Voucher Internazionalizzazione 2017: Requisiti e domanda online

Impresa e Lavoro
liquidazione tfr

Cosa sono i Voucher Internazionalizzazione 2017?

Sembra finalmente che le società Italiane stiano iniziando ad aprire i propri orizzionti e a guardare finalmente all’estero per strutturare al meglio l’attività di export. Con il Decreto del Direttore Generale per le politiche internazionali e la promozione degli scambi del 23 giugno 2015 infatti, il Ministero dello Sviluppo Economico ha deciso di incrementare in maniera sostanziosa, passando da 10 milioni di euro a circa 17,8, la dotazione finanziaria affinchè 1780 aziende possano accedere ai cosidetti Voucher per l’Internazionalizzazione e poter avvalersi dunque della figura fondamentale del Temporary Export Manager.

In pratica si tratta di un contributo economico di 10000 Euro concesso dallo stato a fondo perduto alle piccole e medie imprese che hanno nei loro programmi la volontà di espandere la propria idea anche al di fuori del mercato nazionale. Le società con determinati requisiti possono fare domanda al Ministero per ottenere i suddetti Voucher.

Per accedervi è necessario un cofinanziamento, parliamo di circa 13.000 euro obbligatori. Una volta accettata la domanda, la società richiedente dovrà fare affidamento su un TEM, da scegliere tra quelli proposti da società di servizi inserite nell’Elenco del MISE.

Voucher per l’Internazionalizzazione 2017: Chi è e cosa fa il Temporary Export Manager?

Con questo ruolo, abbreviato per utilità in TEM, si intende un professionista che vanta un’ottima conoscenza del mercato estero che può permettere all’Impresa Piccola e media di poter contare sull’apporto fondamentale di un esperto nel suo processo di apertura al mercato estero e all’internazionalizzazione.

Spesso, essendo il costo dello stesso troppo alto per la singola impresa, si creano delle vere e proprie cooperative di aziende per usufruire delle qualità del TEM. Fondamentale per il Tem deve essere la conoscenza ottima delle lingue straniere e la capacità di adattarsi ai vari mercati internazionali

Bando Voucher Internazionalizzazione: Chi può fare domanda?

Possono richiedere il suddetto finanziamento:

  • Le piccole e medie imprese costituite come società di capitali;
  • Le reti di imprese medio-piccole qualora presentino un fatturato di almeno 500,000 Euro in uno degli ultimi 3 anni;
  • La start-up con iscrizione nella sezione speciale del registro delle imprese.

Non possono invece in alcun modo richiedere i voucher per l’internazionalizzazione le imprese individuali, le società di persone e di professionisti qualora non avessero la forma giuridica di società di capitali o cooperative.

Voucher Internazionalizzazione MISE: Come fruire dei Voucher?

Le aziende devono presentare, tramite la piattaforma utilizzata anche in fase di registrazione, il contratto stipulato con la società attraverso la quale è stato ingaggiato il Temporary Export Manager, in modo tale da poter dimostrare e quantificare la spesa effettuata. Domanda ed eventuali documenti a corredo, firmati digitalmente dal Responsabile dell’impresa dovranno essere inviati via pec all’indirizzo elencosocietà@pec.mise.gov.it.

Modalità e tempistica per la domanda

Ancora non è stato stabilito l’invio della domanda da parte del MISE. Ogni impresa potrà presentare una sola domanda esclusivamente in maniera telematica. Tutte le aziende, per ottenere le credenziali necessarie all’invio della domanda e documentazione, dovranno seguire le indicazioni riportate all’indirizzo https://exportvoucher.mise.gov.it.

Il ministero, accertata che l’impresa sia iscritta al relativo registro delle imprese e che possegga tutti i requisiti necessari affinchè possa essere presentata la domanda, provvederà ad assegnare il voucher in maniera cronologica, partendo ovviamente dalle prime imprese ad aver fatto domanda. Fondamentale per le imprese fornirsi di marca da bollo richiesta in domanda che dovrà poi essere eventualmente fornita in fase di controllo.

Sul sito del Ministero dello Sviluppo economico è possibile prender visione dell’intero decreto e della relativa normativa. Sullo stesso sito è possibile accedere anche al modello per la domanda dei voucher per l’internazionalizzazione con tutti gli allegati richiesti, le date di presentazione della domanda e le modalità di erogazione dei voucher per l’internazionalizzazione.

Il Ministero dello Sviluppo e dell’Impresa ha aumentato notevolmente i contributi rispetto allo scorso anno e, visto il successo e l’importanza della questione in oggetto, è prevedibile che, le risorse saranno ancora una volta incrementate a partire già dal prossimo anno.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Iscrizione Gestione Separata Inps: Come iscriversi Gestione Separata Inps: Chi deve iscriversi? L’iscrizione alla Gestione Separata INPS è piuttosto complessa, bisogna rispettare un regolamento che indica le classi di lavoratori che si possono iscrivere e le aliquote contributive. Ecco un chiarimento di tutti i dubbi! Dal primo dell’anno 2014 l’isc...
Partita IVA regime dei minimi: guida essenziale alle novità ... La partita IVA regime dei minimi è stata per anni la principale alternativa per chi voleva iniziare un’attività professionale autonoma usufruendo di specifici vantaggi fiscali. Dal 1° gennaio 2016 le cose sono cambiate, in quanto l’unica alternativa per aprire la Partita IVA in maniera agevolata ...
Deducibilità Costi Partita IVA 2017 Costi Partita IVA 2017: Quali sono? Bisogna considerare che i costi per l'apertura della partita Iva si dividono in costi fissi e costi variabili. I Costi Fissi sono: Costo per il commercialista che cura la tenuta della contabilità (generalmente sono calcolate in base alle fatture emesse, a...
Partite IVA comunitarie: i servizi del sito dell’Agenzia del... I titolari di Partite IVA comunitarie hanno la possibilità di usufruire di diversi servizi web messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. Controllo Partita IVA comunitaria: ecco come effettuarlo Gli operatori commerciali titolari di partite IVA comunitarie hanno modo, nei casi in cui operano...
Regime forfettario 2017: i requisiti per accedervi Cos'è il regime forfettario? Il regime forfettario rappresenta ormai dal 2016 l'unica alternativa valida per le persone che vogliono iniziare un'attività senza però doversi sobbarcare le innumerevoli spese che all'inizio potrebbero essere veramente proibitive. Naturalmente non chiunque voglia aprir...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *