Cud 2017: a cosa serve? Quando scade il termine per la consegna? La guida completa

Impresa e Lavoro

Cud 2017: cos’è e a cosa serve

Il Cud è il modello che i sostituti di imposta, quali i datori di lavoro e gli enti pensionistici, sono tenuti a consegnare al lavoratore, o al pensionato, entro il termine ultimo del 31 marzo 2017. Si tratta infatti di un documento necessario per poter presentare la dichiarazione percepiti nel 2016. Ma vediamo nel dettaglio come funziona il Cud 2017 ed entro quando va consegnato.

Come già accennato, il Certificato Unico Dipendente è il documento ufficiale che attesta i redditi che il lavoratore o il pensionato ha percepito nel corso dell’anno cui si riferisce, in questo caso nel corso del 2016.

È necessario precisare però che a partire dal 2015 il modello Cud è stato sostituito dalla Certificazione Unica, che contiene i dati relativi a redditi da pensione e redditi da lavoro dipendente e autonomo. Nel modello sono inoltre indicate le somme percepite in qualità di provvigioni e i redditi aventi diversa natura rispetto a quelli sopracitati.

Invio Certificazione Unica 2017: quando scadono i termini e come farlo

Ma come funziona il Cud? Ogni anno, l’Agenzia delle Entrate approva due modelli per la certificazione unica: il modello CU ordinario e il modello CU sintetico. Documenti che i sostituti di imposta devono poi usare per certificare i redditi che hanno corrisposto a lavoratori dipendenti, autonomi o pensionati, incluse le ritenute operate alla fonte.

Vanno riportati nel CU anche i dati fiscali e i dati previdenziali, indicando i contributi assistenziali e previdenziali versati all’Inps e gli eventuali premi assicurativi INAIL. Una volta che i sostituti d’imposta hanno redatto il Cud 2017, devono trasmetterlo all’Agenzia delle Entrate per via telematica. Invio che deve avvenire entro e non oltre il 7 marzo 2017.

Dal canto suo, dopo aver ricevuto la CU, utilizzerà i dati contenuti nel documento per la redigere la dichiarazione dei redditi precompilata. La consegna del modello al lavoratore, o pensionato, invece deve avvenire entro il 31 marzo oppure, in caso di cessazione del rapporto di lavoro, entro 12 giorni dalla data in cui il dipendente lo richiede.

Certificazione Unica dei redditi in formato digitale: come accedervi

Dopo aver ricevuto la Certificazione Unica, il lavoratore o pensionato dovrà utilizzare tale modello per compilare la dichiarazione dei redditi 2017. Operazione che può fare autonomamente oppure rivolgendosi a un Caf o a un commercialista.

La CU è infatti uno dei documenti che devono essere obbligatoriamente presentati dal contribuente in sede di compilazione del modello Unico o del 730. Per quanto riguarda il rilasciato della CU, il sostituto d’imposta può decidere di stampare e consegnare il modello direttamente nelle mani del lavoratore (in duplice copia) oppure inviare la CU in formato digitale.

In questo caso però è necessario accertare che il lavoratore abbia la possibilità di stampare la Certificazione Unica. Va inoltre precisato che non è possibile inviare la CU in formato elettronico se tra il rapporto tra il datore di lavoro e il dipendente si è concluso, e nel caso in cui la certificazione sia destinata agli eredi del lavoratore.

Ricordiamo inoltre che gli enti di previdenza mettono a disposizione dei propri iscritti la Certificazione Unica in modalità digitale, che può essere scaricata direttamente dal sito ufficiale dell’ente di riferimento. Tuttavia è possibile anche richiederla in versione cartacea.

Gli iscritti all’Inps che desiderano consultare il proprio Cud in formato digitale possono farlo collegandosi con il sito ufficiale dell’Istituto e accedendo alla pagina dedicata, utilizzando il proprio Pin Inps dispositivo. Quanti non sono in possesso di tale codice possono rivolgersi a un Caf o a un altro intermediario abilitato.

Se invece si vuole richiedere l’invio del Cud Inps 2017 in formato cartaceo è necessario recarsi presso un ufficio Inps, oppure rivolgersi al Contact Center dell’Istituto telefonando al numero verde 803.164.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Naspi estesa ai lavoratori stagionali Cambia le regole per i lavoratori stagionali che, finita la stagione lavorativa, si troveranno alle prese con la Naspi che dal 2016 ha sostituito il vecchio assegno di disoccupazione, introducendo più limitazioni. Scopriamo chi ne ha diritto, quanto dura e come si deve fare per richiederla. Domanda...
Visite Fiscali 2017: novità in arrivo dall’INPS Il permesso retribuito per malattia è un diritto dei lavoratori. Dietro presentazione di un certificato medico, redatto dal proprio dottore di famiglia, il lavoratore può evitare di recarsi al lavoro mantenendo la propria retribuzione, in caso di malessere accertato. D'altro canto, il datore di l...
Visite fiscali 2017: orari e normative per dipendenti privat... Orari visite fiscali dipendenti privati In Italia gli orari per le visite fiscali non sono uguali per tutti i lavoratori, ma variano a seconda del settore di riferimento. In questa guida riassumiamo le ultime novità in materia di controlli medico-fiscali a cui sono soggetti i dipendenti che si asse...
Detrazioni fiscali figli a carico non conviventi: tutte le v... Per avere le idee chiare su detrazioni figli a carico non conviventi è bene partire dal reddito massimo per considerare un familiare a carico, ossia una cifra inferiore a 2.840,51€ annui al lordo degli oneri deducibili. Detrazioni fiscali figli a carico: le regole generali Le regole generali rigua...
Naspi 2017: Domanda di Disoccupazione NASpl – INPS Domanda di disoccupazione INPS: Cos'è la Naspi 2017? Dal 2017 l'indennità di mobilità vigente fino a tutto il 2016 verrà sostituita dal nuovo sussidio di disoccupazione della Naspi, con attuazione della nuova regola a partire dai disoccupati che avranno perso il lavoro dal 31 dicembre 2016 in poi. ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *