Partite IVA comunitarie: i servizi del sito dell’Agenzia delle Entrate

Impresa e Lavoro
partite iva comunitarie

I titolari di Partite IVA comunitarie hanno la possibilità di usufruire di diversi servizi web messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

Controllo Partita IVA comunitaria: ecco come effettuarlo

Gli operatori commerciali titolari di partite IVA comunitarie hanno modo, nei casi in cui operano effettuando cessioni intracomunitarie, di verificare tramite i già ricordati servizi online dell’Agenzia delle Entrate la validità della partita IVA dei clienti con i quali interagiscono.

Questo è possibile grazie al collegamento con i sistemi fiscali degli altri Stati della Comunità Europea. Gli utenti che vogliono usufruire di questo servizio devono sapere che il suddetto è disponibile nei giorni feriali dalle 8.00 alle 20.00 e il sabato dalle 8.00 alle 13.00.

Come si utilizza di preciso? Per usufruirne basta entrare nella pagina del sito dell’Agenzia delle Entrate dedicata al controllo delle partite IVA comunitarie. Lo step successivo consiste nel selezionare lo Stato comunitario scelto.

Dopo la scelta in questione ci si trova davanti a una scheda che reca informazioni sulla valuta in corso e sulla struttura della Partita IVA.

Nella parte bassa della pagina è infine presente il record dove inserire il numero di partita IVA del Paese estero ai fini di verificarne la validità. Il risultato di questa ricerca porta anche a informazioni relative alla denominazione e all’indirizzo dell’operatore commerciale.

VIES: informazioni per l’utente

Continuiamo a parlare di VIES – sistema elettronico di scambio di dati sull’IVA – ricordando che, sul sito dell’Agenzia delle Entrate, non è solo possibile controllare la validità delle partite IVA comunitarie, ma anche farsi un’idea dello stato di attività di una partita IVA italiana.

Partite IVA italiane: come ricavare informazioni sullo stato di attività

Il sito dell’Agenzia delle Entrate, come appena ricordato, consente di ricavare informazioni sia sulle partite IVA comunitarie sia su quelle italiane.

Per quanto riguarda quest’ultimo punto ricordiamo che il servizio è disponibile sulla pagina che reca nella parte alta la dicitura “Verifica Partita IVA”. Sulla pagina in questione è presente un record dove inserire la partita IVA e un altro dove indicare il codice di sicurezza, una stringa alfabetica che può essere ascoltata anche tramite file audio.

Informazioni su una partita IVA italiana: i passi per visualizzarle

Dalla suddetta pagina del sito dell’Agenzia delle Entrate è possibile ricavare informazioni importanti sulle partite IVA italiane.

Chi è in cerca di specifiche relative alle partite IVA comunitarie in questione ha modo di visionare lo stato di attività – la partita IVA può essere attiva, sospesa in caso di affitto dell’attività aziendale o cessata – così come la denominazione sociale o il nome e cognome del titolare dell’attività.

La scheda che si visualizza dopo aver inserito la partita IVA italiana d’interesse e il codice di sicurezza reca informazioni anche sulla data d’inizio attività e su eventuali periodi di sospensione e di cessazione dell’attività imprenditoriale.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Regime forfettario 2017: i requisiti per accedervi Cos'è il regime forfettario? Il regime forfettario rappresenta ormai dal 2016 l'unica alternativa valida per le persone che vogliono iniziare un'attività senza però doversi sobbarcare le innumerevoli spese che all'inizio potrebbero essere veramente proibitive. Naturalmente non chiunque voglia aprir...
Partita IVA regime dei minimi: guida essenziale alle novità ... La partita IVA regime dei minimi è stata per anni la principale alternativa per chi voleva iniziare un’attività professionale autonoma usufruendo di specifici vantaggi fiscali. Dal 1° gennaio 2016 le cose sono cambiate, in quanto l’unica alternativa per aprire la Partita IVA in maniera agevolata ...
Uscita Regime Minimi: Calcolo Reddito e Guida Può capitare, si spera, che un professionista esca dal regime dei minimi, e debba quindi entrare in una contabilizzazione più complessa a cui verranno applicate aliquote più elevate. Se ci si trova in questo situazione non vi preoccupate, a tutto c'è rimedio, in questa guida vedremo infatti l'uscita...
Ritenuta d’acconto: cos’è e come funziona? Guida Cos’è la ritenuta d’acconto 2017 La ritenuta d'acconto è una particolare trattenuta Irpef o Ires, che viene effettuata sui bonifici e sulle somme che il lavoratore percepisce dai suoi clienti o committenti, soggetti che prendono il nome di sostituti di imposta. Quando si parla di ritenuta d’acco...
Certificato INAIL 2017: Le nuove regole Certificato INAIL Infortunio: Nuove reogole 2017 Sono state introdotte nuove regole sul certificato medico INAIL per malattia ed infortunio. Dalla data del 22 marzo 2016 si attesta che ogni tipo di evento morboso non dovrà più essere dichiarato dal datore di lavoro ma dalla struttura sanitaria che ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.