Modulo Dimissioni Online e Convalida

Impresa e Lavoro
dimi

Le dimissioni online sono diventate realtà grazie all’entrata in vigore del Jobs Act del governo Renzi. Ma a cosa è dovuta la nuova procedura per dare le dimissioni dal proprio posto di lavoro? Si è pensato di arginare il gravoso fenomeno delle dimissioni in bianco, ossia le dimissioni che vengono imposte dal datore di lavoro al proprio dipendente.

Tramite la procedura telematica i lavoratori che intendono dimettersi devono comunicare e convalidare le proprie dimissioni online, attraverso l’apposito portale dell’INPS. Con questa novità la lettera di dimissioni che viene consegnata dal dipendente al datore di lavoro diventa così solo un atto formale fatto per lasciarsi in buoni rapporti con l’azienda.

Cosa sono le dimissioni in bianco?

Il motivo principale per cui il Governo italiano ha introdotto l’obbligo di dimissioni online è quello del contrasto al fenomeno delle dimissioni in bianco. Ma in cosa consistono queste? Si tratta di un atto illecito da parte del datore di lavoro, che fa compilare al dipendente una lettera di dimissioni in bianco all’atto di assunzione o durante il rapporto lavorativo. 

Questa lettera di dimissioni senza data viene così usata dal datore di lavoro per poter avere la possibilità di cacciare il lavoratore dalle proprie dipendenze, senza troppe giustificazioni e senza dover pagare gli oneri di un licenziamento illegittimo. Per rendere valida la lettera di dimissioni precedentemente firmata dal lavoratore il datore di lavoro doveva semplicemente inserire la data desiderata.

Questa lettera di dimissioni in bianco poteva essere anche usata dal datore di lavoro come arma di ricatto contro il dipendente, minacciando lo stesso di cacciarlo nel caso in cui non avesse adempiuto a richieste o esigenze a favore del datore stesso. Con le dimissioni in bianco per il lavoratore c’era il rischio concreto di non poter usufruire della tutela per la disoccupazione e il licenziamento illegittimo.

Modulo Dimissioni Online e Convalida: La nuova procedura

La nuova procedura per la richiesta di dimissioni da parte del lavoratore si compone delle seguenti fasi:

  • il lavoratore, se decide di occuparsi direttamente della pratica di dimissioni online senza ausilio di un intermediario, deve:
    • Richiedere il codice PIN per accedere sul portale dell’INPS tramite l’apposito numero verde dell’Istituto, che lo invierà a domicilio con posta raccomandata;
    • Iscriversi al sito del Ministero del Lavoro www.cliclavoro.gov.it ottenendo così il nome utente e la password necessarie all’accesso.
  • Nella seconda fase il lavoratore può decidere di proseguire in maniera autonoma oppure di farsi assistere da un Patronato o un commercialista nelle seguenti procedure:
    • Accesso presso il sito www.cliclavoro.gov.it e compilazione del form di dimissioni;
    • Apertura del form presso la pagina collegata ad esso per immettere i dati di comunicazione di dimissioni o di revoca delle stesse;
    • Invio del form al Ministero del Lavoro.

Dopo avere effettuato questa procedura il form di dimissioni (o di revoca) viene inviato sia al datore di lavoro che alla Direzione territoriale del Lavoro di competenza.

Modulo Dimissioni Volontaria: La convalida tramite sindacato o Patronato

Per evitare la fatica e l’impiego di tempo necessario nell’adempiere in maniera autonoma alle proprie dimissioni online, il lavoratore può farsi assistere da un soggetto abilitato come:

  • un Patronato;
  • un sindacato;
  • un ente bilaterale;
  • una commissione di certificazione.

Il soggetto abilitato all’intermediazione entrerà nel sito www.cliclavoro.gov con i propri dati di accesso, assumendosi la responsabilità totale nell’identificare il dipendente e convalidarne le dimissioni.

Dimissioni Volontarie Online: Com’è fatto il modulo?

Il modulo di dimissioni online è composto da cinque sezioni, di cui le prime tre sono compilate automaticamente per le assunzioni avvenute dopo il 2008. La quarta sezione deve invece essere interamente compilata dal lavoratore con inclusa la data di decorrenza delle dimissioni, stando attento ai termini di preavviso previsti dal contratto nazionale della categoria di riferimento. La quinta sezione infine viene compilata automaticamente dal sistema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *