La Dichiarazione d’Intento per l’anno 2017

Tasse e Fisco

Cos’è la Dichiarazione d’Intento?

La dichiarazione di intento è il documento con il quale l’esportatore abituale attesta, sotto la propria responsabilità, di avere i requisiti di legge per essere definito tale e manifesta al proprio fornitore la volontà di acquistare beni e servizi senza il pagamento dell’IVA, nei limiti di un determinato plafond.

Per esportatore abituale si intende l’operatore economico in ambito internazionale che nell’anno solare precedente o negli ultimi 12 mesi abbia registrato esportazioni, o operazioni assimilate, per un ammontare superiore al 10% del volume di affari conseguito in pari periodo. Naturalmente, gli esportatori che intendono usufruire del regime agevolato della sospensione di imposta, debbono adempiere ad alcune formalità previste specificamente dalla legge.

Presentazione della Dichiarazione d’Intento

A seguito delle recenti modifiche legislative introdotte, le lettere di intento debbono essere inviate, a cura dell’esportatore abituale, all’Agenzia delle Entrate e soltanto dopo consegnate al proprio fornitore di beni o servizi. L’invio della dichiarazione all’Agenzia delle Entrate avviene telematicamente, previa generazione automatica del documento, attraverso l’apposito software messo a disposizione nel sito dell’Agenzia, non essendo ammessa altra modalità equipollente.

Oltre al software di produzione ed invio delle dichiarazioni, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione anche un software di controllo che permette di evidenziare eventuali errori o incongruenze dei dati forniti.

Dichiarazione d’Intento 2017: Cosa contiene?

Il contenuto della lettera d’intenti, in sintesi, riporta i seguenti dati:

  • La numerazione, con riferimento sia al numero di protocollo dell’esportatore abituale, sia al protocollo attribuito dal fornitore;
  • I dati anagrafici del richiedente, in genere del legale rappresentante ovvero di altra persona delegata all’incombente;
  • La descrizione della tipologia di operazione richiesta, con anno di riferimento;
  • I dati del destinatario della lettera;
  • Il tipo di plafond scelto, solare o mensile.

La dichiarazione può riguardare una operazione singola o più operazioni tra le stesse parti, e la sua validità può essere ancorata ad un determinato periodo di tempo oppure ad un importo prefissato. In nessun caso però la validità può andare oltre il 31 dicembre dell’anno cui si riferisce.

Dichiarazione d’Intento Obblighi dell’Esportatore: Quali sono?

Ricevuta la lettera d’intento, l’Agenzia delle Entrate rilascia attestato di presentazione che l’esportatore abituale consegnerà in formato cartaceo al suo fornitore, assieme ovviamente alla relativa dichiarazione. Il fornitore a questo punto dovrà verificare sulla piattaforma del sito dell’AdE la correttezza della lettera di intento ricevuta e soltanto dopo effettuare la vendita in regime di sospensione dell’IVA.

Di converso, il venditore non ha più l’obbligo di informare telematicamente il fisco circa le operazioni in regime fiscale agevolato, ma ha comunque l’onere di:

  • Annotazione delle dichiarazioni d’intento negli appositi registri aziendali;
  • Indicazione sulla fattura degli estremi che individuano la lettera d’intento in forza della quale non si corrisponde l’IVA.

Nel caso in cui l’esportatore abituale invii tardivamente al fornitore la lettera d’intento, il fornitore è tenuto ad emettere fattura con IVA, mentre l’esportatore avrà diritto ad esercitare la detrazione dell’IVA secondo le regole ordinarie.

Dichiarazione Iva 2017 Quadro VI: Novità fiscali e sanzionatorie

Come noto, a partire dalla dichiarazione IVA 2017 per l’anno di imposta 2016 sarà in vigore l’obbligo di presentare il modello IVA in forma autonoma nel periodo compreso tra il primo ed il 28 di febbraio. Il quadro VI della dichiarazione sarà per la prima volta riservato ai fornitori di esportatori abituali e dovrà obbligatoriamente contenere l’esposizione dei dati contenuti nelle dichiarazioni d’intento ricevute, quali:

  • Il numero di partita IVA del committente;
  • Il numero di protocollo attribuito dall’AdE alla lettera d’intento ricevuta per via telematica;
  • Il numero progressivo attribuito dall’esportatore abituale.

Sotto il profilo sanzionatorio, infine, dal 1 gennaio 2017 viene introdotta la sanzione amministrativa da € 250 ad € 2.000 per il fornitore dell’esportatore abituale, qualora effettui cessioni di beni o prestazione di servizi prima di aver ricevuto la dichiarazione d’intento ed aver verificato l’avvenuta trasmissione all’Agenzia delle Entrate. Tale sanzione sostituisce la precedente, più gravosa, che prevedeva l’irrogazione di una sanzione amministrativa che spaziava dal 100% al 200% dell’imposta non applicata.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Naspi 2017 e la cumulabilità con il Bonus 80 euro Naspi 2017: il nuovo ammortizzatore sociale e la cumulabilità con gli 80 euro La Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego, o Naspi 2017, dal 1 Gennaio di quest'anno ha sostituito tutte le altre prestazioni a sostegno del reddito. I criteri di accesso e funzionamento sono i seguenti: stato di ...
Dichiarazione dei Redditi 2017: chi è esonerato? Dichiarazione dei Redditi 2017: una panoramica su tutti i cittadini che possono evitare di compilarla Come ogni anno, la dichiarazione dei redditi 2017 crea confusione: vediamo chi sono i soggetti che sono esonerati dal dover presentare la dichiarazione ed ovviamente le motivazioni che riguardano q...
Quando si paga la Tasi 2017? Tasi 2017: la scadenza è al 16 giugno Ogni anno gli italiani devono pagare allo Stato le tasse sulla casa: TASI, IMU e TARI per chi possiede un immobile a qualsiasi titolo, fatta eccezione della prima casa non di lusso a fini Tasi e Imu. Il decreto legge legato alla Legge di Bilancio 2017 ha int...
Corrispettivi telematici 2017: tutto quello che c’è da saper... Corrispettivi comunicazione telematica: cos’è e come funziona? L’Agenzia delle Entrate ha rilasciato, in via transitoria, la nuova procedura per i corrispettivi telematici. Procedura che a partire da gennaio 2017 consentirà a ristoranti, alberghi, commercianti al minuto e artigiani di inviare onlin...
Modello F24 compilabile/editabile on line e stampa pdf Per molti rappresenta un vero e proprio spauracchio, eppure il modello F24 è il metodo più semplice e diretto per pagare tributi di varia natura, che possono andare dall'Irpef all'Imu, e dalle casse previdenziali alla Tasi. In questa breve guida spiegheremo al lettore come compilare ed editare il Mo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *