Piccolo prestito inpdap: Calcolo Rata, Tabelle e Modulo

Pubblica Amministrazione

Piccolo prestito Inpdap: cos’è e come calcolare la rata

Il piccolo prestito Inpdap (ora Gestione Unitaria delle Prestazioni Creditizie e Sociali) è una forma di finanziamento dedicata ai dipendenti pubblici e ai pensionati che abbiano prestato il proprio lavoro nel settore pubblico.

Si tratta di prestiti di piccolo importo e di breve durata, rimborsabili tramite il pagamento di rate costanti mensili che vengono trattenute direttamente nella pensione o nello stipendio del soggetto richiedente.

La richiesta del prestito può essere effettuata senza dover presentare né documenti di spesa né particolari motivazioni.
L’ammontare dell’importo complessivo richiesto a livello nazionale da dipendenti pubblici e pensionati deve rientrare entro i limiti delle disponibilità finanziarie che vengono stabilite ogni anno dall’INPS, che ha inglobato l’INPDAP al suo interno.

Vi è spiegato molto bene anche in questo portale che parla dei prestiti inpdap.

Piccolo prestito INPDAP: i requisiti per richiederlo 2017

I requisiti a cui il richiedente prestito devono ottemperare sono diversi a seconda della categoria in cui rientra lo stesso soggetto:
– il dipendente pubblico in servizio, che lavora presso enti locali o amministrazioni statali deve necessariamente essere iscritto al Fondo creditizio, versando mensilmente il contributo dello 0,35 % trattenuto direttamente in busta paga.

Tuttavia non tutti i dipendenti pubblici possono richiedere il piccolo prestito INPDAP: i soggetti che non lavorano nelle due categorie sopra citate e che non si sono iscritti al Fondo Credito entro 31 maggio 2008 sono infatti esclusi da questa iniziativa.

Il piccolo prestito INPDAP può essere richiesto anche da lavoratori con contratto a tempo determinato con una durata massima pari ai mesi mancanti alla fine del contratto;
Il pensionato che ha lavorato precedentemente nel settore pubblico può richiedere il piccolo prestito INPDAP se, al momento della domanda di pensionamento, ha richiesto anche l’adesione al Fondo Credito entro i termini previsti dalla normativa vigente.
La quota che viene trattenuta mensilmente sulla pensione del richiedente è pari allo 0,15%.

Importi, durata ed interessi piccoli prestiti inps ex inpdap

L’importo che può essere ottenuto con il piccolo prestito INPDAP può essere di diversi importi, che possono essere pari a 1, 2, 3 o al massimo 4 mensilità e rimborsabili in 12 mesi (prestito annuale), 24 mesi (prestito biennale), 36 mesi (prestito triennale) e 48 mesi (prestito quadriennale).

Per il pensionato che richiede il piccolo prestito INPDAP sussiste una trattenuta massima mensile che corrisponde al quinto dell’importo della pensione.

Sul prestito in questione viene applicato un tasso di interesse sicuramente agevolato rispetto a quello standard che viene offerto dal mercato creditizio classico: oltre all’interesse annuo del 4,25% vengono aggiunte anche le spese di amministrazione dello 0,50% e il premio fondo rischi.

Quest’ultimo è rilevabile attraverso le tabelle che si possono trovare sul sito dell’INPS.

Piccolo prestito Inpdap: dove trovare le tabelle ed il prontuario 2017

Le tabelle in cui sono stabilite le rate relative al piccolo prestito INPDAP sono scaricabili all’indirizzo http://www.inpdapprestiti.it/inpdap-prestiti-tabelle-quali-sono-tassi-dinteresse/

Quando si parla di queste tabelle ci si riferisce al cosiddetto prontuario dei prestiti, un insieme di tavole finanziarie che consentono di conoscere i diversi parametri di prestito ottenibili a seconda dell’età, dello stipendio o della pensione del richiedente e della tipologia di prestito che si intende ottenere.
Le tabelle relative al piccolo prestito INPS si riferiscono solo alle erogazioni effettuate direttamente dalla Gestione Unitaria delle Prestazioni Creditizie e Sociali, che ha sostituito l’INPDAP e che finanzia i prestiti tramite l’apposito fondo credito.

Piccolo prestito Inpdap: il modulo

Il modulo per richiedere il piccolo prestito INPDAP si trova sul sito dell’INPS, e tuttavia non è un modello unico e uniforme per tutte le tipologie di soggetti che lo richiedono.
Per ogni categoria di soggetto richiedente c’è infatti un diverso modulo da compilare:

  • per i dipendenti pubblici si tratta di un modulo da scaricare, stampare, compilare e poi recapitare all’INPS tramite l’amministrazione pubblica di provenienza, che provvede all’invio in forma totalmente digitale;
  • per i pensionati invece c’è una modalità di richiesta prestito totalmente telematizzata, da effettuarsi tramite il sito dell’INPS dopo aver inserito i codici di accesso per l’identificazione.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Tassa di successione: Calcolo e novità 2017 per immobili Cos'è la tassa di successione? La tassa di successione è un’imposta prevista nel caso in cui una persona riceva in eredità un patrimonio sia mobiliare che immobiliare, oppure un diritto reale. Essa prevedere l’obbligo di adempire al pagamento di una somma di danaro allo Stato in base alla dichia...
Social card disoccupati: cos’è e quali i requisiti per richi... La social card disoccupati permette a chi si trova in stato di difficoltà economica per mancanza di lavoro di usufruire periodicamente di un importo finalizzato all’acquisto di beni di prima necessità. A livello concreto si tratta di un sostegno economico introdotto con la Legge di Stabilità 2016...
Prestiti inps: Cosa sono e Come Ottenerli Durante i momenti di crisi è del tutto normale che molte persone, proprio a causa delle difficoltà economiche, si ritrovano a dover ricorrere ai finanziamenti. Richiedendo un prestito infatti si può far fronte ad urgenze economiche riguardanti principalmente servizi o beni. Vi sono molti enti dai...
INPS CUD 2017: Come e dove richiedere online il modello Cosa è la certificazione unica dei redditi (CUD) Ogni anno il lavoratore dipendente o il pensionato ricevono il modello CUD, ossia il documento che attesta l'ammontare dei redditi percepiti svolgendo la loro attività da lavoro dipendente o, nel caso dei pensionati, ciò che ricevono dall'ente previd...
Inps Call Center: Informazioni, numero verde e contatti Informazioni Inps Numero Verde: Chi chiamare in caso di necessità Sono svariate le metodologie per poter richiedere informazioni e ogni tipo di delucidazioni all'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Per qualsiasi tipo di chiarimento o di problematica si può contattare gratuitamente il numer...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.