Quattordicesima 2017: a chi spetta e a quanto ammonta. La guida completa

Impresa e Lavoro
social card disoccupati 2017

Riforma pensioni 2017: chi prenderà la quattordicesima da gennaio

La quattordicesima è il diritto per un lavoratore dipendente o un pensionato, di percepire nel corso dell’anno una mensilità in più, oltre alla tredicesima. Si tratta di un diritto che non spetta a tutti i lavoratori, ma solo se previsto dalla contrattazione tra le parti.

In questo articolo vedremo quali sono le novità relative alla quattordicesima introdotte con la Legge di Bilancio 2017, che è stata approvata in via definitiva al Senato in tempi lampo dopo la vittoria del No al referendum Costituzionale del 4 dicembre.

Ma prima di passare alle novità introdotte con la Legge di Bilancio vediamo a chi spetta la quattordicesima mensilità. Di solito hanno diritto alla quattordicesima i lavoratori e i dirigenti del commercio, mentre tra le categorie di lavoratori che non la ricevono troviamo metalmeccanici e dirigenti d’industria.

Per quanto riguarda i pensionati, hanno diritto alla quattordicesima quanti percepiscono uno dei seguenti trattamenti:

  • pensione di vecchiaia
  • pensione di anzianità
  • pensione di invalidità o di inabilità
  • pensione anticipata
  • pensione ai superstiti.

Nuovi requisiti quattordicesima mensilità pensione: ecco chi ha diritto dal 2017

Con la Legge di Bilancio 2017 viene introdotto l’aumento della quattordicesima, una misura che, stando a quanto dichiarato nelle ultime settimane dal ministro Poletti, prevede l’aumento della quattordicesima in misura pari al 30% per i trattamenti minimi, nonché un ampliamento della platea dei beneficiari.

In altre parole, con la riforma pensioni 2017 non viene solamente aumentato l’importo della quattordicesima mensilità in favore dei titolari di prestazioni previdenziali che già la percepiscono, ma cresce anche il numero di pensionati che ne hanno diritto. Questi ultimi però non avranno diritto alla maggiorazione della quattordicesima mensilità.

Nel complesso le novità relative alla quattordicesima che sono contenute nella manovra, interessano all’incirca 3,3 milioni di pensionati. Nello specifico, la quattordicesima mensilità viene concessa anche ai pensionati che hanno redditi pari a fino 2 volte il minimo stabilito per legge, mentre ad oggi la mensilità spetta soltanto a quanti percepiscono redditi pari a fino 1,5 volte l’importo il minimo.

Allo stesso tempo, quanti già percepiscono la quattordicesima otterranno un aumento dell’assegno. Vediamo quindi a chi spetta la quattordicesima a partire dal 2017 e a quanto ammonta l’assegno.

Aumento quattordicesima: a chi spetta e a quanto ammontano i nuovi assegni

In base a quanto stabilito dall’art. 26 della Legge di Bilancio, hanno diritto alla quattordicesima i pensionati con redditi fino a 2 volte il trattamento minimo previsto per legge, mentre attualmente la soglia è fissata a 1,5 volte il minimo.

Ma cosa significa in pratica? Per dirlo in parole povere, da gennaio 2017 la quattordicesima spetterà in misura piena a tutti i pensionati che percepiscono un assegno mensile con importo fino a mille euro. Si passa quindi da una soglia di reddito fissata a 750 euro (attualmente in vigore) a un limite di mille euro.

Passiamo ora al capitolo degli importi. Al momento ai pensionati spetta una quattordicesima mensilità pari a 336 euro, per i lavoratori dipendenti che hanno versato almeno 15 anni di contributi previdenziali e ai lavoratori autonomi che possono vantare almeno 18 anni di contribuzione.

Per i lavoratori dipendenti che hanno versato da 16 a 25 anni di contributi e i lavoratori autonomi che hanno da 19 a 28 anni di versamenti, invece, la quattordicesima è prevista in misura pari a 420 euro.

Troviamo infine i lavoratori dipendenti che hanno versato più di 25 anni di contributi e gli autonomi con più di 28 anni. Due categorie che percepiscono la quattordicesima in misura pari a 504 euro.

A partire da gennaio, per effetto della Legge di Bilancio, i pensionati otterranno un aumento dell’importo della quattordicesima, passando da 336 euro a 437, da 420 a 546 euro e da 504 a 655 euro. Ricordiamo infine che l’aumento della quattordicesima spetta esclusivamente ai pensionati che percepiscono trattamenti previdenziali corrisposti dall’INPS.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

INPS CUD 2017: Come e dove richiedere online il modello Cosa è la certificazione unica dei redditi (CUD) Ogni anno il lavoratore dipendente o il pensionato ricevono il modello CUD, ossia il documento che attesta l'ammontare dei redditi percepiti svolgendo la loro attività da lavoro dipendente o, nel caso dei pensionati, ciò che ricevono dall'ente previd...
Disoccupazione Inps – Naspi: Requisiti 2017 per la domanda Indennità di Disoccupazione Inps - Naspi: Che cos'è? Con il termine Naspi si intende la nuova assicurazione sociale per l'impiego che è entrata in vigore il 1 maggio 2015 e ha sostituito l'indennità di disoccupazione. E' una sorta di sussidio, quindi, che viene data su richiesta a tutti quei lavora...
Come leggere la busta paga: Guida semplice per non sbagliare Come leggere la busta paga in modo corretto? Ecco una semplice guida per capire in cosa consiste tale documento e come consultarlo in modo appropriato. Busta paga: cos'è e a cosa serve Ogni lavoratore dipendente la riceve, ma non tutti la interpretano correttamente. Tale documento contiene tutte l...
Malattia Inps: Orari e regole delle visite fiscali 2017 Quando dovete necessariamente assentarvi dal lavoro per malattia, bisogna avvisare sia il datore di lavoro che l'Inps, che tramite certificato medico da voi presentato, provvederà ad iniziare un periodo di malattia previsto per legge. La malattia del lavoratore però ha delle regole ben precise che q...
Naspi 2017: come fare la domanda? Naspi 2017: l'inquadramento La richiesta di disoccupazione è stata introdotta dal Jobs Act, la riforma del lavoro varata nel 2016. La Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'impiego consiste in una indennità riconosciuta a coloro che hanno perso il posto di lavoro. Per ottenere la Naspi 20...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *