Detrazioni Fiscali Spese Funebri: le ultime discipline 2017

Casa e Ambiente
spesometro

Anche quest’anno, ahimè, si sta avvicinando per i contribuenti la funesta scadenza entro la quale si dovrà presentare la dichiarazione dei redditi.

Gli interessati saranno alla frenetica ricerca della documentazione che consentirà loro di beneficiare delle detrazioni.

Vediamo ora nel dettaglio le ultime modifiche apportate alla detrazione riguardanti le spese funebri.

Ultime disposizioni nella detrazione delle spese funebri

La Legge di Stabilità anno 2016 ha portato due importanti novità in merito alla detrazione delle spese funerarie.

  1. É stato abolito il cosiddetto vincolo di parentela
  2. É stata innalzata la soglia massima detraibile

Non sarà perciò più necessario essere un congiunto della persona deceduta, per poter inserire nella dichiarazione dei redditi le spese sostenute.

I rimborsi previsti

La soglia massima è passata da 1549,73 euro a 1550,00 euro. Di conseguenza, la somma rimborsabile sarà pari al 19% di 1550,00 euro, ovvero 294,50 euro. Nel caso di spese funerarie affrontate da più persone, il rimborso IRPEF dovrà essere suddiviso tra queste.

Perché la detrazione sia ritenuta valida dal Fisco Italiano, sarà necessario sia rispettare il principio o criterio di attualità. Ovvero, potranno essere detratte solo le spese legate da causa effetto dove la causa è il decesso e l’effetto sono le spese funerarie affrontate.

Non saranno perciò detraibili, per esempio, l’acquisto di una tomba o loculo e le spese di esumazione.

Modello 730 precompilato e costi esequie

Il modello 730 precompilato può essere scaricato dal 15 Aprile 2017 sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate. In esso sono indicati redditi e spese del contribuente.

Con il Decreto del 13 Gennaio 2016 il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha stabilito che le imprese di onoranze funebri:

  • entro e non oltre il 28 Febbraio di ciascun anno;
  • dovranno inviare per via telematica ed in un’unica soluzione, le spese sostenute nel precedente anno relative al decesso di persone.

Dovranno in particolare essere indicati i dati del soggetto deceduto ed i dati di coloro che hanno sostenuto la spesa.

Al fine di consentire ciò, l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione sul proprio sito internet, un apposito software di compilazione.

Le scadenze per la presentazione 730 precompilato

Ricordiamo che, prima di procedere alla trasmissione di tale modello, sarà opportuno verificare la completezza dei dati e la loro correttezza. In questo senso, procedere se necessario con le debite aggiunte e/o correzioni. Si dovrà fare attenzione a non dimenticare i termini di presentazione:

  • 7 Luglio al sostituto d’imposta, al Caf, al professionista
  • 23 Luglio all’Agenzia delle Entrate

Detrazioni fiscali spese funebri nel Modello 730 Ordinario

Coloro i quali non vorranno o non potranno usufruire del modello 730 precompilato, potranno usare il modello ordinario .

Il modello 730 base è composto da informazioni generali relative al contribuente e la firma della dichiarazione. Esso si presenta suddiviso in quadri e tra questi, il quadro E del quale fanno parte oneri e spese detraibili e oneri deducibili.
Nella sezione I del modello sono inserite le spese per le quali è prevista la detrazione del 19% o del 26%.

  • Le spese funebri (codice 14) sono soggette a detrazione del 19%.
  • In caso di più decessi, sarà necessario compilare più righe da E8 a E10 annotando su ciascuna il codice 14 e la relativa spesa sobbarcata.

Il termine per la presentazione della dichiarazione dei redditi è in questo caso il 7 Luglio.

Modello Unico PF e scadenze

Il Modello Unico è destinato a diverse categorie di contribuenti e tra queste le PF (persone fisiche). Va compilato il rigo da 8 a 13 usando il codice 14.

In questo caso, i termini di presentazione sono i seguenti:

  • dal 2 Maggio al 30 Giugno per presentazioni cartacee presso Ufficio Postale
  • entro il 2 Ottobre per presentazioni effettuate con modalità telematica direttamente o tramite intermediario abilitato

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Vademecum detrazioni fiscali 2014 Vademecum detrazioni fiscali 2014. Il Fisco e l’Agenzia delle Entrate hanno pubblicato un vademecum detrazioni fiscali 2014, ovvero una sorta di manuale d’uso per le detrazioni fiscali, nel quale hanno finalmente chiarito quali sono i tipi di interventi che possono fruire dei bonus per mobili e arre...
Rottamazione auto: come funziona, costi e procedure Come rottamare l’auto: le procedure da seguire Come funziona la rottamazione auto? Se si intende rottamare, ovvero demolire, la propria auto, è indispensabile rivolgersi a un centro di raccolta autorizzato. In alternativa è possibile conferire l’auto al concessionario, a condizione che si intenda a...
Detrazioni Fiscali Assicurazioni Vita e Infortuni 2017 Quest'anno è possibile usufruire delle detrazioni fiscali sulle Assicurazioni vita e infortuni, che sono spese sempre più frequenti tra i contribuenti italiani. Questo adesso è possibile farlo con la compilazione del Modello 730 e vi spiegheremo come poter beneficiare di queste detrazioni. Model...
Bonus Mobili 2017: le detrazioni fiscali previste Il rilancio del settore immobiliare, del quale le ultime legislature si stanno occupando, passa dal varo di alcune leggi che si pongono l'obiettivo di rendere economicamente vantaggiose le iniziative di ristrutturazioni di immobili residenziali. Queste agevolazioni fiscali si estendono anche a qu...
Certificato di Revisione Auto: Novità 2017 Importanti novità in arrivo per il certificato di revisione auto: dal prossimo anno, ossia dal 2018, sarà necessario indicare il chilometraggio nel Documento Unico. Tale manovra verrà fatta per tutelare maggiormente i consumatori in casi di frode nella compravendita di veicoli usati. Entro il 2...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *