Detrazioni lavoro dipendente 2015

Impresa e Lavoro
Detrazioni lavoro dipendente 2015

Detrazioni lavoro dipendente 2015: cosa cambia con la Legge di Stabilità

Grazie alle detrazioni destinate al lavoro dipendente, i lavoratori, anche se in possesso di contratti professionali a progetto e altri assimilati, hanno l’opportunità di calmierare la pressione fiscale relativa al reddito. Con l’approvazione della Legge di Stabilità 2014 sono state prodotte rilevanti modifiche normative, tanto che da quest’anno è in vigore un nuovo sistema di computo delle detrazioni da lavoro dipendente.

Detrazioni lavoro dipendente 2015, le novità

Le principali modifiche prodotte dalla Legge di Stabilità interessano i seguenti elementi chiave:

  • se il reddito del dipendente è inferiore a 8mila euro, la detrazione è incrementata di 40 euro (1.880 euro complessivi);
  • sono state sostituite le lettere b) e c) comma 127 dell’articolo 1 della Legge n. 147 – 2013, che interessano la detrazione per quanti hanno un reddito superiore a 8mila euro;
  • si è verificata l’abrogazione del comma 2 dell’articolo 1 della Legge n. 147 del 2013 inerente una detrazione aggiuntiva nel caso di reddito compreso tra i 23mila e i 28mila euro.

L’entità della detrazione è da porre in relazione al periodo lavorativo nell’anno e al reddito globale in modo inversamente proporzionale. In altri termini, maggiore sarà il reddito, tanto più contenute saranno le detrazioni per lavoro dipendente.

Di solito queste detrazioni, se sono richieste sfruttando l’apposito modello fornito al datore di lavoro, vengono calcolate e inserite, in forma presuntiva, con cadenza mensile in busta paga. Il lavoratore può quindi fruire mensilmente.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Donazione di Sangue: Giornata di riposo retribuita 2017 Donazione AVIS: Come si può ottenere la giornata di riposo retribuita? La giornata di riposo retribuita per la donazione di sangue spetta al lavoratore che fa la donazione di sangue in forma gratuita presso un centro abilitato dal Ministero della Sanità (come ad esempio AVIS). Ma come funziona la p...
Contratto di apprendistato: cos’è e come è cambiato con Jobs... Il contratto di apprendistato è una tipologia di contratto di lavoro che si rivolge ai giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni. L’obiettivo della sua applicazione è quello di consentire al giovane lavoratore di crescere professionalmente all’interno di una realtà aziendale e, nel contempo, di p...
Contratto a Progetto 2017: Cosa cambia? Contratto a Progetto: Requisiti delle Collaborazioni Relativamente alle collaborazioni coordinate e continuative non si può non citare quanto disposto dall'art. 409 del c.p.c. in materia di "controversie individuali di lavoro"; dal disposto di detto articolo si evince che dette collaborazioni si co...
Liquidazione TFR: i casi che possono presentarsi La liquidazione TFR è una situazione a cui è bene pensare se si ha intenzione di mettere fine a un rapporto di lavoro o se si è in prossimità della scadenza del contratto. Trattamento di fine rapporto: ecco come gestirlo La liquidazione TFR, come sopra ricordato, è obbligatoria quando giunge a con...
Disoccupazione Inps – Naspi: Requisiti 2017 per la domanda Indennità di Disoccupazione Inps - Naspi: Che cos'è? Con il termine Naspi si intende la nuova assicurazione sociale per l'impiego che è entrata in vigore il 1 maggio 2015 e ha sostituito l'indennità di disoccupazione. E' una sorta di sussidio, quindi, che viene data su richiesta a tutti quei lavora...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *