Carta SIA Inps 2017: importi, requisiti e modulo di domanda. Guida

Diritto
carta sia

Carta SIA Inps 2017: cos’è, come funziona e come richiederla

La Carta SIA è una misura che mira a contrastare la povertà, attraverso il riconoscimento di un sussidio economico in favore dei nuclei familiari economicamente disagiati. Ai fini dell’erogazione del beneficio però è necessario che all’interno del nucleo familiare sia presente anche un minore.

L’effettiva erogazione del contributo è subordinata alla sottoscrizione da parte del beneficiario di un impegno a partecipare a un progetto di attivazione sociale e lavorativa finalizzato ad aiutare la famiglia.

Il progetto è gestito dai Comuni e dagli Ambiti territoriali, a cui è affidato il compito di associare il sussidio economico a un progetto personalizzato (in base alle esigenze e alle caratteristiche del nucleo familiare) che coinvolga l’intera famiglia, con particolare attenzione ai minori.

Come funziona la Carta SIA 2017 Inps e quanto spetta

Il meccanismo alla base del progetto Sostegno Inclusione attiva (SIA) 2017 è molto semplice. In sintesi, se una famiglia ha un reddito basso può richiedere la nuova Carta SIA e ottenere così un sussidio economico pari a 80 euro per ogni membro del nucleo familiare.

In altre parole, per una famiglia composta da 2 persone il sussidio corrisposto è pari a 160 euro mentre se i componenti della famiglia sono 3 il beneficio cresce fino a 240 euro, e così via fino alle famiglie con 5 o più componenti alle quali è corrisposta una somma pari a 400 euro.

Come già accennato, nel momento in cui accetta il contributo, il soggetto deve anche accettare di essere inserito in un progetto per l’inclusione attiva. Progetto che prevede innanzitutto la cura dei figli (scuola, visite mediche, ecc.) e in seconda battuta l’impegno nella ricerca attiva di un posto lavoro, perciò i beneficiari della Carta sono tenuti ad accettare tirocini e borse di lavoro.

Carta SIA Inps requisiti per l’accesso: ecco chi può ottenerla

Per ottenere la Carta SIA 2017 è necessario essere cittadini italiani e comunitari, oppure stranieri con permesso di soggiorno residenti da almeno 2 anni in Italia. È necessario inoltre che nel nucleo familiare sia presente un minore, una donna in gravidanza oppure un disabile.

Se lo stato di gravidanza è l’unico requisito per poter ottenere la Carta, la domanda deve essere presentata non prima di 4 mesi dalla data prevista per il parto.

Oltre ai requisiti di cui sopra, per ottenere la Carta è necessario che il nucleo familiare che presenta la richiesta:

  • non sia in possesso di veicoli che sono stati immatricolati nei 12 mesi precedenti la domanda;
  • non sia in possesso di automobili con cilindrata superiore a 1.300 cc o moto con cilindrata superiore a 250 cc che siano state immatricolate nei 3 anni precedenti la domanda;
  • abbia un reddito ISEE 2017 non superiore a 3 mila euro;
  • non percepisca aiuti economici con importo superiore a 600 euro al mese.

È necessario inoltre che nessun membro del nucleo familiare percepisca un’indennità a sostegno al reddito per disoccupati, come ad esempio l’indennità di disoccupazione l’Asdi o la Naspi.

Carta SIA importi 2017: quanto spetta alle famiglie che ottengono il beneficio

Ma quanto spetta ai beneficiari della Carta SIA 2017? L’importo del beneficio dipende dal numero dei componenti nucleo familiare che richiede la Carta. Nello specifico, spettano:

  • 80 euro per le famiglie composte da una persona;
  • 160 euro per le famiglie monogenitoriali con un figlio minore;
  • 240 euro per le famiglie composte da tre persone, ossia famiglie monogenitoriali con due figli minori, o famiglie composte da due genitori e un figlio minore;
  • 320 euro alle famiglie con quattro componenti, ovvero famiglie con due genitori e due figli minori oppure famiglie monogenitoriali con tre figli minori;
  • 400 euro ai nuclei familiari composti da cinque o più componenti: famiglie monogenitoriali con quattro o più figli minori, oppure famiglie con due genitori con tre o più figli minori.

Procedura per la domanda e modulo Carta SIA

Ma quali sono le modalità e i tempi previsti per la presentazione della domanda? I cittadini possono iniziare a inoltrare la richiesta per la Carta SIA dal 2 settembre, utilizzando l’apposito modulo di domanda, che gli interessati possono reperire sia presso gli uffici del Comune di residenza, tramite l’Inps oppure sul sito ufficiale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Il primo accredito delle somme spettanti avviene entro due mesi dalla data di presentazione delle domanda. Il progetto personalizzato invece deve essere attivato entro 60 giorni dalla data del primo accredito.

Quanti desiderano richiedere la nuova carta acquisti SIA devono inoltrare la domanda al Comune di residenza. Sarà lo stesso ente a provvedere, in un secondo momento, all’invio della domanda all’INPS, affinché sia verificato il possesso di tutti i requisiti da parte del soggetto richiedente.

Il modulo di domanda è stato pubblicato con l’ultima circolare dell’Inps e può essere scaricato direttamente dal sito ufficiale dell’ente in formato Pdf. Tale modello è valido per richiedere la nuova Carta SIA.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Social Card SIA 2017: Tutto su questa nuova carta La social card SIA 2017 è il nuovo strumento che il Governo Renzi ha introdotto per combattere la povertà. Ma che cos'è e come funziona? Come si fa ad ottenerla e chi ne ha diritto? Ecco una piccola guida per conoscere questa importante novità. Che cos'è la Social Card SIA? La social card SIA 2017...
Social card disoccupati 2017: condizioni, requisiti e import... Social card 2017: cos’è e come funziona il beneficio La social card disoccupati 2017 è un'agevolazione prevista dalla Legge Stabilità 2016 e dal Ddl povertà. Un sostegno economico il cui importo varia a seconda del numero dei membri del nucleo familiare del richiedente. L’obiettivo della social ...
Parto prematuro: sospensione e conservazione del congedo di ... Il congedo di maternità delle lavoratrici dipendenti e iscritte alla Gestione separata, in caso di parti prematuri (prima dei due mesi antecedenti alla data presunta del parto) si calcola aggiungendo ai tre mesi post partum tutti i giorni compresi tra la data del parto e quella presunta. Si superano...
Tassa di successione: Calcolo e novità 2017 per immobili Cos'è la tassa di successione? La tassa di successione è un’imposta prevista nel caso in cui una persona riceva in eredità un patrimonio sia mobiliare che immobiliare, oppure un diritto reale. Essa prevedere l’obbligo di adempire al pagamento di una somma di danaro allo Stato in base alla dichia...
Assegni familiari: di cosa si tratta e chi può richiederli Gli assegni familiari sono prestazioni economiche erogati a favore di alcuni lavoratori – italiani e non – e delle loro famiglie. L’erogazione degli assegni familiari è legata a situazioni particolarmente difficoltose dal punto di vista economico e tali da rendere impossibile la conduzione di una...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *