Detrazione Fiscale 2017: tutte le detrazioni per la ristrutturazione edilizia

Tasse e Fisco

Detrazione Fiscale 2017: guida sulle detrazioni per la ristrutturazione edilizia

Con la Legge di Bilancio 2017 è stata approvata la proroga della detrazione del 50% per le ristrutturazioni edilizie. La nuova data è fissata al 31 dicembre 2017. Anche il bonus fiscale per le ristrutturazioni edilizie che riguardano i mobili è stata protratta al 31 dicembre 2017.

Inoltre la Legge di Bilancio 2017 ha introdotto la detrazione d’imposta del 50% per le spese di ristrutturazione antisismica riservata agli edifici delle zone sismiche. Vediamo quindi tutte le novità sulle agevolazioni e i bonus disponibili.

Detrazione Fiscale 2017: ristrutturazione edilizia

Fino al 31 dicembre 2017 sarò possibile usufruire della detrazione ristrutturazioni edilizie, che consiste in una detrazione dall’Irpef del 50% delle spese sostenute fino a un massimo di 96.000€ per unità immobiliare.

La percentuale sale al 65% per gli interventi di ristrutturazione edilizia di strutture alberghiere e degli agriturismi. Sono escluse tutte le altre tipologie di strutture ricettive.

Dal 1 gennaio 2018 la detrazione tornerà al 36% e con il limite di 48.000€ per unità immobiliare. Per quanto riguarda le imprese, il bonus è utilizzabile solo se l’immobile non è una casa destinata alla vendita da una società immobiliare o edilizia.

Agevolazione Fiscale 2017: ristrutturazione mobili

La Legge di Bilancio 2017 ha approvato la proroga della detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ che vengano utilizzati per arredare immobili oggetto di ristrutturazione (il tetto di spesa massimo è di 10.000€).

Usufruendo di questo bonus e possibile detrarre le spese sostenute, e documentate, dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2017. Dal 2017 la detrazione è consentita solo se l’intervento di ristrutturazione edilizia ha avuto inizio dal 1 gennaio 2016 in poi.

Detrazione Fiscale 2017: ristrutturazione antisismica

Fino al 31 dicembre 2021, è prevista la detrazione fiscale dal 70 all’80% per ristrutturazioni antisismiche. L’agevolazione può essere ripartita in 5 quote annuali e riguarda:

  • gli immobili abitativi;
  • le attività produttive;
  • gli immobili che rientrano nelle zone sismiche di minor rischio.

La detrazione sia alza al 75% per il passaggio a una classe di rischio inferiore e all’85% per un passaggio di due classi di rischio se i lavori riguardano l’immobile condominiale. Il tetto massimo di spesa è di 96.000€

L’entità della detrazione muta in base alla classe di rischio inferiore a cui si passa. Se l’intervento di ristrutturazione è realizzato su immobili residenziali adibiti anche a un’attività commerciale la detrazione spetta nella misura del 50%.

Le spese per usufruire dell’ecobonus 2017 devono essere sostenute dal 1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 e sono:

  • al 65% per lavori di riqualificazione energetica degli edifici;
  • al 70% per le spese di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali.

Inoltre è prevista un’agevolazione per lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria realizzati su immobili residenziali e consiste nell’applicazione dell’IVA al 10%.

Possono usufruire della detrazione sulle spese di ristrutturazione i seguenti soggetti:

  • tutti i contribuenti che presentano il 730 e pagano l’IRPEF;
  • residenti o meno in Italia;
  • i proprietari o nudi proprietari degli immobili;
  • i titolari di un diritto reale di godimento (come usufrutto) quindi locatari o comodatari, soci di cooperative, imprenditori individuali, società;
  • i familiari conviventi (coniuge, componente dell’unione civile) a patto che sostengano le spese e siano intestatari di bonifici e fatture.

La detrazione fiscale per ristrutturazione edilizia non può essere cumulata con la detrazione prevista per simili interventi finalizzati al risparmio energetico.

 

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Regime minimi Certificazione Unica 2017: come compilarla? Gu... Regime dei minimi e Certificazione Unica: come deve comportarsi il committente L’Agenzia delle Entrate, ha pubblicato il modello da utilizzare per la presentazione della Certificazione Unica. Documento che datori di lavoro, sostituti d’imposta, committenti ed enti pensionistici devono compilare e t...
Bonus Risparmio Energetico 2018: le novità sulle detrazioni ... L' Ecobonus 2018 è un'agevolazione che permette ai contribuenti di beneficiare di un notevole sconto Irpef sulle spese sostenute per migliorare l'efficientamento energetico della propria abitazione o del condominio. Ad oggi la detrazione sul risparmio energetico è a pari al 65%, ma potrebbe esser...
Addio agli Studi di settore nel 2017 ed arrivo delle semplif... Studi di settore e indicatori di fedeltà fiscale Dal 2017 arrivano gli indicatori di fedeltà fiscale, poi un successivo decreto stabilità lo stop ai controlli, finiranno così gli studi di settore per la gioia delle imprese. Studi di settore: addio in 2 tempi Si profila quindi un addio in 2 tempi ...
Tassa di successione 2017: su cosa si paga? Quando è previst... Tassa di successione 2017: quando è previsto l’esonero La tassa di successione è un'imposta che devono pagare allo Stato tutti coloro che ricevono in eredità un patrimonio. L’importo di tale imposta viene definito in base alla dichiarazione di successione che si presenta all'Agenzia delle Entrate. ...
Regime Forfettario 2017: che cos’è, come funziona e a ... Che cos'è il Regime Forfettario 2017? Il Regime Forfettario 2017 è il regime fiscale e naturale che spetta a chi ha intenzione di avviare un' impresa. Il titolare di una nuova partita IVA nel 2017 ha la possibilità di accedere di diritto nel regime contabile agevolato. Come deve comportarsi chi ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *