Super ammortamento 250 2017: novità e istruzioni per l’accesso all’iperammortamento

Impresa e Lavoro

Cos’è l’iper ammortamento al 250%?

Il super ammortamento 250 %, noto anche come iper ammortamento, è una misura fiscale che permette alle imprese di beneficiare di un ammortamento per l’acquisto di nuovi beni strumentali che risulta maggiorato al 250%. Opportunità che però è accessibile solo per i beni che rientrano tra quelli agevolabili in base a quanto stabilito dal piano Industria 4.0.

Il super ammortamento 250 è entrato in vigore da gennaio 2017, e permette di maggiorare il prezzo di acquisto di nuovi beni strumentali nella misura del 150% all’interno del progetto che prende il nome di Industria 4.0. In questo modo le imprese possono beneficiare di un ammortamento del 250% del costo di produzione o di acquisto del bene acquistato.

Ma il super ammortamento 250% non è l’unico vantaggio introdotto dalla Legge di Bilancio 2017. I beneficiari dell’iper ammortamento infatti possono beneficiare anche di un’ulteriore maggiorazione pari al 40% del costo di alcuni beni immateriali che risultano funzionali all’Industria 4.0. Tra questi troviamo ad esempio i software, le applicazioni e le piattaforme.

Iper ammortamento e super ammortamento 140 per cento: i documenti da presentare

Per poter accedere al super ammortamento 250% nonché all’ulteriore maggiorazione del 40% relativa ai beni immateriali, l’impresa deve presentare una dichiarazione del legale rappresentate dell’impresa in merito circa gli acquisti ammessi all’iper ammortamento 250%.

Nel caso l’impresa acquisti beni per un costo unitario superiore a 500 mila euro, è richiesta anche una perizia tecnica giurata che certifichi che ogni bene possiede caratteristiche tecniche tali da farlo rientrare nell’elenco dei beni agevolabili dal super ammortamento 250, e che sia interconnesso al sistema aziendale. Tale perizia deve essere redatta da un perito industriale, un ingegnere o da un ente accreditato.

Beni ammessi per l’iper ammortamento e il super ammortamento 140%

Di recente l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che la data di entrata in vigore dell’iper ammortamento è fissata al 1° gennaio 2017. Sono dunque agevolabili gli acquisiti effettuati a partire da gennaio 2017 e fino al 30 giugno 2018.

L’Agenzia ha inoltre spiegato che possono fruire del super ammortamento 250 e l’ulteriore maggiorazione del 40% solo le imprese. Non hanno invece accesso ai benefici i professionisti.

È necessario precisare inoltre che un bene può essere considerato interconnesso al sistema aziendale solo se lo scambio di informazioni con i sistemi interni o esterni all’azienda avviene tramite un collegamento basato su determinate specifiche. Collegamento che deve inoltre essere identificato in modo univoco.

Come accedere al super ammortamento 250 per cento 2017

Ricordiamo che l’iper ammortamento è un’agevolazione di cui tutti i soggetti titolari d’impresa (incluse le imprese individuali che sono assoggettate alla nuova IRI 2017) possono beneficiare per gli investimenti in beni strumentali che vengono presi in leasing o comprati all’interno del piano d’Industria 4.0.

Per poter goder del beneficio, inoltre, le imprese devono avere sede in Italia o con organizzazione stabile nel nostro Paese, indipendentemente dalla forma giuridica, dimensioni o settore.

Ma come si accede al super ammortamento 250% 2017? L’accesso avviene automaticamente in sede di compilazione del bilancio. Hanno diritto a fruire dell’iper ammortamento le imprese che provvedono all’ordine del bene e al pagamento di almeno il 20% del suo prezzo entro il 31 dicembre 2017. La consegna del bene inoltre deve avvenire entro il 30 giugno 2018.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Partite IVA comunitarie: i servizi del sito dell’Agenzia del... I titolari di Partite IVA comunitarie hanno la possibilità di usufruire di diversi servizi web messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. Controllo Partita IVA comunitaria: ecco come effettuarlo Gli operatori commerciali titolari di partite IVA comunitarie hanno modo, nei casi in cui operano...
Rimborsi IVA 2017: la soglia del credito IVA aumenta a 30 mi... Rimborso IVA: cosa cambia con l’entrata in vigore del decreto 193/2016 Con l’entrata in vigore del Dl 193/2016 verranno introdotte alcune importanti novità in merito ai rimborsi IVA per l’anno 2017. Dal prossimo anno verrà infatti aumentata la soglia limite entro la quale può essere erogato il rimb...
Partita IVA regime dei minimi: guida essenziale alle novità ... La partita IVA regime dei minimi è stata per anni la principale alternativa per chi voleva iniziare un’attività professionale autonoma usufruendo di specifici vantaggi fiscali. Dal 1° gennaio 2016 le cose sono cambiate, in quanto l’unica alternativa per aprire la Partita IVA in maniera agevolata ...
Detrazioni fiscali partita Iva: come scaricare i costi dell’... Detrazioni fiscali partiva Iva: cosa c’è da sapere? Per i professionisti titolari di Partita IVA l’acquisto di un’auto può rappresentare un’alternativa per usufruire di alcuni vantaggi fiscali. La normativa al proposito è a dir poco complessa, e negli ultimi anni è stata soggetta a cambiamenti impo...
Scontrino Digitale 2017: Cos’è, come funziona e cosa cambia ... Lo scontrino Digitale è una delle tante novità inerenti gli adempimenti fiscali da parte di artigiani e commercianti per il 2017. Scontrino Digitale 2017: Che cos'è? Lo Scontrino Digitale, o elettronico, è la nuova versione del vecchio scontrino cartaceo rilasciato da artigiani e commercianti a fr...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.