Dichiarazione IVA 2017: scadenze e modalità di presentazione

Tasse e Fisco

Dichiarazione IVA: le novità del 2017

Manca poco alla scadenza per la dichiarazione IVA 2017, adempimento fiscale che dovrà essere assolto entro il 28 febbraio 2017. Ma come fare? Cosa cambia a partire a dal 2017? Sono queste le domande a cui cercheremo di rispondere nel nostro articolo. Ma andiamo con ordine.

Parlando dichiarazione IVA 2017 la prima cosa da dire è che questa deve essere effettuata utilizzando gli appositi modelli approvati dall’Agenzia delle Entrate entro il 28 febbraio 2017. A partire dal 2017, inoltre, in base a quanto stabilito con le ultime modifiche alla normativa di riferimento, la dichiarazione IVA non si può più presentare insieme alla dichiarazione dei redditi, ma va trasmessa autonomamente.

Vediamo quindi quali sono le modalità di presentazione della dichiarazione IVA 2017, ossia, come dovrà procedere il contribuente per trasmettere la dichiarazione.

Dichiarazione annuale IVA: ecco come presentarla online nel 2017

Per la presentazione della dichiarazione IVA 2017 sono disponibili due canali. Il contribuente infatti la possibilità di inviare automaticamente all’Agenzia delle Entrate per via telematica, oppure di rivolgersi a un commercialista o intermediario autorizzato.

Quanti desiderano inoltrare la dichiarazione IVA 2017 autonomamente possono farlo utilizzando i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrante. Per farlo è necessario essere in possesso delle credenziali per l’accesso a Entratel o Fisconline.

È fondamentale inoltre precisare che la dichiarazione è considerata inviata non alla data della trasmissione del documento, bensì dal momento in cui l’Agenzia rilascia la ricevuta di avventura trasmissione del modello online. Ricordiamo che anche per la comunicazione online della dichiarazione IVA la scadenza è fissata al 28 febbraio.

Quanti non sono ancora registrati ai servizi telematici dell’AdE possono farlo in qualsiasi momento recandosi in una sede dell’Agenzia, oppure utilizzando l’apposita procedura di registrazione online.

Dichiarazione iva 2017 tramite intermediari: come procedere e a chi rivolgersi

Per quanto riguarda invece la trasmissione della dichiarazione IVA 2017 tramite un intermediario, affinché sia valido l’invio della documentazione deve essere eseguito da un soggetto abilitato. A tal proposito è necessario precisare che gli intermediari abilitati sono i professionisti, appartenenti ad ordini professionali o associazioni di categoria che sono obbligati a tramettere le dichiarazioni IVA per conto dei contribuenti che si rivolgono a loro.

Rientrano dunque tra gli intermediari abilitati:

  • commercialisti
  • ragionieri
  • periti commerciali
  • consulenti del lavoro
  • avvocati iscritti all’albo
  • notai
  • associazioni sindacali di categoria tra imprenditori
  • revisori contabili che risultano iscritti all’apposito registro
  • associazioni di soggetti che appartengono a minoranze etnico-linguistiche
  • Caf.

Rientrano tra gli intermediari abilitati alla trasmissione della dichiarazione IVA anche gli studi professionali a condizione però che almeno la metà degli associati siano soggetti iscritti ad albi, ruoli o collegi. Sono abilitate anche le società di servizi, in cui almeno il 50% del capitale sociale sia detenuto da soggetti rientranti nelle stesse categorie di cui sopra.

Ricordiamo che anche per quanti si rivolgono agli intermediari abilitati dall’Agenzia delle Entrante il termine per la presentazione della dichiarazione IVA 2017 rimane fisso al 28 febbraio 2017.

Per quanto riguarda infine le PA, le Amministrazioni Pubbliche (incluse quelle autonome) sono obbligate ad inviare all’Agenzia delle Entrate la dichiarazione IVA 2017 per via telematica, tramite Entratel.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Elenco oneri deducibili e detraibili per la dichiarazione de... La dichiarazione dei redditi va fatta su modelli che non sono di immediata comprensione. Nella sua compilazione occorre prestare attenzione soprattutto ai quadri relativi agli oneri deducibili e alle detrazioni d'imposta. Deduzioni e detrazioni per il 2017 Spese deducibili e detrazioni sono poste ...
Naspi 2017 e la cumulabilità con il Bonus 80 euro Naspi 2017: il nuovo ammortizzatore sociale e la cumulabilità con gli 80 euro La Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego, o Naspi 2017, dal 1 Gennaio di quest'anno ha sostituito tutte le altre prestazioni a sostegno del reddito. I criteri di accesso e funzionamento sono i seguenti: stato di ...
Spesometro 2017: che cos’è, come funzione e come si co... Spesometro 2017: istruzioni Lo Spesometro 2017 è uno degli ultimi strumenti ideati dal Fisco e messi a servizio del cittadino con partita IVA: si tratta del rendiconto di tutte le azioni ai fini IVA effettuate da un soggetto durante il corso d'anno in analisi, per poter verificare se il tenore di v...
Bonus Mamma 2017: come ottenere gli 800 euro? Da oggi, 4 maggio 2017, è possibile richiedere il Bonus Mamma 2017, che ammonta a €800. Sul portale dell'INPS è disponibile la procedura telematica per ottenere il denaro per la nascita o l'adozione di un minore, previsto dalla legge 11 dicembre 2016, n. 232 (legge di bilancio 2017). Il Bonus Mam...
Come si calcolano le detrazioni per il lavoro dipendente? L'origine del calcolo delle detrazioni per il lavoro dipendente La legge di Stabilità del 2014 ha deciso i criteri utilizzati ancora ad oggi, seppure con variazione delle cifre e di alcuni dettagli, delle detrazioni per il lavoro dipendente e applicate sui redditi. La normativa ha lasciato intatte ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *