Esenzione canone Rai 2017: come inviare la disdetta. Procedure e scadenza

Tasse e Fisco
rai

Canone Rai 2017: come richiedere l’esenzione in bolletta

Gli intestatari di un’utenza elettrica ma che non sono in possesso di nessun televisore non sono tenuti a pagare il canone Rai. Per richiedere l’esenzione canone Rai 2017 è necessario inviare all’Agenzia delle Entrate l’apposito modulo così da ottenere l’esonero dal pagamento del canone Rai in bolletta.

L’utente dovrà quindi presentare all’AdE una dichiarazione in cui attesta di non avere alcun televisore. Il modello può essere scaricato direttamente sul sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate. La dichiarazione può essere trasmessa all’Agenzia per posta oppure online, entro il 31 gennaio.

Tuttavia al fine di evitare un’eventuale addebito errato delle prime rate del canone sulla bolletta è preferibile inviare la disdetta entro il 20 dicembre. Ma vediamo nel dettaglio come funziona l’esenzione canone Rai 2017.

Esenzione canone RAI: le scadenze per l’invio della domanda

Come già accennato, i cittadini che sono intestatari di un’utenza elettrica ma non hanno televisori in casa possono inviare all’Agenzia dell’Entrata la richiesta di esenzione utilizzando il modello messo a disposizione dalla stessa.

Dato che per il 2017 la prima rata del canone (che viene spalmato in 10 bollette) scatta a gennaio, l’Agenzia consiglia a tutti gli utenti di presentare la dichiarazione sostitutiva quanto prima, così da evitare eventuali addebiti errati in bolletta. Ovviamente, quanti si ritroveranno a dover pagare il canone in bolletta ma non sono in possesso di alcun televisore potranno richiedere il rimborso in un secondo momento.

Di conseguenza anche se la scadenza per l’invio della dichiarazione sostitutiva per l’esenzione dal canone 2017 è fissata al 31 gennaio, è preferibile anticipare l’invio entro la fine del mese di dicembre se il modello viene presentato tramite procedura online, mentre per chi lo spedisce per posta cartacea l’ultimo giorno utile è il 20 dicembre.

È necessario inoltre precisare che nel caso in cui il cittadino trasmetta all’Agenzia delle Entrate una dichiarazione non veritiera sarà soggetto a sanzioni, anche di tipo penale. La dichiarazione sostitutiva per esenzione canone rai ha validità per 12 mesi, di conseguenza se i requisiti persistono sarà necessario inviare una nuova dichiarazione ogni anno.

Quanti inviano la richiesta di esenzione dopo il 31 gennaio sono esentati dal pagamento del canone solo per il secondo semestre dell’anno, ossia per il periodo che va da luglio a dicembre 2017.

In ogni caso, per essere valido il modulo deve essere debitamente compilato in ogni parte. Se nonostante l’invio della dichiarazione, viene comunque addebitato in bolletta il pagamento del canone RAI 2017, è possibile chiedere il rimborso.

Esenzione canone RAI modulo: come compilarlo e inviarlo all’Agenzia delle Entrate

Ma come inviare il modulo per l’esenzione canone RAI? Come già detto il modello deve essere inoltrato entro il prossimo 31 gennaio, ma vediamo quali sono i canali per l’invio della comunicazione all’Agenzia delle Entrate.

L’AdE mette a disposizione degli utenti tre modalità per compilare e inoltrare la dichiarazione sostitutiva per il canone RAI. Quanti decidono di ricorrere all’invio telematico possono effettuare l’accesso ai servizi telematici Entratel o Fisconline.

Da qui è possibile precedere sia alla compilazione che all’invio del modulo per la disdetta del canone. Quanti non fossero in possesso delle credenziali per l’accesso ai servizi online, possono richiuderne l’invio seguendo la procedura telematica.

In alternativa è possibile inviare il modulo, sempre per via telematica, tramite intermediari autorizzati quali Caf e commercialisti. Ricordiamo infine che il modulo per l’esenzione del canone può anche essere spedito per posta ordinaria.

In tal caso è necessario scaricare il modulo dal sito dell’Agenzia delle Entrate e inviarlo, con allegato un documento di identità, tramite raccomandata all’indirizzo: Agenzia delle entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti TV – Casella Postale 22 – 10121 Torino.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Modello Unico 2017: La guida online Il nuovo anno, sempre tanto sperato e invocato, quest'anno porterà tante novità anche in tema di fiscalità. Il governo Renzi infatti come promesso introdurrà ulteriori semplificazioni per cittadini e aziende come già comunicato qualche settimana fa attraverso una conferenza stampa. Con la tanto deca...
Naspi 2017 e la cumulabilità con il Bonus 80 euro Naspi 2017: il nuovo ammortizzatore sociale e la cumulabilità con gli 80 euro La Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego, o Naspi 2017, dal 1 Gennaio di quest'anno ha sostituito tutte le altre prestazioni a sostegno del reddito. I criteri di accesso e funzionamento sono i seguenti: stato di ...
Regime Forfettario 2017: che cos’è, come funziona e a ... Che cos'è il Regime Forfettario 2017? Il Regime Forfettario 2017 è il regime fiscale e naturale che spetta a chi ha intenzione di avviare un' impresa. Il titolare di una nuova partita IVA nel 2017 ha la possibilità di accedere di diritto nel regime contabile agevolato. Come deve comportarsi chi ...
Detrazione Fiscale 2017: tutte le detrazioni per la ristrutt... Detrazione Fiscale 2017: guida sulle detrazioni per la ristrutturazione edilizia Con la Legge di Bilancio 2017 è stata approvata la proroga della detrazione del 50% per le ristrutturazioni edilizie. La nuova data è fissata al 31 dicembre 2017. Anche il bonus fiscale per le ristrutturazioni edilizie...
Quando si paga la Tasi 2017? Tasi 2017: la scadenza è al 16 giugno Ogni anno gli italiani devono pagare allo Stato le tasse sulla casa: TASI, IMU e TARI per chi possiede un immobile a qualsiasi titolo, fatta eccezione della prima casa non di lusso a fini Tasi e Imu. Il decreto legge legato alla Legge di Bilancio 2017 ha int...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *