Quali sono le Spese universitarie detraibili 2017?

Tasse e Fisco

Spese universitarie detraibili 2017: guida completa

Con il decreto Miur n. 993/2016, il Ministero dell’istruzione ha fissato le spese universitarie detraibili 2017 sia per gli istituti pubblici sia privati. I contribuenti devono quindi tener presente le novità in materia se vogliono scaricare le spese dalla dichiarazione dei redditi 2017 anno 2016.

I nuovi importi si riferiscono alla spesa massima detraibile per tasse e contributi di iscrizione pagate dalle famiglie nel corso del 2016, per la frequenza di corsi di laurea, laurea magistrale e laurea magistrale a ciclo unico delle Università non statali.

Spese universitarie detraibili 2017: quali sono?

La prima scadenza della dichiarazione dei redditi si avvicina e,di conseguenza, aumentano le ricerche rispetto alle spese detraibili e gli oneri deducibili dalla dichiarazione dei redditi tramite modello 730 e modello Unico.

La legge italiana consente ai contribuenti di poter detrarre dalla dichiarazione dei redditi le spese sostenute nel corso dell’anno precedente, per frequentare l’Università pubblica e privata.

Le spese universitarie 2017 detraibili al 19 % sono:

  • Spese per la frequenza di corsi di istruzione universitaria presso università statali e private;
  • Tasse universitarie per triennale, master e specialistica;
  • Ricongiunzione di carriera;
  • Iscrizione all’appello di laurea e rilascio della pergamena;
  • Frequenza a corsi singoli, finalizzati o meno all’ammissione a un corso di laurea magistrale;
  • Trasferimenti di ateneo;
  • Passaggi di corso.

Inoltre rientrano tra le spese universitarie detraibili anche:

  • Spese per la frequenza all’estero di corsi universitari;
  • Spese per la frequenza di corsi di laurea in teologia presso le università Pontificie;
  • Spese per i corsi di laurea svolti dalle università telematiche.

La detrazione spese universitarie, non spetta invece per le seguenti spese:

  • l’acquisto di testi scolastici, materiale di cancelleria;
  • viaggi ferro­viari;
  • vitto e alloggio.

Detrazione spese universitarie 19%

Dal 2015, per effetto delle modifiche apportate dalla L. 107/2015 all’articolo 15 lettera e) del Tuir, è riconosciuta la detraibilità delle spese universitarie al 19% per la frequenza di corsi di istruzione universitaria. La successiva legge di stabilità, in particolare con il comma 954, è stata modificata di nuovo la lettera e) dell’articolo 15 del Tuir.

La detrazione delle spese universitarie 2017 spetta quindi sia che lo studenti frequenti:

  • università statale: le spese sono detraibili, per l’intero importo corrisposto, nella misura del 19%;
  • università privata o straniera: le spese sono detraibili al 19% nella misura massima stabilita ogni anno dal MIUR, sulla base della media degli importi delle tasse e contributi dovuti per l’iscrizione e la frequenza delle università statali.

Spese universitarie detraibili 2017: importo massimo

Per la detrazione spese universitarie 2017 per le università private e straniere, il Miur con il D.M. 993/2016 ha previsto che l’importo massimo di spesa detraibile relativa alle tasse e ai contributi di iscrizione per la frequenza ai corsi di laurea, laurea magistrale e laurea magistrale a ciclo unico delle università non statali ammonta a:

  • Università privata straniera indirizzo Medico: € 3.700 Nord; € 2.900 Centro; € 1.800 Sud;
  • Università privata straniera indirizzo Sanitario: € 2.600 nord; € 2.200 centro; € 1.600 Sud;
  • Università privata straniera indirizzo Scientifico-Tecnologico: € 3.500 nord; € 2.400 centro;  € 1.600 Sud;
  • Università privata straniera indirizzo Umanistico-sociale: € 2.800 nord; € 2.300 centro; € 1.500 Sud.

Come dichiarare le spese universitarie detraibili nel 730/2017?

I soggetti, diversi dalle università, che erogano rimborsi relativi alle spese universitarie, devono trasmettere ogni anno entro il 28 febbraio, una comunicazione per via telematica all’agenzia delle entrate, che attesti i dati dei rimborsi erogati nell’anno precedente a ogni studente.

Tuttavia, l’Università, anche se non gestisce direttamente i rimborsi, deve comunicare la tassa regionale per la frequenza di corsi universitari, versata alla stessa università dallo studente nell’anno 2016.

I contribuenti troveranno la spesa universitaria nel 730 precompilato 2017 insieme ad altri dati comunicati dalle Università ossia contributi, tassa d’iscrizione, tassa regionale pagate per l’immatricolazione e iscrizione a:

  • corsi di istruzione universitaria;
  • corsi universitari di specializzazione;
  • corsi di perfezionamento;
  • master;
  • corsi di dottorato.

Come detrarre le spese universitarie?

Per fruire della detrazione delle spese universitarie tramite modello 730/2017 ordinario i contribuenti devono compilare il quadro E sezione I e indicare l’importo sostenuto.

Nel caso in cui il documento di spesa sia intestato al figlio a carico, la detrazione può essere divisa al 50% tra i genitori, mentre se il documento di spesa è intestato ad uno dei genitori, la detrazione spetta al genitore intestatario.

Tra i documenti utili per fruire della detrazione fiscale ai fini Irpef del 19% vi sono:

  • Copia di bonifici bancari;
  • Copia di bollettini postali;
  • Copia dei MAV di pagamento.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Modulo Esenzione Canone Rai: Istruzioni per invio in ritardo Novità 2016-2017: Addebito del canone TV in bolletta Dall'anno corrente 2016 il canone Rai non è più pagato tramite bollettino postale o altre forme di pagamento tradizionali, ma viene direttamente addebitato nella bolletta della corrente elettrica intestata ai possessori di apparecchi televisivi...
Iscrizione VIES: come effettuarla e che vantaggi offre L’iscrizione VIES è un’operazione che può essere effettuata dai soggetti titolari di Partita IVA e intenzionati a effettuare operazioni intracomunitarie. Un’ulteriore alternativa per agire in merito prevede la specificazione, in sede di apertura dell’attività, dell’intenzione di effettuare le sud...
La Dichiarazione d’Intento per l’anno 2017 Cos'è la Dichiarazione d'Intento? La dichiarazione di intento è il documento con il quale l'esportatore abituale attesta, sotto la propria responsabilità, di avere i requisiti di legge per essere definito tale e manifesta al proprio fornitore la volontà di acquistare beni e servizi senza il pagamen...
Scadenze fiscali aprile 2017: le date importanti Scadenze fiscali aprile 2017: contribuenti e imprenditori Aprile è un mese denso di scadenze fiscali importanti sia per i contribuenti privati che per le piccole-medie imprese e per gli imprenditori. Al tempo stesso bisogna ricordare che la maggior parte degli appuntamenti riguarda le aziende e i l...
Web Tax 2019: cos’è, come funziona e novità imposta 3% La Web tax, in arrivo con la Legge di Bilancio 2018, è la tassa che complisce i grandi colossi del web (dall’e-commerce alla pubblicità online) come Google o Facebook. L’aliquota della web tax sarà del 3% (in precedenza si pensava fosse il 6%) e si applicherà completamente alle attività demateria...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *