Uscita Regime Minimi: Calcolo Reddito e Guida

Impresa e Lavoro
partita iva 2017

Può capitare, si spera, che un professionista esca dal regime dei minimi, e debba quindi entrare in una contabilizzazione più complessa a cui verranno applicate aliquote più elevate. Se ci si trova in questo situazione non vi preoccupate, a tutto c’è rimedio, in questa guida vedremo infatti l’uscita dal regime dei minimi, il calcolo del reddito e come avviene l’iter di passaggio ad altra forma professionale Iva.

Uscita dal Regime dei Minimi: Calcolo del reddito

Per uscire dal regime dei minimi occorre venire meno ad almeno 1 dei due requisiti fondamentali per entrarvi:

  • Limite dei ricavi;
  • Limite degli investimenti.

La giurisprudenza spiega comunque che si esce dal regime dei minimi l’anno successivo in cui viene a mancare uno dei due requisiti sopra elencati, a meno che non si superi di più del 50% l’importo minimo delle spese di investimento o dei compensi.

Il regime dei minimi prevede infatti un fatturato entro i 30000 euro, se si fatturano 40000 euro l’anno seguente si uscirà dal regime fiscale agevolato, ma se si dovessero avere ricavi pari o superiori ai 45000 euro, cioè più del 50% del limite del regime dei minimi, l’uscita è immediata ed è da considerare dall’anno in corso.

Guida all’uscita dal regime dei minimi

Se si esce dal regime dei minimi si dovrà tener conto di tutto ciò che deve fatturare una Partita Iva normale, a iniziare dalla famigerata Iva, che deve essere versata a scadenza trimestrale, passando al versamento dell’Irpef e dell’Irap (se dovuta).

Queste due imposte sono imposte sul reddito crescente, l’aliquota sale quindi a seconda degli scaglioni previsti dalla legislazione in materia dei versamenti Irpef-Irap. Se l’anno seguente si rientra nei fatturati del regime dei minimi, si tornerà alle agevolazioni fiscali precedenti, come se nulla fosse accaduto.

I casi di scadenza naturale del regime dei minimi

Il regime dei minimi è un’agevolazione concessa dallo stato per le attività appena create e per i giovani, si esce quindi quando si superano i 35 anni di età o dopo i 5 anni in cui si è potuto usufruire di tale sistema fiscale agevolato. Lo Stato punta infatti a premiare i giovani volenterosi di aprire una nuova attività, concedendo le condizioni agevolate per almeno 5 anni, tempo stimato utile per far crescere l’attività e renderla in grado di affrontare le imprese fiscali che sussisteranno dopo il quinto anno.

In quel caso l’attività esce dai minimi anche se continua ad avere un fatturato entro i 30000 euro, questo perché l’agevolazione concessa era a tempo e non permanente. Qualora il professionista valuti non possibile sostenere i costi Iva e Irpef normali per i professionisti, può valutare di chiudere l’attività intrapresa senza correre il rischio di indebitarsi con la miriade di pagamenti che purtroppo in Italia ricadono non solo sulle grandi imprese ma anche sulle piccole attività che spessissimo non riescono a emergere e vengono affossate dal triplete formato da Irpef, Iva e Inps, tre veri colossi in grado di abbattere le microimprese.

Fuoriuscita dal Regime dei Minimi: Perché usufruirne?

Per i giovani laureati in discipline professionistiche, come architettura, giurisprudenza, ingegneria, economia ecc, o i giovanissimi diplomati che puntato a lavorare in proprio come geometra, amministratore di condominio, idraulico, elettricista ecc., il regime dei minimi rappresenta una vera e propria manna dal cielo a cui affluire per avere l’opportunità di lanciarsi nel mercato delle attività professionali senza dover incorrere al pagamento di ingenti somme di gestione, fisco e Iva.

Grazie a questa iniziativa governativa diversi giovani hanno al possibilità di entrare subito nel mondo del lavoro creando impresa e quindi facendo circolare denaro, cosa essenziale per un rilancio economico anche a livello nazionale. Inoltre, specialmente per i diplomati professionalizzati, c’è la possibilità di rimanere nel regime dei minimi fino a 35 anni. Facendo un esempio pratico, chi entra a 20 anni nel regime dei minimi può rimanervi fino a 35, con un risparmio fiscale che perdura per ben 15, sempre se l’attività non superi i famosi 30000 euro di fatturato.

In questa maniera il giovane che vuole aprire la partita Iva ha la reale opportunità di farlo a regimi che non possono far altro che favorire lo start up societario.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Bonus ricerca e sviluppo 2017 imprese: cos’è, chi può richie... Bonus ricerca e sviluppo 2017 imprese: cos’è e chi può richiederlo Il bonus ricerca e sviluppo 2017 imprese è un’agevolazione fiscale che spetta alle imprese e alle società (di ogni forma giuridica), che investono in attività di ricerca e di sviluppo. L’agevolazione è stata introdotta con il decret...
Scontrino Digitale 2017: Cos’è, come funziona e cosa cambia ... Lo scontrino Digitale è una delle tante novità inerenti gli adempimenti fiscali da parte di artigiani e commercianti per il 2017. Scontrino Digitale 2017: Che cos'è? Lo Scontrino Digitale, o elettronico, è la nuova versione del vecchio scontrino cartaceo rilasciato da artigiani e commercianti a fr...
Bollatura registri Iva: come effettuarla? Quali i dati da in... Registri Iva obbligatori: quali sono e come riempirli Come fare la bollatura registri Iva? Una domanda che si pongono i tanti italiani che si trovano ad aprire un impresa per la prima volta. In questo articolo andremo a vedere quali son gli obblighi previsti per legge in merito alla tenuta dei regi...
Bonus agricoltori 2017: cos’è e come ottenerlo. Requis... Bonus agricoltura per giovani: la nuova misura introdotta con la Legge di Bilancio 2017 Il bonus agricoltori 2017 è un beneficio introdotto con la Legge di Bilancio 2017. Si tratta di un’agevolazione dedicata ai giovani IAP (imprenditori agricoli professionali) e coltivatori diretti. La misura spet...
Certificato INAIL 2017: Le nuove regole Certificato INAIL Infortunio: Nuove reogole 2017 Sono state introdotte nuove regole sul certificato medico INAIL per malattia ed infortunio. Dalla data del 22 marzo 2016 si attesta che ogni tipo di evento morboso non dovrà più essere dichiarato dal datore di lavoro ma dalla struttura sanitaria che ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.