Mobilità docenti 2017: cosa cambia con il nuovo contratto mobilità insegnanti

Pubblica Amministrazione
visite fiscali insegnanti

Mobilità 2017/18 novità: ecco cosa cambia per gli insegnanti

Di recente è stato siglato il contratto relativo alla mobilità docenti 2017, che ha apportato nuove regole per operazioni di mobilità. Da ora in poi, queste saranno svolte tutte in un unico momento indipendentemente dal grado d’istruzione e in base al calendario previsto nel contratto. Ma vediamo nel dettaglio cosa prevede il contratto per la mobilità dei docenti 2017 2018.

Per la mobilità insegnanti nel 2017 2018, il Miur stilerà una graduatoria unica per ogni ordine scolastico. Di conseguenza i docenti con la mobilità otterranno una titolarità sia di scuola che di ambito. Tuttavia questo sarà possibile solo a condizione che nella domanda di trasferimento l’insegnate abbia indicato 5 scuole, utilizzando i relativi codici di istituto.

Allo stesso tempo, per ottenere la titolarità, il docente deve essere stato soddisfatti per quanto per quanto riguarda la preferenza espressa per ambito o per provincia. È necessario precisare inoltre che la precedenza spettante ai docenti che si trovano a dover assistere un familiare disabile diventa, con l’entrata in vigore del nuovo contratto, la 4° precedenza mentre prima era la 5°.

Il numero degli insegnanti in mobilità, inoltre, dovrà essere pari alla somma dei posti che verranno assegnati nella scuola prescelta.

Mobilità scuola: le nuove regole e la deroga al vincolo triennale

Tra le novità apportate dal nuovo accordo per la mobilità docenti 2017 ricordiamo inoltre la deroga al vincolo triennale. Questa permette agli insegnanti di qualsiasi ordine e grado, inclusi quelli assunti al 1° settembre 2015 e a settembre 2016, di avanzare richiesta il trasferimento anche prima dei 3 anni di servizio.

Non solo. Tra le altre importanti novità apportate con il contratto mobilità docenti 2017 troviamo anche l’introduzione di una domanda unica per gli spostamenti provinciali e interprovinciali. In questo modo tutti gli insegnanti potranno presentare una sola richiesta, in cui potranno essere espresse al massimo 15 preferenze di trasferimento e mobilità professionale.

Mobilità Docenti 2017 2018: la precedenza ai trasferimenti provinciali e legge 104

I trasferimenti provinciali inoltre avranno la precedenza rispetto a quelli interprovinciali. Ciò significa che le domande relative ai trasferimenti effettuati all’interno di una stessa provincia saranno prese in esame e soddisfatte prima di quelle che arrivano da fuori la provincia.

Tale precedenza sarà applicata anche se l’insegnante che chiede il trasferimento provinciale ha un punteggio inferiore rispetto al docente che presenta domanda di trasferimento interprovinciale.

Il nuovo contratto prevede infine che sia data la precedenza agli insegnanti che assistono il figlio, il coniuge oppure un genitore affetto da disabilità, ai sensi della legge 104.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Certificati di credito fiscale: un’alternativa alle detrazio... Certificato di credito fiscale al posto delle detrazioni Certificati di credito fiscale come agevolazione per gli interventi di riqualificazione energetica ed edilizia degli edifici. È la proposta in tema di sgravi fiscali, presentata con un disegno di legge nel 2013, che rappresenta un’alternativa...
Posta Certificata Gov 2017: Dismissione servizio gratuito e ... Come alcuni già sapranno da mail ricevuta sulla casella PEC Gov, la posta certificata gov va in pensione, poiché il governo ha stabilito la decadenza della posta certificata gratuita che dovrà necessariamente essere sostituita con una a pagamento per poter continuare a dialogare con le amministrazio...
Equitalia condono: nel 2017 attesa la sanatoria Per quanto riguarda Equitalia condono è bene fare riferimento al decreto legge n° 113 del 20 giugno 2016, conosciuto come Decreto Enti Locali. Secondo i contenuti di questo testo normativo, i contribuenti che sono in ritardo con il pagamento dei tributi avranno la possibilità di avvalersi di una san...
Visura camerale online: come richiederla e quanto costa Che cos'è la visura camerale La visura camerale è un attestato che viene rilasciato dalla camera di commercio, tale documento raccoglie sia i dati amministrativi, che quelli fiscali e anagrafici di un azienda o ditta. La visura camerale contiene l'indirizzo della ditta, i nomi degli amministratori ...
Piccolo prestito inpdap: Calcolo Rata, Tabelle e Modulo Piccolo prestito Inpdap: cos'è e come calcolare la rata Il piccolo prestito Inpdap (ora Gestione Unitaria delle Prestazioni Creditizie e Sociali) è una forma di finanziamento dedicata ai dipendenti pubblici e ai pensionati che abbiano prestato il proprio lavoro nel settore pubblico. Si tratta di...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *