Detrazione domotica al 65%: quando è prevista e come richiederla

Detrazione 65
Ecobonus Domotica 2017

Detrazioni per domotica al 65%: la proroga della Legge di Stabilità

La Legge di Stabilità 2016 ha prorogato le detrazione al 65% per altri 12 mesi, un incentivo fiscale cui hanno diritto coloro che realizzano interventi per l’efficientamento energetico di un edificio già esistente. Tra le novità del 2016 troviamo la detrazione domotica, ossia l’inserimento dei sistemi domotici tra gli interventi agevolabili.

Fino al 2015 infatti questi interventi godevano di un agevolazioni e fiscale al 50%, aliquota che viene applicata per i le semplici opere di ristrutturazione. Ma quali sono gli interventi deducibili dalle tasse nella misura del 65%?

La domotica è la scienza che studia le tecnologie grazie alle quali è possibile automatizzare le funzioni degli impianti che si trovano in una casa. In altre parole si tratta di tutte quelle opere che possono configurare la cosiddetta smart home.

Detrazione domotica 2016: per quali sistemi può essere richiesta

La detrazione al 65% spetta per gli impianti domotici che sono utilizzati per gestire e coordinare i vari impianti della casa. Tra i principali sistemi domotici attualmente esistenti ricordiamo:

  • i sistemi per la termoregolazione, che consentono di ridurre gli sprechi energetici;
  • gli impianti che regolano la temperatura interna della casa o di un singolo ambiente;
  • i sistemi di videosorveglianza;
  • i sistemi che consentono di visualizzare in tempo reale i consumi di gas, luce e acqua su dispositivi digitali;
  • i sistemi per il controllo a distanza degli elettrodomestici.

Ma per ottenere la detrazione al 65% non è sufficiente essere in possesso di un sistema domotico, anche l’immobile infatti deve soddisfare a alcuni requisiti. Nello specifico, l’immobile in cui viene effettuato l’intervento di building automation deve essere dotato di un impianto di riscaldamento ed essere in regola per quanto riguarda il pagamento dei tributi.

Ma quali sono gli impianti per cui è prevista l’agevolazione? Come chiarito dall’Agenzia delle Entrante con la Circolare 20/E del 18 maggio, la detrazione domotica al 65% viene applicata esclusivamente per l’acquisto, la messa in opera e installazione di dispositivi multimediali che consentono il controllo da remoto di impianti per il riscaldamento, per la produzione di acqua calda e per la climatizzazione dell’unità abitativa.

Domotica e detrazione fiscale 65 2017: requisiti e beneficiari dell’agevolazione

I dispositivi per cui è concessa la detrazione domotica 65% devono inoltre garantire un funzionamento efficiente degli impianti con i quali interagiscono ed essere dotati di caratteristiche specifiche.

Ai fini della detrazione fiscale infatti è necessario che i sistemi installati in casa:

  • possano essere controllati da remoto;
  • mostrino i consumi energetici degli impianti con i quali interagiscono attraverso canali multimediali;
  • mostrino le condizioni di funzionamento dei suddetti impianti.

Ma chi può richiedere la detrazione fiscale per gli impianti domotici? Il bonus per i sistemi domotici è accessibile sia ai cittadini privati (inclusi i condomìni), che ai professionisti e ai titolari di un reddito da impresa.

Come accade per tutti gli altri interventi di efficientamento energetico, infatti, questa agevolazione viene applicata solo agli immobili di tipo residenziale, bensì a tutti gli edifici sia pubblici che privati. L’unica differenza sta nel fatto che per gli edifici residenziali, la detrazione fiscale può essere richiesta anche da un parente che risulti convivente con il soggetto avente diritto alla detrazione.

Come richiedere la detrazione fiscale domotica al 65%

La detrazione domotica al 65% viene concessa anche se l’acquisto, l’installazione e la messa in opera degli impianti avviene in seguito alla riqualificazione energetica, o anche in assenza di interventi di riqualificazione.

Per usufruire del bonus è necessario inviare, entro 90 giorni dalla fine dei lavori, all’ENEA il decreto edifici (decreto 19 febbraio 2007) con allegati i seguenti documenti:

  • Allegato E, in caso di semplice installazione o di installazione connessa alla sostituzione del generatore di calore;
  • Allegato F, se si tratta di un’installazione connessa all’installazione di pannelli solari finalizzati alla produzione di acqua calda.

L’incartamento dovrà essere inviato all’ente per via telematizzata. Tutti i documenti sopracitati sono reperibili su sito del Ministero dello Sviluppo Economico finanziaria2016.enea.it.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Caratteristiche della detrazione 65 isolamento pareti Caratteristiche della detrazione 65 isolamento pareti. Possiamo fruire della detrazione fiscale 65percento relativa al risparmio energetico anche con interventi compiuti sull’involucro degli edifici. In modo particolare possiamo beneficiare del bonus nel caso dell’isolamento pareti, purché si rispet...
Legge di stabilità 2015 detrazioni, manca solo pubblicazione... Legge di stabilità 2015 detrazioni, confermato bonus mobili e ristrutturazioni per il 2015 Sta per divenire ufficiale la proroga relativa al bonus mobili e ristrutturazioni 2015. Sono interventi rilevanti per quanti hanno intenzione di compiere opere edilizie e di riqualificazione energetica. Grazi...
Guida detrazione 65 per interventi di riqualificazione energ... Guida detrazione 65 per interventi di riqualificazione energetica. Mediante il decreto legge numero 63 del 2013 abbiamo assistito alla proroga, fino alla fine del 2013, la detrazione che riguarda gli interventi di riqualificazione energetica delle strutture immobiliari. È stata inoltre incrementata,...
Detrazione 65 2015, conferma ufficiale Detrazione 65 2015, la conferma del Ministro Lupi È giunta la conferma sulla detrazione 65 2015 in merito a interventi di riqualificazione energetica. La notizia si è diffusa inseguito all’intervento del Ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi. Secondo la legge 147 del 27 dicembre 2013, infa...
Guida detrazione 65 : gli interventi possibili Guida detrazione 65 : gli interventi possibili. Dopo l’approvazione della legge di Stabilità, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la nuova Guida sulle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico. Sappiamo che la legge ha prorogato le detrazioni attualmente già in vigore per gli interventi ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.