Bonus Mamma 2017: i destinatari

Possono richiedere il bonus di €800:

  • le donne italiane;
  • le rifugiate politiche;
  • le donne con permesso di soggiorno UE di lungo periodo.

Come effettuare la domanda?

Da oggi, 4 maggio 2017, le mamme possono effettuare la domanda sul portale dell’INPS. Si ricorda che possono ricevere gli 800 euro tutte le donne dal settimo mese di gravidanza fino al primo anno dalla nascita del bambino per quelli nati dopo il 4 maggio.

Nel caso in cui il neonato fosse nato prima del 4 maggio, quindi nel lasso di tempo che va dal 1°gennaio ai 4 maggio 2017, l’anno di tempo parte da quest’ultima data.

La domanda va presentata:

  • via web sul portale dell’INPS – www.inps.it – accedendo tramite il PIN forte;
  • chiamando il Contact Center Integrato al numero 803164, gratuito da telefono fisso;
  • contattando il numero 06164164 per le chiamate da cellulare con tariffazione a carico dell’utente;
  • tramite i Patronati, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Come viene erogato il Bonus Mamma

Il Bonus Mamma 2017 viene versato in un’unica soluzione e varia in base al numero di figli nati o adottati. Quindi nel caso in cui i bambini siano due alla madre spetteranno € 1.600.

Infografica Bonus Mamma

Ecco un’utile infografica con tutte le informazioni chiave del Bonus Mamma 2017:

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Equientrate: addio Equitalia. Arriva il nuovo ente per la ri... Equitalia è stata abolita, arriva Equientrate: ecco come funzionerà Entro la fine dell’anno Equitalia verrà chiusa. Al suo posto dovrebbe nascere Equientrate, un dipartimento interno all’Agenzia delle Entrate attraverso il quale verranno riscossi non solo i crediti della Agenzia, ma anche quelli de...
Modulo Esenzione Canone Rai: Istruzioni per invio in ritardo Novità 2016-2017: Addebito del canone TV in bolletta Dall'anno corrente 2016 il canone Rai non è più pagato tramite bollettino postale o altre forme di pagamento tradizionali, ma viene direttamente addebitato nella bolletta della corrente elettrica intestata ai possessori di apparecchi televisivi...
Come si fa la dichiarazione dei redditi online? La guida com... Dichiarazione dei redditi modello 730 e modello unico Come si fa la dichiarazione dei redditi? Una domanda che si pongono tantissimi contribuenti che si trovano a dover compilare la dichiarazione dei redditi autonomamente. Prima di tutta è necessario precisare che la dichiarazione dei redditi è ...
Assegno di mantenimento coniuge 2017: detrazioni fiscali pos... Assegno di mantenimento coniuge: quali sono le detrazioni fiscali possibili? L’assegno di mantenimento al coniuge può essere dedotto dalle tasse? L'Agenzia delle Entrate ha detto sì, ma vediamo nel dettaglio come funziona. Quando può essere applicata la deduzione fiscale? Per quan...
Codice Tributo 3944 – Come compilare il modello F24 Tutto sul nuovo codice tributo 3944 Da qualche anno occorre effettuare il versamento dei tributi locali tramite il Modello F24 semplificato fornito dall'Agenzia delle Entrate, mandando in pensione il bollettino postale. Il vantaggio di utilizzare un unico modello per il pagamento è evidente ma comp...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.