Notifica Equitalia a mezzo PEC: scopri come funziona

Impresa e Lavoro
notifica equitalia

Equitalia, cartelle esattoriali: arriva la notifica via PEC

La notifica Equitalia tramite PEC per le società, le imprese e i liberi professionisti è attiva dal 1° giugno 2016. Da giugno quindi la notifica delle cartelle di pagamento di Equitalia deve essere effettuata via PEC in tutta Italia. Si tratta di una procedura obbligatoria sia per le imprese individuali, che per le società e professionisti. Ma vediamo nel dettaglio come funziona la notifica Equitalia.

L’Agente di riscossione deve obbligatoriamente notificare la cartella di pagamento tramite Posta Elettronica Certificata a imprese, società o professionisti. Fino a giugno 2016 invece tali notifiche venivano effettuate con la posta tradizionale, fatta eccezione però per Lombardia, Toscana e Molise dove invece nei mesi scorsi era già partita in via sperimentale la notifica via Pec.

Ma come funziona la notifica a mezzo PEC? Con la circolare n. 98 del 2015 Equitalia ha illustrato a tutte le strutture coinvolte le modalità per la notifica Equitalia a mezzo posta elettronica certificata delle cartelle di pagamento esattoriale.

In altre parole, sono state comunicate le modalità con le quali le società di riscossione devono soddisfare i nuovi obblighi di notificazione delle cartelle destinate a società, imprese individuali e professionisti iscritti a elenchi o albi.

Cosa dice la legge sulla mancata notifica cartella esattoriale

Nella circolare Equitalia vengono inoltre chiarite quali procedure devono seguire le società del Gruppo nel caso in cui l’indirizzo di posta elettronica del destinatario riportato nell’indice nazionale degli indirizzi INI-PEC risulti errato, non valido o inattivo.

In tutti questi casi l’Agente di riscossione dovrà notificare la cartella esattoriale tramite deposito presso la Camera di Commercio competente per territorio. Sarà quindi la stessa Equitalia a dover pubblicare la relativa comunicazione di avviso sul sito della CCIA di riferimento e inviarla al destinatario tramite raccomandata con ricevuta di ritorno.

Equitalia procederà allo stesso modo anche per le caselle PEC che risulteranno piene, anche dopo un secondo tentativo di notifica, che dovrà essere effettuato dopo che saranno decorsi almeno 15 giorni dal primo invio di notifica.

Cartelle esattoriali Equitalia via PEC: normativa di riferimento

L’obbligo notifica delle cartelle di pagamento esattoriale Equitalia a mezzo PEC è stato introdotto con l’articolo 14 del Decreto Legge n. 159/15. Norma che di fatto ha stabilito che la notifica della cartella di pagamento Equitalia può essere eseguita dall’Agente della Riscossione anche tramite posta elettronica certificata, a condizione però che l’indirizzo PEC sia indicato dagli elenchi previsti dalla legge.

Nel caso la cartella sia indirizzata a un’impresa, individuale o costituita in forma societaria, o a un professionista iscritto in un albo, la notifica tramite PEC può avvenire esclusivamente per via telematica. La notifica va quindi inviata all’indirizzo di posta elettronica che è indicato nell’indice nazionale degli indirizzi di Posta Elettronica Certificata (INI-PEC).

 

Ma per chi è previsto l’obbligo della notifica Equitalia a mezzo PEC? Dal giugno 2016 Equitalia, e più in generale l’Agente della riscossione, è obbligata a notificare le cartelle di pagamento esattoriale tramite posta elettronica certificata ai seguenti soggetti giuridici:

  • società
  • imprese individuali
  • professionisti iscritti agli albi ed elenchi.

Notifica Equitalia 2017: le disposizioni per i privati cittadini

E per i privati cittadini? Per le persone fisiche la notifica delle cartelle di pagamento esattoriali emesse da Equitalia tramite posta elettronica certificata è consentita solo a fronte di una specifica richiesta da parte del cittadino.

E in tal caso la notifica via PEC sarà comunque possibile solo se l’indirizzo di posta certificata è stato dichiarato in sede di sottoscrizione della suddetta richiesta. In alternativa è possibile ricevere la comicazione tramite PEC se l’indirizzo di posta elettronica è stato comunicato in un secondo momento all’Agente della riscossione.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Liquidazione IVA 2017: le sanzioni per chi non presenta il m... Tutti i titolari di partita IVA sono obbligati a versare la liquidazione periodica dell'IVA. Il periodo viene stabilito su base mensile o trimestrale. Vediamo nel dettaglio come funziona la liquidazione Iva. Che cosa è la liquidazione IVA 2017 In caso di ripartizione su tre mesi, abbiamo i peri...
Ritenuta d’acconto per prestazione occasionale: guida La ritenuta d'acconto per prestazione occasionale rappresenta una pratica risorsa per pagare attività di natura lavorativa. È un elemento associato, nella maggior parte dei casi, ai giovani che si trovano a ricoprire un piccolo ruolo lavorativo. Quali sono le sue caratteristiche e come funziona? Ecc...
Noipa cedolino luglio 2017: novità sul ritardo del conguagli... L'apparizione del Noipa cedolino è sempre un evento molto atteso da tutti coloro che lavorano nel mondo della scuola. Ogni mese si ripete questo avvenimento, col conguaglio di luglio che è sicuramente uno dei più indicativi. Diamo un'occhiata alla situazione attuale. Noipa cedolino: che cos'è? In ...
INPS CUD 2017: Come e dove richiedere online il modello Cosa è la certificazione unica dei redditi (CUD) Ogni anno il lavoratore dipendente o il pensionato ricevono il modello CUD, ossia il documento che attesta l'ammontare dei redditi percepiti svolgendo la loro attività da lavoro dipendente o, nel caso dei pensionati, ciò che ricevono dall'ente previd...
Fatturazione elettronica tra i privati: ecco come funzionera... Nelle scorse settimane ha preso il via la fase di sperimentazione della fatturazione elettronica tra privati. Sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono state recentemente pubblicate le bozze con le indicazioni per l’utilizzo della piattaforma SDI, che attualmente consente l’utilizzo delle fatture ele...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *