Contributi forfettari 2017: chi può beneficiare della riduzione? I chiarimenti dell’Inps

Tasse e Fisco

Riduzione contributi forfettari: come funziona

I titolari di partita IVA con regime forfettario che svolgono attività d’impresa possono beneficiare di una riduzione dei contributi forfettari Inps 2017. Questi infatti possono beneficiare di una diminuzione in misura del 35% rispetto ai contributi ordinari.

La normativa relativa ai contributi forfettari Inps prevede due diversi regimi contributivi per i soggetti che sono titolari di partita IVA: il regime ordinario e quello agevolato. Per beneficiare del regime agevolato, e di conseguenza della riduzione contributi forfettari, i titolari di PI con regime forfettario che sono in possesso dei requisiti necessari devono presentare un’apposita domanda all’Inps.

Richiesta con cui il contribuente deve comunicare all’Istituto la propria intenzione di versare in misura ridotta i contributi previdenziali Inps, come stabilito dalla scorsa Legge di Stabilità.

A tal proposito, l’Inps ha chiarito con una circolare del 31 gennaio 2017 quali sono le modalità e i possibili beneficiari del regime agevolato dedicato ai contribuenti che rientrano nel regime forfettario 2017.

Quando presentare domanda riduzione contributi forfettari 2017: i chiarimenti dell’Inps

Come chiarito dall’Inps, i contribuenti che svolgono attività d’impresa e rientrano nel regime forfettario 2017 possono fruire di una riduzione dei contributi Inps nella misura del 35%. Per beneficiarne però è necessario che il titolare della Partita Iva invii all’Istituto l’apposita comunicazione per via telematica entro il 28 febbraio.

Fino al 2016, la comunicazione doveva essere presentata non solo il primo anno in cui si richiedeva l’accesso al regime agevolato, ma ciascun anno in cui il contribuente desidera beneficiare della riduzione dei contributi forfettari, per confermare il possesso dei requisiti necessari.

A partire dal 2017, invece, sono cambiate le modalità di comunicazione. L’Inps ha infatti ribadito in una delle sue circolari la natura facoltativa della riduzione dei contributi. L’accesso al regime agevolato quindi continua ad essere possibile solo a fronte della presentazione della richiesta da parte dell’interessato.

L’Istituto ha inoltre reso noto che nel 2017 il regime contributivo agevolato si applica a tutti i contribuenti che beneficiavano già della riduzione dei contributi forfettari nel corso del 2016. Possibilità che viene contemplata, però, solo a condizione che il contribuente sia ancora in possesso dei requisiti necessari per fruire dell’agevolazione e che desideri proseguire con il suddetto regime agevolato.

I titolari di Partita Iva che hanno avviato una nuova attività d’impresa nel corso del 2016 e beneficiano del regime forfettario per la riduzione dei contributi, invece, per beneficiare del regime agevolato devono inviare l’apposita richiesta entro il 28 febbraio 2017.

Riduzione contributi Inps regime forfettario 2017: chi può richiederla e chi no

Ma quali sono i soggetti che possono beneficiare del regime contributivo agevolato e della riduzione dei contributi forfettari? Hanno accesso al beneficio i soggetti afferenti al regime contributivo agevolato che svolgono attività d’impresa e che devono obbligatoriamente iscriversi alla Gestione separata Inps per artigiani e commercianti.

Sono invece esclusi dalla riduzione, pur rientrando nel regime forfettario, i contribuenti che svolgono attività professionali che non comportano l’iscrizione obbligatoria alla Camera di Commercio e né a ad una cassa professionale. Non possono beneficiare della riduzione anche i contribuenti che hanno l’obbligo di iscriversi alla Gestione separata INPS per i professionisti senza cassa.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Contributi Inps Professionisti 2017 e gestione separata Gestone Separata Inps 2017: Come versare i contributi Assieme all'attività si deve necessariamente aprire una posizione previdenziale, all'Inps o alle casse di categoria, versando i contributi pensionistici, pratica sempre molto odiata dai professionisti ma poi amata durante la vecchiaia. Se non si...
Bonus disabili 2018 di 1900 euro: che cos’è e come fun... Buone notizie in arrivo per chi assiste un parente disabile beneficiando della legge 104: dal 2018 pare verrà erogato un Bonus Disabili che prevede agevolazioni e detrazioni fiscali sia per le persone con problematiche fisiche sia per i famigliari che assistono un parente over 80. Le novità previ...
Chiudere Partita IVA: la guida passo passo Chiudere una partita IVA è un processo che può diventare diverso a seconda della persona o del soggetto che la possiede. Generalmente, se posseduta da una persona, la chiusura deve essere fatta dal titolare di sua volontà e iniziativa, e affinché la procedura vada a buon fine è necessario compila...
Decreto Fiscale 2017: Iva, studi di settore e voluntary, le ... Decreto Fiscale 2017 con la nuova manovra Renzi Riapertura della voluntary disclosure, lotta all'evasione con controlli anche sulle residenze all'estero, addio invece agli studi di settore e ad equitalia. Queste alcune delle novità presenti all'interno del decreto fiscale. Studi di Settore Addio ...
Come funziona il Buono Nido 2017? Buono Nido 2017: che cos'è e come funziona Tuo figlio è nato nel 2016? Hai bisogno di iscriverlo ad un asilo nido e ti preoccupa la retta? Il Buono Nido 2017 è quello che fa per te! Vediamo di cosa si tratta e scoprirai che richiederlo ed ottenerlo è più semplice di quanto tu possa pensare. Risp...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *