Demolizione Auto: Costo, pratiche e info utili

Diritto
Rottamazione auto

Volete cambiare auto ma la vostra non vale più nulla perché completamente non funzionante oppure è talmente malconcia in seguito ad un incidente stradale che il costo di riparazione supera il valore del veicolo?

Bene prima di procedere all’acquisto di un veicolo, nuovo ( a meno che il concessionario non ritiri contestualmente un auto da rottamare all’acquisto di un nuovo veicolo) od usato in base alle vostre esigenze, è sicuramente necessario rottamare quello attualmente in vostri possesso di cui potete eventualmente, una volta rottamato, richiedere il rimborso dei mesi di Bollo pagato e non usufruito.

Rottamazione Auto: Che documenti servono?

Come già detto in caso di acquisto di un nuovo veicolo il concessionario nella maggior parte dei casi si prende direttamente l’onere dello smaltimento ma se decidete di comprare un auto usata o non sostituire la macchina? Bene non si potrà certo portare l’auto in discarica: bisognerà infatti rivolgersi ad un centro di raccolta e di autodemolizioni veicoli accreditato ovviamente dalla propria regione di residenza.

Quali sono le carte necessarie per procedere alla demolizione del nostro veicolo? Poiché oltre alla demolizione fisica dell’auto, la demolizione prevede la cancellazione del nostro veicolo dal PRA ( in quanto non deve più risultare in vostro possesso) , sarà necessario portare con voi i seguenti documenti: carta di identità, codice fiscale e una loro fotocopia ; dopodiché serviranno il libretto di circolazione dell’auto ed il certificato di proprietà.

Costi per la demolizione auto: Quali sono?

Veniamo ora alla tasto dolente per il portafogli purtroppo. Il costo totale derivante dalla demolizione sarà la somma del costo della demolizione vera e propria e dello smaltimento dei rifiuti che derivano da essa, dall’imposta di bollo, dagli emolumenti Aci e dalla commissione del centro di smaltimento. Quest’ultima varia ovviamente in base al centro di smaltimento che sceglierete.

I costi quindi saranno così ripartiti:

  • 32 euro come imposta di bollo, questo a patto che possediate il certificato di proprietà. In caso contrario il costo ammonterà a 48 euro e bisognerà espletare un modulo, il modello NP3C , in sostituzione del certificato di proprietà
  • 10 euro circa per il trasporto della macchina fino al centro di smaltimento ( non necessario se la macchina è marciante)
  • 13,50 euro per emolumenti Aci ( visura per vedere se sussistono fermi amministrativi del veicolo)

Potete vedere quindi come di per sé il costo di tasse e imposte si aggiri intorno ai 45-50 euro mentre il costo totale della rottamazione si attesterà fra i 70 ed i 150 euro.

Cos’è il Certificato di Demolizione Auto

Da conservare con particolare cura è sicuramente il certificato di rottamazione. Questo foglio vi deve essere rilasciato quanto consegnate l’auto al demolitore, esso deve contenere i vostri dati anagrafici, i dati dell’auto, il numero di pratica di demolizione, la data e l’ora in cui il veicolo viene ritirato. Questo certificato dimostra che la vostra auto è stata consegnata ad un centro autorizzato il quale si impegna a smaltire il vostro veicolo entro 30 giorni e a procedere contestualmente alla cancellazione dal PRA.

Conservate con attenzione il documento in quanto esso vi solleva da qualsiasi danno che possa arrecare ad altri la vostra auto, una volta che questa è stata consegnata al centro di Rottamazione. Dopo 30 giorni, inoltre, ricordatevi di controllare se effettivamente il veicolo è stato cancellato dal PRA.

Grazie al certificato, inoltre, potrete chiedere alla vostra assicurazione il rimborso del premio non goduto e per le regioni che lo prevedono, il rimborso del bollo per i mesi restanti fino alla scadenza.
Vi ricordo, inoltre, che la legge italiana prevede che il certificato di demolizione deve essere conservato per dieci anni.

Cosa succede in caso di fermo amministrativo dell’auto?

In questo caso non si potrà procere alla demolizione del mezzo in quanto risulterà il fermo dalla visura effettuata dall’ACI. Per poter effettuare la procedura di demolizione, bisognerà pagare tutte le somme relative al fermo e poi procedere con una nuova visura quando il fermo amministrativo sarà eliminato.

Demolizione veicolo all’estero

Bene se nel momento in cui voleste rottamare il vostro veicolo questo si trovasse all’estero, allora la procedura risulta leggermente diversa. Dovrete richiedere voi stessi la cancellazione al PRA e portare al pubblico registro il certificato di proprietà, il libretto di circolazione, la targa fisica del veicolo e il certificato di demolizione del centro di demolizione estero con relativa Traduzione Giurata in Italiano.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Voucher baby sitting o asilo nido alternativi al congedo par... Al termine del congedo maternità ed entro gli undici mesi successivi, le madri lavoratrici possono rinunciare al congedo parentale e richiedere, in alternativa, un contributo per far fronte alle spese degli asili nido pubblici e privati o per i servizi di baby sitting. A chi è rivolto il voucher ba...
Reddito di cittadinanza 2017: a chi spetta e cosa prevede Reddito di cittadinanza 2017: cosa è e a chi spetta? Il ddl povertà ha ottenuto il via libera dalla Camera. Il testo è passato quindi al Senato per l’approvazione definitiva, dopodiché sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Una volta entrato in vigore, il ddl prevedrà l’introduzione di un reddito d...
Detrazioni Irpef: coniuge e figli a carico Quando si parla di detrazioni Irpef è necessario portare in primo piano i chiarimenti sul maggior numero possibile di voci. Ecco qualche informazione al proposito. Detrazioni fiscali: il caso del coniuge a carico Uno dei casi più frequenti quando si parla di detrazioni Irpef è quello degli sgravi ...
Disdetta Mediaset Premium: modulo e guida Come disdire Mediaset Premium in semplici passi Mediaset Premium è una pay tv (tv a pagamento), della Mediaset una delle società della famiglia Berlusconi. La pay tv offre alcune possibilità di pagamento per ottenere la visione dei programmi che loro trasmettono. Per ottenere la visione è necessa...
Congedo parentale: cos’è, a chi spetta e come funziona Il congedo parentale è un periodo di lontananza dall’attività professionale che spetta ai lavoratori e alle lavoratrici che diventano genitori. Nella platea dei beneficiari sono inclusi anche i contribuenti assicurati ex IPSEMA. Maternità facoltativa: fino a quanto spetta Il congedo parentale, not...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *