Superbonus 100% linee guida: quali interventi eseguire e come usufruire delle detrazioni

Superbonus 110

Quest’anno, grazie all’entrata in vigore del Decreto di Legge n. 34/2020, comunemente definito “Decreto Rilancio”, sono stati introdotte nuove e importanti detrazioni fiscali per agevolare l’attuazione di investimenti. Le tipologie di investimento che verranno finanziate sono quelle che hanno come finalità il sostegno di interventi finalizzati all’efficienza del rendimento energetico di edifici esistenti e alla riduzione dei rischi sismici. Rispettivamente questi finanziamenti vengono nominati come “Ecobonus” e “Sisma Bonus”. In questo articolo ci occupiamo di analizzare le caratteristiche del decreto e daremo delle linee guida fondamentali sull’utilizzo del sul superbonus 110%, che servirà alla ripartenza dell’Italia.

Quali interventi rientrano nel bonus 110%?

I principali interventi che verranno finanziati con il superbonus 110% saranno quelli di carattere energetico e nel Decreto Legge se ne possono individuare tre categorie specifiche.

I primi interventi che rientrano in questa categoria sono quelli relativi all’isolamento termico che interessano l’involucro dell’edificio.
Per questo intervento, si fa spesso l’esempio del cappotto termico , che però deve interessare una superficie disperdente lorda superiore al 25% del totale. Questa detrazione viene calcolata su una spesa non superiore ai 60.000 euro, moltiplicata per il numero di unità che compongono l’intero edificio.

Altro tipo di intervento che può essere finanziato è la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale che interessa la parte comune dei condomini. Questi devono essere impianti centralizzati utilizzati non solo per il riscaldamento, ma anche per raffrescamento o riscaldamento dell’acqua sanitaria. L’importo massimo che viene erogato è di 30.000 euro, moltiplicato per le unità immobiliare che compongono l’intero edificio.

Il terzo intervento si riferisce invece a interventi sugli edifici unifamiliari, sempre per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernali, di raffrescamento o riscaldamento dell’acqua. Non sono comprese le caldaie a condensazione, l’impianto deve essere infatti con pompa di calore, ibrido o con sistema geotermico. L’ammontare totale erogato è di 30.000 euro.

Altri interventi energetici compresi

Nel superbonus 110% rientrano, se abbinati a uno dei tre interventi citati precedentemente, anche tutti gli interventi compresi nell’Ecobonus come: sostituzione degli infissi, solare termico, biomasse.

Anche gli interventi agli impianti fotovoltaici rientrano, se accoppiati ai tre interventi precedenti oppure al Bonus Sisma, nella detrazione offerta dal superbonus. La spesa massima che viene erogata è di 2.400 euro per ogni kilowatt di potenza, sino ad un ammontare totale di 48.000 euro. Se effettuati singolarmente questi interventi rispondono a una detrazione del 50% come previsto secondo l’Ecobonus.

Come funziona il Sisma Bonus

Tra le spese che rientrano nel superbonus 110% , come abbiamo accennato, rientrano anche quelle che implicano interventi di sicurezza statica, finalizzati alla riduzione del rischio sismico. Gli edifici su cui deve essere effettuato l’intervento si devono trovare nelle zone sismiche 1-2-3.

Quali sono gli immobili che rientrano nell’ecobonus 110%?

Spesso si fa confusione sulle tipologie di immobili che rientrano negli interventi che possono beneficiare della detrazione fiscale. Per quanto riguarda il bonus relativo agli interventi di tipo energetico, gli immobili che rientrano nel superbonus 110% sono quelli definibili come prima casa, ovvero l’abitazione principale.

Quando invece ci si riferisce ad interventi su edifici condominiali, vengono compresi anche gli immobili definiti comunemente seconda casa. Mentre il Sisma Bonus viene erogato al 110% sia per le prime case sia per le seconde case indifferentemente, purché gli immobili si trovino all’interno delle zone sismiche elencate in precedenza.

Chi può beneficiare del superbonus 110%?

Vediamo insieme chi può usufruire di questa detrazione prevista dal Decreto Legge per il rilancio. Le disposizioni che abbiamo elencato si applicano alle seguenti categorie:

  • condomini
  • persone fisiche
  • Istituiti Autonomi Case Popolari o enti correlati
  • cooperative di abitazione di proprietà indivisa

Va ricordato che i lavori che devono essere svolti su edifici unifamiliari rientreranno nella detrazione fiscale solo se adibiti ad abitazione principale, mentre le seconde case rientreranno solo se fanno parte di un complesso condominiale.

La cessione del credito e lo sconto nella fattura

Grazie all’emanazione di questo Decreto Legge viene potenziata la cessione del credito e viene introdotto lo sconto diretto in fattura, per tutte le tipologie di intervento che devono essere effettuate. Questo consente anche ai privati incapienti, ovvero tutte quelle persone che hanno un’imposta annua inferiore all’ammontare delle detrazioni, di usufruire dei superbonus 110%.

Attenzione particolare ai documenti necessari per accedere al superbonus 110%

Per poter accedere a queste tipologie di superbonus, gli interventi da effettuare devono rispondere ai dei requisiti minimi a livello energetico e sismico, per questo motivo devono essere redatti due Attestati di Prestazione Energetica, nelle fasi principali.
L’intervento di un tecnico sarà fondamentale per valutare le condizioni degli edifici e per avere una documentazione completa che possa rispondere alle specifiche caratteristiche richieste dalla legge in tale materia.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Ecco cosa cambia per il Superbonus 110% seconde case Il Superbonus 110%, la maxi detrazione fiscale che consente tutt'oggi di effettuare lavori di ristrutturazione e miglioramento alla propria abitazione, sta per subire grossi cambiamenti. Il Superbonus sta per essere esteso anche alle seconde case, ai centri di formazione sportiva e persino ad alberg...
Cos’è e come funziona il Superbonus 110%: indicazioni e cons... Al fine di rilanciare la bellezza architettonica e paesaggistica del nostro Paese, lo Stato sta scendendo in campo con tutti gli strumenti a sua disposizione, dando aiuti economici a milioni di famiglie e associazioni italiani. Tra le maxi detrazioni fiscali uscite con il nuovo decreto rilancio, la ...
Cos’è Ecobonus infissi 2020 e come richiederlo: guida sempli... Hai intenzione di sostituire gli infissi della tua casa e sei venuto a sapere dei bonus che ha stanziato il governo? In questa guida vi parleremo nel dettaglio in cosa consistono e come richiederli. Le ultime notizie sul bonus 110% Con l'ultimo decreto Rilancio, approvato dalla Camera, sono state ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *