Detrazioni fiscali 2016 spese mediche: cosa cambia con il 730 precompilato

Detrazione 730Diritto
detrazioni fiscali 2016 spese mediche

Detrazioni fiscali 2016 spese mediche: come funzionano

Novità sul fronte delle detrazioni fiscali 2016 spese mediche. Dal prossimo anno sarà adottato un 730 precompilato che accluderà le detrazioni inerenti le spese sanitarie. Resa possibile grazie al cosiddetto sistema tessera sanitaria, a quest’opportunità il contribuente può opporsi, sebbene le informazioni saranno trattate nel rispetto della privacy.

Il Sistema tessera sanitaria prevede che l’Agenzia delle Entrate ottenga le informazioni pertinenti gli oneri sanitari affrontati dal contribuente (inclusi i rimborsi relativi a prestazioni non erogate).

In termini concreti, l’Agenzia delle Entrate acquisisce gli elementi che interessano ricevute e scontrini emessi per gli oneri medici affrontati dal contribuente (e dai familiari a carico).

Le principali spese pertinenti sono:

  • ticket relativi all’acquisto di farmaci e prestazioni godute grazie al Servizio Sanitario Nazionale;
  • farmaci;
  • dispositivi medici;
  • servizi sanitari forniti dalle farmacie;
  • farmaci per uso veterinario;
  • visite mediche;
  • interventi chirurgici, fatta eccezione delle opere a carattere estetico;
  • certificati medici;
  • ricoveri ospedalieri inerenti a operazioni chirurgiche;
  • cure termali.

A partire dal 15 aprile il contribuente ha l’opportunità di verificare le informazioni che interessano le proprie spese sanitarie. Ciò è possibile grazie all’area riservata ai contribuenti del portale dell’Agenzia delle Entrate.

Detrazioni fiscali 2016 spese mediche: opporsi alla documentazione precompilata

In ogni caso l’utente può rifiutare l’introduzione delle spese sanitarie all’interno del 730 precompilato. Le modalità previste per il non inserimento sono essenzialmente due:

  • il contribuente può evitare di comunicare il proprio codice fiscale a chi fornisce lo scontrino;
  • richiedere al medico o alla struttura competente di rilevare l’opposizione sul documento.

Esclusivamente per le spese sostenute nel corso del 2015, informazioni che saranno oggetto della dichiarazione emessa nel 2016, è concessa l’opportunità di opporsi inoltrando una richiesta all’Agenzia delle Entrate.

Questa deve verificarsi entro il 31 gennaio 2016. La domanda può essere inviata seguendo varie modalità. Si può impiegare una email all’indirizzo che verrà comunicato sul portale dall’Agenzia delle Entrate.

Le alternative sono costituite da:

  • contatto con il Centro di assistenza multicanale, reperibile: 848800444 (nel caso di telefono fisso), 0696668907 (per le chiamate da cellulare), 390696668933 (per chiamate dall’estero);
  • fornendo di persona a qualunque sede della Agenzia delle Entrate il modulo di richiesta di opposizione.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Fasce orarie visite fiscali 2017: orari giorni feriali e fes... Visite fiscali 2017: orari e fasce di reperibilità per lavoratori pubblici e privati Le fasce orarie visite fiscali sono le fasce orarie in cui il medico fiscale dell’Inps può effettuare le visite di controllo al fine di verificare l’effettivo stato di malattia dal lavoratore assente per malattia. ...
Patto di servizio personalizzato: cos’è e perché richiederlo... Il patto di servizio personalizzato è molto simile a un contratto. Il soggetto disoccupato è nell’obbligo di sottoscriverlo entro 15 giorni dalla presentazione della domanda telematica dell’assegno di disoccupazione. Finalità del PSP: ecco cosa sapere Il patto di servizio personalizzato è uno step...
Contratto a tutele crescenti: caratteristiche e modalità di ... Il contratto a tutele crescenti è una forma di contratto di lavoro introdotta con il Jobs Act. L’obiettivo principale della sua ideazione è stato quello di risolvere la situazione d’incertezza legata a tipologie di contratto lavorativo che fornivano poche sicurezze. Nel novero in questione è poss...
Apprendistato professionalizzante senza limiti età: Bonus d... Contratto apprendistato professionalizzante 2017: cos’è e come funziona L’apprendistato professionalizzante 2016 è la possibilità per i datori di lavoro di inquadrare con contratto di apprendistato un disoccupato che ha già compiuto i 29 anni di età. Di conseguenza ai fini della qualificazione o de...
Voucher 2017: Come richiederli e quali novità previste Si sente sempre più spesso parlare dei voucher lavoro e il loro utilizzo ha subito, nel corso dell'ultimo anno, un'impennata preoccupante tanto che il Governo ha deciso di correre ai ripari e ha apportato importanti novità per i voucher 2017. Per fare chiarezza su cosa sono, come richiederli e quali...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.