Bonus Mamma 2017: ultime novità per neo-mamme e mamme domani

Casa e Ambiente

Bonus mamma 2017: se ne parla molto, ma quali sono le somme previste e i requisiti per riceverlo?

Quali sono i bonus mamma 2017?

Il Dpcm n° 83 pubblicato in Gazzetta Ufficiale ad aprile 2015 e la nuova LdB 2017 hanno introdotto due tipi di agevolazione a favore delle mamme: l’assegno di natalità ed il bonus mamme domani.

Assegno di natalità

Tale contributo erogato dallo Stato, è più comunemente noto col nome Bonus bebè 2017.

La Circolare Inps n° 93 stabilisce le condizioni per poter usufruire di tale agevolazione:

  • modulo da riempire con i dati personali
  • scadenze
  • requisiti
  • le soglie ISEE

Bonus mamme domani

Le future mamme che hanno compiuto il 7° mese di gravidanza, dal 4 maggio 2017 potranno richiedere il premio nascita di 800 €.

È inoltre previsto un bonus di 1.000 € per i bambini iscritti al nido (si riceve solo durante i 3 anni di iscrizione all’asilo).

La Circolare Inps n° 78 del 2017 dà le esatte istruzioni per poter ricevere queste agevolazioni.

Chi può richiedere i bonus?

I requisiti base:

  • Mamme con cittadinanza italiana
  • Mamme con cittadinanza di uno stato membro UE
  • Mamme con cittadinanza extra comunitaria che hanno il permesso di soggiorno

Di seguito vedremo nel dettaglio tutto il resto che c’è da sapere.

Requisiti per il Bonus Bebè 2017

Questo assegno può essere richiesto dalle neo mamme di bimbi o bimbe, oppure da mamme che ne hanno adottato o preso in affido.

Il bonus spetta solo ai bebè nati tra il 1°gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017 o ai bambini adottati o presi in affido entro il le date indicate.

  • L’assegno di natalità verrà pagato fino al compimento dei 3 anni del bambino o la bambina
  • Il genitore richiedente deve essere coabitante con il figlio
  • Entrambi devono essere residenti in Italia

Requisiti per Bonus mamme domani

L’agevolazione può essere richiesta:

  • Dalle mamme che adottano un minore (italiano o internazionale) con sentenza definitiva ai sensi della legge n. 184/1983
  • Dalle mamme che hanno in affidamento preadottivo un bambino o una bambina ai densi dell’artt. 22 e 34 della legge 184/1983 (affidamento nazionale o internazionale rispettivamente)
  • Dopo il compimento del 7° mese di gravidanza
  • Neo mamme di bambine e bambini nati dal 1° gennaio 2017.

Requisiti Isee e somme previste per le mamme

Isee e somme previste per il Bonus bebè

La circolare Inps n° 93 fissa le soglie di reddito per poter ricevere la somma spettante:

  • Per un reddito Isee inferiore ai 7.000 € si ricevono 160 € al mese (per un totale di 1920 € in un anno)
  • Per un reddito Isee tra i 7.000 e i 25.000 € si ricevono 80 € ogni mese (per un totale annuale di 960 €)

Isee e somme previste per il Bonus mamme domani

In base a quanto stabilito nella circolare Inps n° 78 del 2017, non ci sono vincoli di reddito Isee.

Le mamme che possiedono i requisiti sopracitati ricevono una somma pari a 800 € qualora la domanda venga approvata dall’Inps.

Si riceve tutta la somma in una soluzione.

La domanda: le scadenze e i documenti necessari

Per entrambi i bonus, la domanda va inviata tramite:

  • sito web dell’Inps, per chi ha il PIN dispositivo;
  • Caf e Patronato, che sono abilitati a completare il modello e trasmetterlo all’Inps;
  • via telefono chiamando il numero 803 164.

Ma vediamo più nel dettaglio come può essere inoltrata.

Domanda e scadenze Bonus bebè

Per presentare la domanda, anzitutto si devono avere a disposizione i documenti reddituali Isee.

Per chi sceglie di accedere all’autenticazione con il PIN, il modulo di domanda Inps è compreso nella voce “Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito”.

La scadenza per presentare la domanda è di 90 giorni:

  • a partire dalla nascita
  • o a partire dalla data in cui il bambino adottato o affidato fa ufficialmente parte della famiglia

Se non si rispetta tale termine, si riceveranno gli 80 € al mese a partire dalla data in cui si è inviata la domanda. Quindi in questo caso, non si beneficerà della somma a partire dalla data di nascita o di adozione/affidamento.

Domanda e scadenze Bonus mamme domani

Nella circolare Inps n° 78 sono elencati i documenti tra loro alternativi, che vanno allegati ai moduli di richiesta:

  • Certificato di gravidanza originale o in copia se la legge lo permette. Va presentato in busta chiusa, con su scritto il numero di protocollo e la dicitura ” Documentazione domanda di Premio alla Nascita – certificazione medico sanitaria”.
  • Il numero di protocollo è quello telematico del certificato che è stato rilasciato dal medico
  • Le future mamme che non stanno lavorando, possono identificarsi sulla busta tramite il numero della prescrizione medica di esenzione (15 cifre). Tale autocertificazione e la relativa veridicità saranno verificate.
  • Nel caso di domanda a seguito del parto va autocertificato il Codice Fiscale del bimbo
  • Se si tratta di parto gemellare è necessario indicare il numero dei bambini nati. In quest’ultimo caso infatti, il bonus è riconosciuto per ogni nascituro e se ad esempio i gemelli sono due, si ha diritto al 1.600 €.
  • Per quanto riguarda le adozioni e gli affidamenti preadottivi si deve allegare il provvedimento giudiziario
  • Le cittadine non comunitarie devono allegare la copia di almeno un titolo di soggiorno che risulti utile per ricevere il premio

Il termine per la domanda è di un anno. Il conteggio parte dalla data di nascita/affido/adozione.

Eccezione: per i bambini nati tra il 1° gennaio e il 4 maggio il termine annuale, decorre dal 4 maggio 2017 (data in cui la procedura è stata resa disponibile online).

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Detrazioni Fiscali: Cosa sono. Legge Di Bilancio. Proroga di... Grazie all’esistenza delle detrazioni fiscali ogni contribuente può beneficiare di una riduzione dell’imposta lorda e usufruire di determinati servizi in modo vantaggioso ed economico. Vediamo le principali detrazioni fiscali previste per il mese di novembre 2017 insieme ad una breve panoramica sull...
Detrazione affitto figlio erasmus Detrazione affitto figlio erasmus: cosa prevede la normativa? Molti di noi stanno compilando il modello 730 del 2013 relativo, e in tanti si chiedo se sia possibile compiere la detrazione spese per un figlio che sta studiando all’estero. Scopriamo insieme quali sono le concrete opportunità fornite d...
Detrazioni spese condominiali 2017- Guida Utile Le spese sostenute per i lavori riguardanti parti in comune del condominio, sono soggette ad alcune detrazioni fiscali come succede di fatto, anche per gli esborsi riguardanti l'immobile di proprietà. Detrazioni per lavori condominiali: cosa prevede la legge Il Codice Civile definisce quali sono l...
Bonus Risparmio Energetico 2017: mini-guida utile Il Bonus Risparmio Energetico 2017 è un ecobonus grazie al quale vi sono delle detrazioni fiscali che possono giungere fino al 75% se si tratta di spese effettuate per lavori volti a migliorare le prestazioni energetiche di un condominio. Tali detrazioni vengono effettuate sull'ammontare della so...
Detrazioni fiscali impianti allarme e videosorveglianza 2017 Le detrazioni fiscali per coloro che decidono di installare sistemi di sicurezza come impianti allarme o di videosorveglianza sono davvero molto interessanti poiché permettono un congruo risparmio sulla spesa finale. Queste grazie alla Legge di Stabilità, sono state introdotte all'interno del bon...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *