Bonus Risparmio Energetico 2017: mini-guida utile

Casa e Ambiente
libretto impianto

Il Bonus Risparmio Energetico 2017 è un ecobonus grazie al quale vi sono delle detrazioni fiscali che possono giungere fino al 75% se si tratta di spese effettuate per lavori volti a migliorare le prestazioni energetiche di un condominio.

Tali detrazioni vengono effettuate sull’ammontare della somma impiegata su interventi di ristrutturazione che vengono eseguiti per il risparmio energetico. L’agevolazione è data da una detrazione Ires o Irpef che va dal 65% ad un massimo del 75% su interventi di efficienza energetica sia per abitazione privata sia per spese di intervento effettuate nei condomini.

Bonus Risparmio Energetico 2017: vademecum spese ed incentivi

Il Bonus Risparmio Energetico 2017 consta di una detrazione fiscale per lavori di riconversione energetica effettuati su edifici già esistenti. Dal 1° gennaio del 2018, le spese che riguarderanno il risparmio energetico per i singoli appartamenti potranno essere detratte per il 36% della somma impiegata per i lavori, così come previsto dal decreto legge 50/2017.

La novità più rilevante a riguardo è quella dell’estensione delle detrazioni fiscali anche ad interventi effettuati sui condomini: se le opere di rifacimento e le spese per i lavori coinvolgeranno l’intero edificio, le agevolazioni fiscali potranno raggiungere il 70% arrivando fino al 75% nel caso in cui i lavori verranno effettuati per migliorare il risparmio energetico sia nel periodo estivo sia in quello invernale.

Quali sono i lavori d’intervento approvati dal Bonus Risparmio Energetico 2017

Nel Bonus Risparmio Energetico 2017, le agevolazioni del 65% per lavori effettuati sulle abitazioni ad uso privato riguardano tutte le operazioni e le spese affrontate per:

  • migliorare termicamente l’edificio (pavimenti, infissi, finestre, coibentazioni);
  • installare pannelli solari;
  • sostituire impianti di climatizzazione;
  • installare sistemi di domotica.

Bonus Risparmio Energetico 2017: a chi sono destinate le detrazioni fiscali?

Le detrazioni fiscali per operazioni volte al miglioramento energetico e alla riqualificazione della propria casa o del condominio presso il quale si risiede, sono rivolte a tutti i cittadini che risultano proprietari di un immobile che necessita di lavori di riqualificazione energetica.

Più dettagliatamente, i cittadini che possono richiedere le detrazioni fiscali del 65% o del 75% elargite dal Bonus Risparmio Energetico 2017 sono:

  • soggetti che conseguono reddito d’impresa (società di persone o di capitali oppure persone fisiche);
  • associazioni tra professionisti;
  • enti privati o pubblici che non praticano attività commerciale;
  • persone fisiche, ossia inquilini, persone che posseggono un immobile in comodato d’uso, conviventi o familiari che contribuiscono a sostenere le spese, oppure persone titolari di un reale diritto sull’immobile.
  • per lavori da praticare sulle parti comuni, sono i condomini coloro i quali possono farne richiesta. Quest’ultima va effettuata inviando la pratica online al nuovo portale ENEA, Agenzia nazionale per l’efficienza energetica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *