Contratto Tirocinio e Stage 2017: Le novità

Tirocinio e stage sembrano essere la forma contrattuale più utilizzata da qualche anno per inserire i giovani nel mondo del lavoro. E’ importante, però, sia conoscerne i meccanismi – soprattutto in vista delle novità 2017 – per poterlo utilizzare sia sapere quali sono i diritti e i doveri di uno stageur (o stagista), per evitare che un’opportunità si trasformi in un’occasione di sfruttamento.

Come funziona lo stage?

Guida

Per tirocinio o stage si intende un periodo di formazione sul campo, ossia in azienda, con l’intento di apprendere una professione e sperimentarsi nella vita in azienda. Questo tipo di opportunità è riservata a coloro i quali sono almeno in possesso di diploma. In Italia, grazie alla Legge Fornero, esiste una rigida disciplina che regolamenta l’utilizzo di questo strumento, tuttavia grazie agli accordi Stato-Regioni possono esistere piccole differenze fra una regione e l’altra.

Secondo la normativa nazionale, però, il tirocinio non può avere una durata superiore ai 12 mesi che diventano 24 nel caso di soggetti diversamente abili. Inoltre, sempre grazie alla recente riforma, oggi i tirocinanti hanno diritto ad un rimborso spese la cui entità può variare da Regione a Regione ma comunque non può superare i 500 euro mensili e non può mai essere inferiore ai 300. Infine, il soggetto promotore è tenuto a stipulare per ogni tirocinio un’assicurazione Inail e una polizza di responsabilità civile nei confronti di soggetti terzi.

Tirocini 2017: Chi può accedervi?

Al tirocinio o stage possono accedere figure diverse, nei limiti temporali stabiliti dalla legge. Per quanto riguarda i limiti di età, la legge stabilisce che non ci sono vincoli. Diverso, però, è il caso di alcuni programmi speciali che stabiliscono un tetto massimo di 29 anni per accedere allo stage, come accade con Garanzia Giovani. In generale, la normativa nazionale per il 2017 dice che possono accedere ad un tirocinio formativo di qualsiasi tipo le seguenti categorie:

Quali aziende possono ospitare stagisti?

Un tirocinio non costituisce assolutamente un rapporto di lavoro. Per questo motivo, possono ospitare uno stagista tutte le aziende che si sentono in grado di offrire ai giovani questa opportunità. Esistono, però, dei vincoli relativi al numero di stagisti che ogni organizzazione può ospitare e si basa sul numero di dipendenti a tempo indeterminato. In particolare, per l’anno 2017 questo il rapporto:

L’azienda, inoltre, deve garantire e nominare al suo interno un tutor che sia in grado, per competenze e tempo a disposizione, di seguire lo stagista durante il suo periodo di formazione lavoro.

Contratto tirocinio e stage 2017: A chi rivolgersi?

Per attivare un tirocinio è necessario coinvolgere tre figure: l’azienda ospitante, lo stagista e l’ente promotore. Quest’ultimo è una realtà che ha lo scopo di farsi garante della serietà e professionalità dell’azienda che intende ospitare tirocini e vigila affinché lo stage o tirocinio si svolga nel modo più corretto e proficuo possibile. Secondo la normativa in vigore nel 2017, possono fare da ente promotore le seguenti realtà:

Una volta scelto l’ente promotore, è possibile procedere alla stipula della convenzione tra quest’ultimo e l’azienda ospitante e, successivamente, stilare il progetto formativo che contiene tutte le indicazioni del tirocinio come la durata, il calendario, gli obiettivi professionali e formativi da raggiungere, il nome del tutor, gli estremi dell’assicurazione, etc. Anche l’ente promotore nomina un tutor che, insieme a quello aziendale, seguirà lo stagista nel suo percorso, per assicurarsi che tutto vada bene.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Rimborsi IVA 2017: la soglia del credito IVA aumenta a 30 mi... Rimborso IVA: cosa cambia con l’entrata in vigore del decreto 193/2016 Con l’entrata in vigore del Dl 193/2016 verranno introdotte alcune importanti novità in merito ai rimborsi IVA per l’anno 2017. Dal prossimo anno verrà infatti aumentata la soglia limite entro la quale può essere erogato il rimb...
Incentivi per Disoccupati 2017 Bonus per Disoccupati: Anticipazioni 2017 Anche per il 2017 il Governo Italiano ha stabilito dei fondi per aiutare le famiglie in difficoltà e i disoccupati, uno degli incentivi per disoccupati che è stato rinnovato per il 2017 e ha avuto un grande successo in questi ultimi anni è la social card, s...
Rimborso Chilometrico 2017: Calcolo costi ACI online Rimborso Chilometrico ACI: Cos'è e come funziona Per rimborso chilometrico si intende l'indennità che l'azienda versa al dipendente, o anche al professionista, per l'attività lavorativa svolta con un'auto nella sua personale disponibilità e non con quella aziendale. Non è indispensabile che il lavo...
APE Social News: quali sono i requisiti per le pensioni 2017... L'APE social è uno strumento varato dal Governo per dare ai cittadini la possibilità di andare in pensione con qualche anno di anticipo rispetto alla norma vigente. Al compimento dei 63 anni di età si può richiedere, anche se non bisogna percepire già dei redditi di pensione in Italia o all'estero. ...
Naspi Inps 2017: requisiti, importi e durata dell’indennità... Indennità di disoccupazione 2017: cos’è la Naspi Il Jobs Act varato dal Governo Renzi ha introdotto una riforma degli ammortizzatori sociali che prevede una nuova indennità di disoccupazione, meglio nota come Naspi Inps. Si tratta di un sussidio che a partire dal primo maggio 2016 sostituisce l'ass...