Disdetta contratto di locazione: ecco come procedere, guida

Casa e Ambiente
disdetta contratto di locazione

La disdetta contratto di locazione è un’eventualità da considerare quando si affitta un’unità immobiliare, a prescindere dalla destinazione d’uso.

La disdetta viene generalmente richiesta prima della scadenza naturale del contratto per motivi che vanno da esigenze di spazio a cambiamenti lavorativi.

Chi può disdire un contratto d’affitto?

Le regole della disdetta contratto di locazione prevedono che la suddetta procedura possa essere avviata dall’inquilino, detto in gergo tecnico conduttore.

Fatti salvi casi molto particolari, nella maggior parte delle situazioni il proprietario di un immobile non può recedere anticipatamente.

Spetta quindi all’inquilino la decisione di richiedere la disdetta del contratto di locazione, una procedura che deve essere concretizzata tenendo conto di specifici passi normativi.

Quando si può richiedere il recesso del contratto di affitto?

La disdetta contratto di locazione, nel caso dei contratti abitativi, deve essere richiesta con almeno 6 mesi di anticipo rispetto al momento in cui si intende abbandonare l’immobile.

La richiesta formale di recesso deve essere inviata al proprietario dell’immobile tramite raccomandata con ricevuta di ritorno.

Cosa deve contenere la suddetta missiva? I dati anagrafici dell’inquilino intestatario del contratto di affitto, la richiesta formale di risoluzione dello stesso e, ovviamente, tutti quelli relativi alla registrazione del contratto, un passaggio che deve essere effettuato pochi giorni dopo la sottoscrizione e che risulta fondamentale affinché il contratto possa dirsi valido.

Nella raccomandata con ricevuta di ritorno bisogna indicare anche i tempi entro i quali si intende abbandonare l’immobile.

Recesso di un contratto di affitto abitativo: cosa sapere per richiederlo

La disdetta contratto di locazione, nel caso dei contratti di affitto con struttura 4 + 4 o 3 + 2 (durata di tre anni con rinnovo alle medesime condizioni del contratto iniziale), deve essere effettuata tenendo conto delle regole sopra ricordate per quanto riguarda i tempi.

Nella prima delle due situazioni il proprietario può richiedere la disdetta del contratto, ma dopo la scadenza naturale dopo 4 anni.

Recesso di un contratto di affitto commerciale: le specifiche tecniche

La disdetta contratto di locazione, come già specificato, può riguardare anche i contratti di affitto di natura commerciale.

Come muoversi in questi casi? Ricordando che, a prescindere che il contratto abbia una struttura 6 + 6 o una 9 + 9, è necessario inviare al proprietario dell’immobile una comunicazione ufficiale della disdetta con almeno 12 mesi di anticipo per locazioni commerciali semplici.

Se invece si tratta della locazione di un immobile adibito ad hotel, le tempistiche relative alla comunicazione di disdetta del contratto prevedono almeno 18 mesi di anticipo.

Motivazioni del recesso: l’inquilino deve specificarle?

In caso di disdetta contratto di locazione, se si parla di un immobile adibito a uso commerciale semplice o destinato a un hotel, le regole non obbligano il locatore a specificare al proprietario il motivo della disdetta.

Il suddetto ha però la facoltà, una volta ricevuta la raccomandata in merito, di richiedere esplicitamente le ragioni che hanno portato il locatario a risolvere il contratto.

Affitti per studenti: come gestire la disdetta

Un ulteriore caso da considerare quando si discute di disdetta contratto di locazione è la specifica degli affitti con natura transitoria.

Questi contratti, che vengono posti in essere per situazioni come quelle degli studenti universitari, durano generalmente 18 mesi e prevedono l’invio della comunicazione di disdetta con un preavviso di almeno 3 mesi.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Detrazione affitto figlio erasmus Detrazione affitto figlio erasmus: cosa prevede la normativa? Molti di noi stanno compilando il modello 730 del 2013 relativo, e in tanti si chiedo se sia possibile compiere la detrazione spese per un figlio che sta studiando all’estero. Scopriamo insieme quali sono le concrete opportunità fornite d...
Quando e come si paga la Tasi? Ecco i dati ufficiali Quando e come si paga la Tasi? Ecco i dati ufficiali. Per quanto attiene la prima rata, la Tasi deve essere pagata il 16 giugno oppure il 16 settembre, la differenza è dipesa dal Comune di residenza. Se questo avrà deliberato le aliquote ufficiali sulla prima casa entro il 23 maggio, comunicando sul...
Contratto di Locazione: tutte le novità marzo 2017 Contratti di locazione 2017: nuove regole I contratti di locazione riguardano tutti i contratti con cui una parte, il locatore o proprietario, si impegna a far godere un bene all'altra, il locatario o affittuario per un periodo di tempo determinato. In cambio chiaramente il locatore deve corrispond...
Bonus mobili 2014: sconto Irpef al 50%, la mini guida Bonus mobili 2014: sconto Irpef al 50%. Ecco la mini guida sul bonus mobili 2014:  l’acquisto agevolato con detrazione al 50% per coloro che acquistano mobili ed elettrodomestici per arredare locali soggetti a ristrutturazioni. Questa agevolazione è stata introdotta per la prima volta  dal DL, n....
Detrazione Affitto Modello 730/2017: Guida Utile Detrazione Affitto Modello 730/2017: in prossimità della scadenza nel mese di giugno, per la presentazione del Modello Unico o del Modello 730, i contribuenti si confrontano con il bilancio dell’anno economico appena trascorso. Dichiarazione dei redditi e detrazioni fiscali sono quindi temi caldi in...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *