Social Card SIA 2017: Tutto su questa nuova carta

Diritto

La social card SIA 2017 è il nuovo strumento che il Governo Renzi ha introdotto per combattere la povertà. Ma che cos’è e come funziona? Come si fa ad ottenerla e chi ne ha diritto? Ecco una piccola guida per conoscere questa importante novità.

Che cos’è la Social Card SIA?

La social card SIA 2017 partirà ufficialmente il 2 settembre 2016 e rientra fra gli strumenti che il Governo Renzi ha messo in campo per combattere la povertà che, secondo dati Istat, aumenta in maniera esponenziale nel nostro Paese.

La sigla SIA sta per sostegno inclusione attiva ed è questa, forse, la più grande novità di questa card rispetto a precedenti tentativi del genere in quanto non si tratta solo di un aiuto economico alle famiglie meno abbienti ma di un vero e proprio progetto sociale che vede coinvolti i destinatari di questa iniziativa e che prevede anche un accompagnamento al lavoro, tramite azioni di orientamento e di inclusione sociale, per permettere ai soggetti che si trovano in difficoltà di uscire da questa condizione ed entrare a far parte pienamente della società e del mercato del lavoro.

La social card SIA può valere dagli 80 ai 400 euro, in rapporto al numero dei componenti del nucleo familiare: l’importo corrispondente viene accreditato sulla card bimestralmente e può essere utilizzato per fare acquisti nei negozi convenzionati e per pagare bollette presso uno degli sportelli delle Poste Italiane.

Nuova Social Card SIA: I requisiti 2017 per richiederla

I requisiti per ottenere la social card SIA 2017 sono molto selettivi. Innanzitutto, il soggetto che ne fa richiesta deve essere disponibile a sottoscrivere un contratto che prevede la sua partecipazione ad un percorso personalizzato non solo di inclusione sociale ma anche lavorativa, svolto con personale qualificato.

Inoltre, possono presentare domanda solo le persone che presentano le seguenti caratteristiche:

  • essere cittadini italiani, comunitari o con permesso di soggiorno in regola e residenti nel nostro Paese da almeno 2 anni;
  • ISEE inferiore ai 3mila euro;
  • non si devono percepire aiuti sociali superiori ai 600 euro mensili;
  • non si deve percepire Naspi, Asdi o altre forme di sostegno al reddito;
  • in famiglia deve essere presente almeno un minore oppure un disabile o una donna in stato di gravidanza;
  • nessun membro del nucleo familiare deve essere intestatario di un autoveicolo immatricolato nei 12 mesi precedenti.

Ad ogni caratteristica viene affidato un punteggio. La somma di tutti i punteggi deve arrivare almeno a 45 per poter accedere alla social card. La precedenza, però viene data a famiglie con minori al di sotto dei 3 anni.

Come e quando si può richiedere la social card?

La domanda di richiesta della social card SIA 2017 può essere inoltrata a partire dal 2 settembre 2016 presso gli sportelli dedicati del proprio Comune di residenza. La domanda va redatta su apposito modulo che può essere scaricato anche dal sito dell’Inps.

Una volta raccolta tutta la documentazione, il Comune inoltra l’intera pratica all’ufficio dell’Inps che si occupa della valutazione dell’effettivo stato di bisogno nel quale verte la famiglia del richiedente, attraverso il codice fiscale. Queste verifiche devono essere effettuate entro 10 giorni dall’invio della domanda da parte del Comune.

Se l’esito della richiesta è positivo, allora l’Inps dà mandato alle Poste Italiane di accreditare l’importo spettante sulla relativa card nel successivo bimestre.

Importo della Social Card SIA 2017

L’importo della social card SIA 2017, come si è detto, è variabile ed è sostanzialmente legato al numero di componenti del nucleo familiare. Una famiglia composta da un solo membro ha diritto a 80 euro al mese; con due membri l’importo è di 160 euro; con tre di 240; con quattro di 320 mentre dai cinque componenti in poi l’importo è sempre di 400 euro.

La card, inoltre, dà diritto ad uno sconto pari al 5% negli acquisti effettuati presso i negozi convenzionati. Non è possibile prelevare il denaro in contanti nè provvedere all’eventuale ricarica della carta elettronica. La social card SIA 2017 deve essere ritirata direttamente presso gli sportelli autorizzati di Poste Italiane ed è rilasciata esclusivamente all’intestatario della domanda che riceverà anche il relativo pin per utilizzarla.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Verifica contributi INPS versati 2017: la guida Oggi per verificare i propri contribuiti Inps non occorre più perdere intere giornate alla sede distaccate dell'Ente di Previdenza Sociale, oppure, cosa anch'essa non idilliaca, farsi fare i conteggi presso un caf, un patronato o uno studio tributario, in quanto grazie ai nuovi servizi per il cittad...
Tassa di successione Immobili e Casa: cambio costi per il 20... Tassa di successione su immobili e casa Quando si riceve in eredità un patrimonio immobiliare e mobiliare bisogna pagare un'imposta che prevede l’obbligo assoluto del pagamento di una cifra di denaro allo Stato. La somma viene calcolata in base alla dichiarazione di successione che deve essere p...
Maternità Anticipata: Modulo per parto prematuro 2017 Congedo Parentale 2017: Cos'è e Durata Per congedo di maternità si intende il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro della lavoratrice, così come stabilito dal T.U. maternità/paternità del 2001. Tale congedo va computato nell'anzianità di servizio a tutti gli effetti, compresi quelli relativ...
Orari visita fiscale 2017: attenzione alle novità Il lavoratore, in caso sia malato e quindi impossibilitato a lavorare ha il diritto di richiedere un certo numero di giorni di permesso. Naturalmente il datore di lavoro, per verificare la reale presenza di una malattia o difficoltà che non permette al lavoratore di entrare nel luogo di lavoro e ...
Parto prematuro: sospensione e conservazione del congedo di ... Il congedo di maternità delle lavoratrici dipendenti e iscritte alla Gestione separata, in caso di parti prematuri (prima dei due mesi antecedenti alla data presunta del parto) si calcola aggiungendo ai tre mesi post partum tutti i giorni compresi tra la data del parto e quella presunta. Si superano...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *