Detrazioni Spese Mediche 2017: guida utile

Tasse e Fisco

Detrazioni Spese Mediche 2017: tutte le novità

Anche quest’anno è possibile fare richiesta delle detrazioni spese mediche per il 2016 tramite la compilazione della dichiarazione dei redditi 2017, modello 730 precompilato o cartaceo. Tali agevolazioni fanno riferimento sia ai costi sostenuti per l’acquisto di farmaci, esami, indagini radioscopiche, ricoveri in ospedali e cliniche private, visite personali sia per familiari a carico e non a carico.

La detrazione spese mediche e sanitarie dichiarate con il modello 730/2017 permette di usufruire di un rimborso del 19% dell’Irpef. Se si possiedono i relativi documenti fiscali, il rimborso si può applicare anche ai farmaci acquistati online o all’estero.

I contribuenti che decidono di accettare il modello 730/2017 precompilato, dato dall’Agenzia delle Entrate, avranno la possibilità di ricercare le spese sanitarie sostenute nel 2016 nella dichiarazione dei redditi precompilata.

Per verificare la propria posizione e i dettagli delle spese trasmesse da medici, ospedali, strutture convenzionate al SSN e farmacie è sufficiente accedere al sito dell’Agenzia delle Entrate.

Quindi, ai fini della detrazione, le spese mediche 2017 saranno inserite in automatico dall’Agenzia delle Entrate nel modello 730 precompilato 2017. Invece è il contribuente a doverle indicare nella dichiarazione dei redditi.

Nel caso in cui i dati del 730 precompilato siano errati, il cittadino ha la facoltà di modificare e integrare la dichiarazione dei redditi a partire dal 2 maggio 2017. Per fare ciò è necessario aver conservato gli scontrini dei pagamenti e i documenti che dimostrino le spese mediche sostenute.

Vi sono però delle eccezioni poiché la franchigia in questione non si applica nei seguenti casi:

  • su mezzi necessari per l’accompagnamento, la deambulazione e il sollevamento di disabili;
  • per l’acquisto di sussidi tecnici e informatici che facilitano l’autosufficienza dei portatori di handicap.

Il tetto massimo delle spese sanitarie detraibili per i familiari non a carico è pari a €6.197,48 e l’importo totale delle spese va riportato per intero.

I dati trasmessi sono:

  • Codice fiscale del contribuente o del familiare a carico cui si riferisce la spesa o il rimborso;
  • Codice fiscale o numero di partita Iva e denominazione di chi ha erogato la prestazione;
  • Data della ricevuta o fattura della spesa medica-sanitaria;
  • Tipo di spesa sostenuta;
  • Importo della spesa o del rimborso;
  • Data del rimborso.
  • acquisto di medicinali da banco e/o con ricetta medica (anche omeopatici);
  • visite e prestazioni specialistiche;
  • prestazioni specialistiche da un medico generico (anche di medicina omeopatica);
  • spese sanitarie specialistiche sostenute negli istituti di ricovero;
  • affitto o acquisto di protesi sanitarie come dispositivi medici (lenti a contatto, occhiali da vista, apparecchi acustici ecc.);
  • analisi di laboratorio, indagini radioscopiche, ricerche e applicazioni, terapie;
  • ticket sanitari per operazioni chirurgiche o prestazioni ambulatoriali;
  • ricoveri e prestazioni chirurgiche;
  • riabilitazione e fisioterapia;
  • prestazioni svolte da addetti all’assistenza di base, da operatori tecnici assistenziali, da addetti ad attività di animazione e/o di terapia occupazionale o da educatori professionali;
  • prestazioni rese da personale di coordinamento delle attività assistenziali di nucleo;
  • cure termali;
  • trapianto di organi;
  • sedute dallo psicologo;
  • affitto attrezzature mediche sotto presentazione di prescrizione medica;
  • assicurazioni sulla vita, gli infortuni, l’invalidità e non autosufficienza;
  • spese veterinarie;
  • spese sostenute per servizi di interpretariato dai soggetti riconosciuti sordi.

Se le spese mediche sono state sostenute all’estero valgono le stesse regole dei costi sostenuti nel nostro paese. E’ sufficiente quindi conservare la fattura rilasciata nel Paese estero allegandovi una traduzione in italiano.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Marche da Bollo: A cosa servono e dove comprarle Marca da Bollo: A che cosa serve? La marca da bollo, materialmente parlando, permette di pagare le imposte di bollo su fatture e determinati documenti di spesa identificati dalla legge. Si tratta di un metodo di convalida di pubblici documenti e di pagamento di imposta che è in vigore sin dal lonta...
Calcolo Tari 2018: che cos’è, come funziona e come cal... In arrivo importanti novità sulla TARI 2018, la tassa sulla raccolta e lo smaltimento rifiuti. Come funziona? Chi deve pagarla e qual è la scadenza per il pagamento dell'imposta? Vediamo assieme come funziona la TARI 2018. TARI 2018: che cos'è? Con la Legge di Stabilità 2014, la TARI è diventata l...
Esenzione canone Rai 2017: come inviare la disdetta. Procedu... Canone Rai 2017: come richiedere l’esenzione in bolletta Gli intestatari di un’utenza elettrica ma che non sono in possesso di nessun televisore non sono tenuti a pagare il canone Rai. Per richiedere l’esenzione canone Rai 2017 è necessario inviare all’Agenzia delle Entrate l’apposito modulo così d...
Coniuge a carico detrazione 2017: i requisiti e i nuovi impo... Detrazione per il coniuge a carico 2017 Dal 2016 l'Agenzia delle Entrate effettua diversi controlli in merito alle detrazioni fiscali che vengono sfruttate dai contribuenti, tra cui troviamo anche la detrazione coniuge a carico. Una conseguenza dell’utilizzo del modello 730 precompilato o ordinario...
Sisma Bonus 2017: per quali interventi sono previste le detr... Sisma Bonus 2017: le novità introdotte dalla Agenzia delle Entrate La Legge di Bilancio 2017 ha introdotto delle regole specifiche da applicare a chi effettua interventi volti alla riduzione del rischio sismico. Nel cosiddetto Sisma Bonus ha fatto rientrare tra le spese detraibili anche quelle effe...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *