Detrazione Fiscale 2017: tutte le detrazioni per la ristrutturazione edilizia

Tasse e Fisco

Detrazione Fiscale 2017: guida sulle detrazioni per la ristrutturazione edilizia

Con la Legge di Bilancio 2017 è stata approvata la proroga della detrazione del 50% per le ristrutturazioni edilizie. La nuova data è fissata al 31 dicembre 2017. Anche il bonus fiscale per le ristrutturazioni edilizie che riguardano i mobili è stata protratta al 31 dicembre 2017.

Inoltre la Legge di Bilancio 2017 ha introdotto la detrazione d’imposta del 50% per le spese di ristrutturazione antisismica riservata agli edifici delle zone sismiche. Vediamo quindi tutte le novità sulle agevolazioni e i bonus disponibili.

Detrazione Fiscale 2017: ristrutturazione edilizia

Fino al 31 dicembre 2017 sarò possibile usufruire della detrazione ristrutturazioni edilizie, che consiste in una detrazione dall’Irpef del 50% delle spese sostenute fino a un massimo di 96.000€ per unità immobiliare.

La percentuale sale al 65% per gli interventi di ristrutturazione edilizia di strutture alberghiere e degli agriturismi. Sono escluse tutte le altre tipologie di strutture ricettive.

Dal 1 gennaio 2018 la detrazione tornerà al 36% e con il limite di 48.000€ per unità immobiliare. Per quanto riguarda le imprese, il bonus è utilizzabile solo se l’immobile non è una casa destinata alla vendita da una società immobiliare o edilizia.

Agevolazione Fiscale 2017: ristrutturazione mobili

La Legge di Bilancio 2017 ha approvato la proroga della detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ che vengano utilizzati per arredare immobili oggetto di ristrutturazione (il tetto di spesa massimo è di 10.000€).

Usufruendo di questo bonus e possibile detrarre le spese sostenute, e documentate, dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2017. Dal 2017 la detrazione è consentita solo se l’intervento di ristrutturazione edilizia ha avuto inizio dal 1 gennaio 2016 in poi.

Detrazione Fiscale 2017: ristrutturazione antisismica

Fino al 31 dicembre 2021, è prevista la detrazione fiscale dal 70 all’80% per ristrutturazioni antisismiche. L’agevolazione può essere ripartita in 5 quote annuali e riguarda:

  • gli immobili abitativi;
  • le attività produttive;
  • gli immobili che rientrano nelle zone sismiche di minor rischio.

La detrazione sia alza al 75% per il passaggio a una classe di rischio inferiore e all’85% per un passaggio di due classi di rischio se i lavori riguardano l’immobile condominiale. Il tetto massimo di spesa è di 96.000€

L’entità della detrazione muta in base alla classe di rischio inferiore a cui si passa. Se l’intervento di ristrutturazione è realizzato su immobili residenziali adibiti anche a un’attività commerciale la detrazione spetta nella misura del 50%.

Le spese per usufruire dell’ecobonus 2017 devono essere sostenute dal 1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 e sono:

  • al 65% per lavori di riqualificazione energetica degli edifici;
  • al 70% per le spese di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali.

Inoltre è prevista un’agevolazione per lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria realizzati su immobili residenziali e consiste nell’applicazione dell’IVA al 10%.

Possono usufruire della detrazione sulle spese di ristrutturazione i seguenti soggetti:

  • tutti i contribuenti che presentano il 730 e pagano l’IRPEF;
  • residenti o meno in Italia;
  • i proprietari o nudi proprietari degli immobili;
  • i titolari di un diritto reale di godimento (come usufrutto) quindi locatari o comodatari, soci di cooperative, imprenditori individuali, società;
  • i familiari conviventi (coniuge, componente dell’unione civile) a patto che sostengano le spese e siano intestatari di bonifici e fatture.

La detrazione fiscale per ristrutturazione edilizia non può essere cumulata con la detrazione prevista per simili interventi finalizzati al risparmio energetico.

 

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Quando va pagata l’ IMU 2017 prima casa? IMU 2017 prima casa? Secondo la normativa vigente, l' IMU 2017 sulla prima casa si paga solo se l'abitazione principale è considerata di lusso, cioè se è iscritta al catasto con una delle seguenti categorie catastali: A/1: case signorili; A/8: ville; A/9: castelli. Si paga un'imposta ...
Spese Noleggio Auto 2017 per agenti e rappresentanti Dal 1°gennaio 2017, grazie alle nuove disposizione della Legge di Bilancio, sono stati introdotti nuovi limiti rispetto alla deduzione e alla detrazione sulle spese noleggio auto 2017 effettuate da rappresentanti o agenti. Il DPR 633/1972 stabilisce che se prima l'importo massimo da detrarre era ...
Dichiarazione IVA 2017: scadenze e modalità di presentazione... Dichiarazione IVA: le novità del 2017 Manca poco alla scadenza per la dichiarazione IVA 2017, adempimento fiscale che dovrà essere assolto entro il 28 febbraio 2017. Ma come fare? Cosa cambia a partire a dal 2017? Sono queste le domande a cui cercheremo di rispondere nel nostro articolo. Ma andiamo...
Paesi Black List: Elenco aggiornato 2017 della Agenzia delle... Cos'è la Black List? Sono molti gli italiani che possiedono aziende o la possibilità di investire e che scelgono di farlo in nazioni straniere. Nonostante vi sia questa possibilità, gli investimenti debbono essere fatti sotto il controllo di alcune autorità come l’agenzia delle entrate italiana. Og...
F24 editabile online: come compilarlo ed effettuare il pagam... F24 editabile Agenzia Entrate 2017: quando utilizzarlo L’ F24 editabile 2016 è il modello online che l’Agenzia delle Entrate mette gratuitamente a disposizione per tutti i cittadini. Si tratta di una risorsa molto utile per i contribuenti che devono pagare all’AdE sostituti d’imposte, tributi, cont...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *