Ritenuta d’acconto per prestazione occasionale: guida

Impresa e Lavoro
ritenuta d'acconto per prestazione occasionale

La ritenuta d’acconto per prestazione occasionale rappresenta una pratica risorsa per pagare attività di natura lavorativa. È un elemento associato, nella maggior parte dei casi, ai giovani che si trovano a ricoprire un piccolo ruolo lavorativo. Quali sono le sue caratteristiche e come funziona? Ecco tutte le risposte di cui hai bisogno.

Ritenuta d’acconto lavoro occasionale: di cosa si tratta

La ritenuta d’acconto per prestazione occasionale è una modalità di pagamento che permette a chi propone il lavoro di pagare il soggetto incaricato, privo di partita Iva, di compiere l’attività.

Le prestazioni occasionali devono rispettare alcuni limiti: non possono superare un determinato numero di giorni lavorativi all’anno, mentre l’importo complessivo annuale da non eccedere è 5mila euro.

Ritenuta d’acconto prestazione occasionale conviene?

Dal punto di vista del committente la prestazione occasionale non è particolarmente conveniente. Dovrà infatti procedere con il pagamento della ritenuta d’acconto mediante F24.
Se invece analizziamo la questione dal punto di vista del collaboratore, c’è un vantaggio significativo. A condizione infatti che la somma di tutti i compensi non superi i 5mila euro annui, non sarà necessario dover sostenere alcun contributo Inps. A fronte di questo vantaggio però va considerata l’assenza di ammortizzatori sociali qualora si verifichi la perdita del lavoro.

In linea di massima quindi la collaborazione occasionale è conveniente a condizione che:

  • si tratti di una collaborazione a breve termine;
  • non vi siano molte altre collaborazioni con il medesimo committente nel breve/medio periodo.

Prestazione occasionale: come funziona

Ritenuta d’acconto per prestazione occasionale: come funziona? La prestazione occasionale consente al committente di pagare il collaboratore che non dispone di partita Iva come fosse un vero professionista. Tutto ciò a condizione che siano rispettati i limiti previsti per questa forma di retribuzione.

Il rapporto lavorativo deve essere infatti di tipo occasionale. Non è quindi una formula che si presta alla definizione di un’attività lavorativa subordinata. Al momento del pagamento della prestazione occasionale, il collaboratore deve fornire al committente la ricevuta della prestazione occasionale con ritenuta d’acconto. A ciò potrebbe sommarsi l’imposta di bollo, qualora la somma riportata nella prestazione occasionale risulti maggiore di 77,47 euro.

Ritenuta d’acconto per prestazione occasionale 2017: gli elementi della ricevuta

Perché la ricevuta relativa alla prestazione occasionale sia valida deve riportare diversi elementi:

  • numero della ricevuta;
  • dati di identificazione del collaboratore;
  • dati di identificazione del committente;
  • descrizione dell’attività fornita;
  • importo lordo;
  • importo della ritenuta d’acconto;
  • importo netto;
  • bollo (qualora la ricevuta abbia un importo maggiore di 77,47 euro).

Dopo che il committente ha ricevuto la prestazione occasionale deve corrispondere la somma netta al collaboratore, versare la ritenuta d’acconto mediante F24 (entro il 16 del mese successivo alla data indicata dalla ricevuta).

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Liquidazione IVA 2017: le sanzioni per chi non presenta il m... Tutti i titolari di partita IVA sono obbligati a versare la liquidazione periodica dell'IVA. Il periodo viene stabilito su base mensile o trimestrale. Vediamo nel dettaglio come funziona la liquidazione Iva. Che cosa è la liquidazione IVA 2017 In caso di ripartizione su tre mesi, abbiamo i peri...
INPS CUD 2017: Come e dove richiedere online il modello Cosa è la certificazione unica dei redditi (CUD) Ogni anno il lavoratore dipendente o il pensionato ricevono il modello CUD, ossia il documento che attesta l'ammontare dei redditi percepiti svolgendo la loro attività da lavoro dipendente o, nel caso dei pensionati, ciò che ricevono dall'ente previd...
Partita IVA regime dei minimi: guida essenziale alle novità ... La partita IVA regime dei minimi è stata per anni la principale alternativa per chi voleva iniziare un’attività professionale autonoma usufruendo di specifici vantaggi fiscali. Dal 1° gennaio 2016 le cose sono cambiate, in quanto l’unica alternativa per aprire la Partita IVA in maniera agevolata ...
Fattura Elettronica: Novità per il 2017 Ogni persona si chiede come si fa a chiedere una fattura elettronica e come fare per compilarla. Qui di seguito vi spiegherò passo per passo come funziona e tutte le novità in arrivo per il 2017. Cos'è e come funziona la fattura elettronica La fattura elettronica non è altro che una semplice fattu...
Orari visita fiscale malattia per dipendenti pubblici e priv... Norme e orari visita fiscale malattia per dipendenti pubblici e privati Nel 2017 con la Riforma Madia sono stati apportati dei cambiamenti molto importanti per quanto riguarda il regolamento sul pubblico impiego, anche se attualmente tali cambiamenti non sono ancora stati realizzati. Perciò, anc...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.