Split Payment: le novità dal 1° luglio 2017 per la scissione pagamenti

Tasse e Fisco
dichiarazione dei redditi

Lo Split Payment o scissione dei pagamenti è una forma di liquidazione IVA, inclusa nella Legge di Stabilità 2015 per ridurre l’evasione fiscale.

Prevede che nei rapporti tra aziende o professionisti e la Pubblica Amministrazione sia quest’ultima a contribuire l’imposta relativa alla transazione. Si discosta quindi dalla norma generale per cui l’IVA è addebitata in fattura al cliente e poi versata alle casse dell’erario dal fornitore.

 

Split Payment e le tre figure aziendali

Lo Split Payment, secondo le ultime novità previste dal Governo, avranno come soggetto ben tre figure aziendali che operano sul suolo italiano, quali:

  • le società controllate dallo Stato, sia in via diretta che indiretta;
  • le società che verranno controllate dagli enti regionali, nello stesso metodo diretto o indiretto;
  • le diverse società che sono quotate nella borsa italiana.

Tutte le altre imprese che non rientrano in una di queste categorie non dovranno quindi sfruttare lo Split Payment e sottostare alle modifiche che riguardano il sistema.

Che fatture verranno prese in considerazione dallo split payment

Lo Split Payment dovrà essere utilizzato, stando a quanto stabilito dalle ultime normative che entreranno in vigore a partire dal mese di luglio 2017, alle varie fatture che:

  • verranno emesse dopo il 1° luglio da parte delle aziende prima indicate;
  • sono state realizzate prima del 1° luglio verso imprese che, dopo tale data, adotteranno lo split Payment;
  • sono state effettuate da aziende che, già dal 1° luglio, hanno deciso di sfruttare il metodo.

Cosa riguarda lo Split Payment?

Lo split payment prenderà in considerazione cinque tipologie di merci, ossia:

  • beni di primo consumo;
  • beni destinati ad altre fasi produttive;
  • servizi dedicati al singolo professionista;
  • servizi dedicati ad aziende;
  • servizi dedicati ai cittadini.

Altri dettagli sullo split paymet

Le diverse normative sono entrate in vigore a partire dal 1° luglio ma occorre sottolineare come il Governo potrebbe effettuare delle nuove modifiche successive a quelle appena approvate.

Di conseguenza le aziende interessate dovranno prestare parecchia attenzione in modo tale da poter essere sempre in regola e sfruttare questo particolare metodo introdotto da parte del Governo italiano e rivisto diverse volte.

Mediante la Gazzetta Ufficiale sarà possibile rimanere costantemente aggiornati per quanto riguarda le ultime novità che hanno proprio come oggetto lo split payment.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Regime di cassa 2017 imprese contabilità semplificata: requi... Guida al regime di cassa 2017 per le imprese in contabilità semplificata Tra le novità introdotte con la Legge di Bilancio 2017 troviamo il Regime di cassa 2017. Una misura che interessa le imprese minori e che prevede l’introduzione di una contabilità per cassa per tutte quelle imprese che risulta...
Calcolo IRI 2017 sul Reddito Patrimoniale Che cos'è l'IRI? Con la Legge di Stabilità 2017 potrebbe entrare in vigore la nuova Imposta sul Redditto Imprenditoriale (IRI), un prelievo che potrebbe colpire tutti i redditi di impresa, a prescindere dalla forma sociale della stessa, e i redditi da lavoro autonomo. L'IRI era già stata prevista n...
Spesometro 2017 Agenzia delle Entrate: Istruzioni, scadenza ... Cos'è lo Spesometro? Lo spesometro è uno strumento entrato in vigore per normativa espressa da parte dell'Agenzia delle Entrate con decreto fiscale numero 16 del 2012. Serve per comunicare le operazioni più rilevanti ai fini dell'Iva, in modo che possa essere facilmente verificabile da parte degli ...
Regime dei minimi 2017: nuovi requisiti e coefficienti di re... Regime minimi 2017: i requisiti per l’accesso al nuovo regime forfettario Il regime dei minimi cambia aspetto e diventa così accessibile a tutti quei contribuenti che prima erano esclusi a causa dei limiti anagrafici o per i ricavi troppo alti. Ma vediamo nel dettaglio cosa cambia per le partite Iv...
Marche da Bollo: A cosa servono e dove comprarle Marca da Bollo: A che cosa serve? La marca da bollo, materialmente parlando, permette di pagare le imposte di bollo su fatture e determinati documenti di spesa identificati dalla legge. Si tratta di un metodo di convalida di pubblici documenti e di pagamento di imposta che è in vigore sin dal lonta...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *