Detrazioni Fiscali Spese Funebri: le ultime discipline 2017

Casa e Ambiente
spesometro

Anche quest’anno, ahimè, si sta avvicinando per i contribuenti la funesta scadenza entro la quale si dovrà presentare la dichiarazione dei redditi.

Gli interessati saranno alla frenetica ricerca della documentazione che consentirà loro di beneficiare delle detrazioni.

Vediamo ora nel dettaglio le ultime modifiche apportate alla detrazione riguardanti le spese funebri.

Ultime disposizioni nella detrazione delle spese funebri

La Legge di Stabilità anno 2016 ha portato due importanti novità in merito alla detrazione delle spese funerarie.

  1. É stato abolito il cosiddetto vincolo di parentela
  2. É stata innalzata la soglia massima detraibile

Non sarà perciò più necessario essere un congiunto della persona deceduta, per poter inserire nella dichiarazione dei redditi le spese sostenute.

I rimborsi previsti

La soglia massima è passata da 1549,73 euro a 1550,00 euro. Di conseguenza, la somma rimborsabile sarà pari al 19% di 1550,00 euro, ovvero 294,50 euro. Nel caso di spese funerarie affrontate da più persone, il rimborso IRPEF dovrà essere suddiviso tra queste.

Perché la detrazione sia ritenuta valida dal Fisco Italiano, sarà necessario sia rispettare il principio o criterio di attualità. Ovvero, potranno essere detratte solo le spese legate da causa effetto dove la causa è il decesso e l’effetto sono le spese funerarie affrontate.

Non saranno perciò detraibili, per esempio, l’acquisto di una tomba o loculo e le spese di esumazione.

Modello 730 precompilato e costi esequie

Il modello 730 precompilato può essere scaricato dal 15 Aprile 2017 sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate. In esso sono indicati redditi e spese del contribuente.

Con il Decreto del 13 Gennaio 2016 il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha stabilito che le imprese di onoranze funebri:

  • entro e non oltre il 28 Febbraio di ciascun anno;
  • dovranno inviare per via telematica ed in un’unica soluzione, le spese sostenute nel precedente anno relative al decesso di persone.

Dovranno in particolare essere indicati i dati del soggetto deceduto ed i dati di coloro che hanno sostenuto la spesa.

Al fine di consentire ciò, l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione sul proprio sito internet, un apposito software di compilazione.

Le scadenze per la presentazione 730 precompilato

Ricordiamo che, prima di procedere alla trasmissione di tale modello, sarà opportuno verificare la completezza dei dati e la loro correttezza. In questo senso, procedere se necessario con le debite aggiunte e/o correzioni. Si dovrà fare attenzione a non dimenticare i termini di presentazione:

  • 7 Luglio al sostituto d’imposta, al Caf, al professionista
  • 23 Luglio all’Agenzia delle Entrate

Detrazioni fiscali spese funebri nel Modello 730 Ordinario

Coloro i quali non vorranno o non potranno usufruire del modello 730 precompilato, potranno usare il modello ordinario .

Il modello 730 base è composto da informazioni generali relative al contribuente e la firma della dichiarazione. Esso si presenta suddiviso in quadri e tra questi, il quadro E del quale fanno parte oneri e spese detraibili e oneri deducibili.
Nella sezione I del modello sono inserite le spese per le quali è prevista la detrazione del 19% o del 26%.

  • Le spese funebri (codice 14) sono soggette a detrazione del 19%.
  • In caso di più decessi, sarà necessario compilare più righe da E8 a E10 annotando su ciascuna il codice 14 e la relativa spesa sobbarcata.

Il termine per la presentazione della dichiarazione dei redditi è in questo caso il 7 Luglio.

Modello Unico PF e scadenze

Il Modello Unico è destinato a diverse categorie di contribuenti e tra queste le PF (persone fisiche). Va compilato il rigo da 8 a 13 usando il codice 14.

In questo caso, i termini di presentazione sono i seguenti:

  • dal 2 Maggio al 30 Giugno per presentazioni cartacee presso Ufficio Postale
  • entro il 2 Ottobre per presentazioni effettuate con modalità telematica direttamente o tramite intermediario abilitato

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Bonus mobili 2013 e unità abitativa: cosa prevede il decreto... Bonus mobili 2013 e unità abitativa: cosa prevede il decreto? Potrete fruire fino a un importo massimo di 10.000 euro merito del bonus mobili, che riguarda gli oneri correlati alle spese sostenute per l’acquisto di arredi e di grandi elettrodomestici. Ciò significa che se le spese che supereranno ta...
Detrazioni fiscali impianti allarme e videosorveglianza 2017 Le detrazioni fiscali per coloro che decidono di installare sistemi di sicurezza come impianti allarme o di videosorveglianza sono davvero molto interessanti poiché permettono un congruo risparmio sulla spesa finale. Queste grazie alla Legge di Stabilità, sono state introdotte all'interno del bon...
Detrazioni spese condominiali 2017- Guida Utile Le spese sostenute per i lavori riguardanti parti in comune del condominio, sono soggette ad alcune detrazioni fiscali come succede di fatto, anche per gli esborsi riguardanti l'immobile di proprietà. Detrazioni per lavori condominiali: cosa prevede la legge Il Codice Civile definisce quali sono l...
Sismabonus 2017: come diminuire il rischio sismico Sismabonus 2017: che cos'è, requisiti, a chi spetta e come ottenerlo Negli ultimi anni diverse zone e regioni italiane sono state inaspettatamente colpite da violenti terremoti. In diversi casi abitazioni più o meno recenti non hanno retto alle scosse poiché non erano stati costruiti rispettando le...
Detrazioni Fiscali per lavoro dipendente: novità 2017 Le detrazioni per il lavoro dipendente riducono l'imposta IRPEF da pagare in base al reddito complessivo. Vediamo la disciplina prevista nel 2017. Detrazioni fiscali IRPEF Le detrazioni fiscali consistono sostanzialmente in scontistiche che vengono applicate sulle imposte da pagare. Esse si distin...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *